La Bawer ritrova il fattore-PalaSassi

28 Ottobre, 2007 22:19 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

candido.jpg

Basket, serie B1 girone B, 3^ giornata

Bawer Matera – Sant'Antimo 83-78

Bawer Matera:  De Monaco 2, Gottini 15, Barozzi 7, Malamov 8, Resta n.e., Longobardi 7, Valerio n.e., Maggioni 20, Basanisi 10, Candido 14. Coach Miriello

Sant’Antimo: Colli 11, Di Capua 6, Valentini 10, Dalfini 9, Petrazzuoli n.e., Cavalieri 13, Corvo 4, Gatti 6,  Foglia n.e., Sorrentino 19. Coach Ponticello.

Tiri liberi: Matera 17/22, Sant’Antimo 15/23

Tiri da tre: Matera 8/22, Sant’Antimo 7/21.

Usciti per 5 falli: Basanisi e Gottini nella Bawer, Dalfini per Sant’Antimo.

Rotto l’incantesimo PalaSassi. La Bawer fatica più del previsto per superare l’ostico Sant’Antimo ma in B1 non c’è nessuna squadra materasso e anche i campani, nonostante lo zero in classifica, hanno dimostrato di non meritare il titolo di cenerentola del girone