Calcio, è nata la Super Lega-The Super League: Juventus, Inter e Milan tra le 12 squadre più forti in Europa. L’annuncio della Juventus

19 Aprile, 2021 13:44 |
Facebooktwitterlinkedinmail

Nella mezzanotte fra domenica 18 e lunedì 19 aprile, 12 grandi club hanno annunciato ufficialmente di aver stipulato l’accordo per la creazione di una nuova competizione, Super League, che ha già un sito internet ufficiale, www.thesuperleague.it. Si tratta di sei squadre inglesi (Manchester United, Manchester City, Arsenal, Chelsea, Liverpool, Tottenham), tre spagnole (Real Madrid, Barcellona, Atletico Madrid) e tre italiane (Juventus, Inter e Milan).

La Superlega o Super League è un nuovo campionato fra i club d’élite che è destinato a prendere il posto della Champions League. Il format prevede 20 squadre: 15 membri fondatori, qualificati di diritto, e 5 club ammessi a rotazione in base ai risultati sportivi. La formula prevede due gironi da 10 squadre: le prime tre di ogni gruppo accedono direttamente ai quarti di finale (non ci sarebbero gli ottavi), insieme alle due vincenti degli spareggi fra quarta e quinta classificata. Dai quarti di finale la formula ricalca quella dell’attuale Champions League: gare di andata e ritorno a eliminazione diretta, finale in una partita unica. Per il momento, Psg, Bayern Monaco e Borussia Dortmund non hanno aderito.

Quando partirà la Superlega? I club vogliono partire “al più presto”. L’ipotesi più realistica è agosto 2022.

Ma la Super League sostituisce dunque la Champions? No. La Uefa, il governo del calcio europeo, è contraria al progetto e ha già minacciato sanzioni per i club. Si tratta di un vero e proprio scisma. L’attuale Champions League è una competizione ufficiale, organizzata in modo centrale dall’Uefa, e le partecipanti accedono in base al risultato nel campionato nazionale, ricevendo premi legati ai risultati sportivi e alle quote commerciali (market pool) che vengono divisi e distribuiti dall’Uefa. La Superlega è un torneo privato organizzato e gestito direttamente dai club, che lo disputerebbero a metà settimana “invece” delle Coppe tradizionali. I club ribelli sono invece disposti a continuare a disputare regolarmente il campionato nel weekend (Serie A, Premier League, Liga), se non saranno espulsi.

Perché c’è questa scissione? I grandi club vogliono aumentare il numero di partite di alto livello fra le migliori squadre d’Europa. Vogliono gestire direttamente (e moltiplicare) gli incassi di sponsor e diritti televisivi senza mediazioni. La pandemia ha prodotto una crisi drammatica nei conti e la Superlega è considerata l’unica via per rilanciare il calcio. Avere incassi certi e garantiti di diritto aiuta i club a sostenere investimenti e programmazione.

Quanto vale la Superlega? I club fondatori avranno 3,5 miliardi come contributo una tantum a supporto dei loro piani di investimento e per “blindare l’impatto della pandemia Covid 19”. La torta dei diritti tv sarà di circa 4 miliardi. Un singolo club potrebbe incassare fino a 350 milioni a stagione. Il progetto prevede anche contributi di solidarietà al calcio europeo in misura maggiore alle cifre stanziate al momento: l’obiettivo è di raccogliere 10 miliardi.

Perché la Uefa e le Federazioni minacciano sanzioni? Cosa succederà?
Le istituzioni del calcio hanno ribadito ieri una posizione già netta: chi aderisce alla Superlega è fuori da tutto il resto del calcio. Vuol dire che non può partecipare a nessun torneo ufficiale. Vale per i club, che non potrebbero partecipare al campionato, ma anche per i giocatori, che così non potrebbero giocare più in nazionale, rinunciando a Mondiali ed Europei. E c’è il nodo degli arbitri: chi dirigerà queste partite? L’espulsione varrebbe anche per loro. Servirebbero arbitri privati ingaggiati con contratti pluriennali. Ovviamente solo per i club le sanzioni possono partire immediatamente. Uefa, federazioni e leghe nazionali interessate hanno pubblicato una nota già ieri prima dell’annuncio ufficiale. La Fifa si è espressa nella notte, invitando alla calma e al dialogo.

Che ne sarà della Champions League? Il format non cambierà per il triennio 2021-2024, i diritti tv sono già stati assegnati. L’Uefa ha pronta una riforma del torneo per portarlo da 32 a 36 squadre. Un girone unico, in cui ogni club gioca solo 10 partite (5 in casa, 5 fuori). Le prime 8 accedono agli ottavi direttamente. Le squadre dal nono al ventiquattresimo posto accedono ai play-off che qualificano altre 8 squadre. Questo sistema entrerebbe a regime dal 2024. Ma è evidente che una fuga dei migliori club europei svuoterebbe immediatamente la Champions League di valore.

Di seguito il comunicato della Juventus sull’accordo sottoscritto per la Super League:

Juventus Football Club S.p.A. (la “Società” o “Juventus”) annuncia la sottoscrizione di un accordo con altri top club europei, ossia Associazione Calcio Milan S.p.A., Arsenal Holdings Limited, Club Atlético de Madrid S.A.D., Chelsea Football Club Limited, Football Club Barcelona, F.C. Internazionale Milano S.p.A., The Liverpool Football Club and Athletic Grounds Limited, Manchester City Football Club Limited, Manchester United Football Club Limited, Real Madrid Club de Futbol e Tottenham Hotspur Limited, per la creazione di una nuova competizione calcistica europea, la Super League. I club hanno concordato di partecipare alla Super League con un progetto di lungo termine. È previsto che altri top club europei aderiscano al progetto Super League, così da costituire un nucleo di club composto da un numero massimo di 15 membri fondatori permanenti, ai quali, in ciascuna stagione sportiva, si aggiungeranno altri club secondo un processo di ammissione, per un totale di 20 club.

I club fondatori continueranno a partecipare alle rispettive competizioni nazionali e, fino all’avvio effettivo della Super League, Juventus ritiene di partecipare alle competizioni europee alle quali ha titolo di accedere. I club fondatori desiderano attuare il progetto Super League in accordo con FIFA e UEFA, tenendo in considerazione gli interessi degli altri stakeholder che fanno parte dell’ecosistema calcistico. Al contempo, onde assicurare il buon esito del progetto e così darvi pronta esecuzione, la società costituita per la Super League potrebbe anche agire in via giudiziale al fine di tutelare i propri diritti. La Super League sarà infatti organizzata e gestita da un’apposita società partecipata da ciascun club in egual misura. L’accordo prevede, pertanto, l’impegno di ciascun club a sottoscrivere una quota del capitale sociale della società, con un investimento iniziale di Euro 2 milioni incrementabili, ove necessario, fino a ulteriori Euro 8 milioni.

All’avvio effettivo della Super League ed a seguito della commercializzazione dei diritti audiovisivi relativi alla competizione, in base all’accordo è previsto che i club fondatori ricevano nel complesso un contributo di importo netto indicativamente pari a Euro 3,5 miliardi, che verrà erogato in un’unica soluzione; questa somma, che sarà ripartita tra i club fondatori secondo percentuali da definire in base al numero definitivo di club fondatori , sarà resa disponibile attraverso adeguati strumenti di finanziamento sottoscritti da primarie istituzioni finanziarie internazionali. Juventus confida che la Super League crei valore a lungo termine per la Società e per l’intero movimento calcistico. I club fondatori faranno tutto quanto possibile per realizzare il progetto nel più breve tempo possibile. Tuttavia, la Società non può al momento assicurare che il progetto sarà effettivamente realizzato né prevedere in modo preciso la relativa tempistica. La Società non dispone quindi allo stato di tutti gli elementi necessari al fine di svolgere valutazioni di dettaglio sull’impatto che la Super League potrà avere sulle sue condizioni e performance finanziarie ed economiche.

 

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento

  1. 3 settimane  

    Ritengo per un campionato solo delle squadre maggiori d’Europa. IO non sarei d’accordo perché così facendo il calcio delle squadre più povere non cresceranno mai. Mi auguro che questa superlega non vada in porto. Anche perché, UEFA, FIGC e Lega minacciano a chi parteciperà, non prenderanno parte ne alla Champions ne alla l’Europa League. Tra l’altro i giocatori che parteciperanno non potranno giocare nelle relative Nazionali.
    Pasquale Fontana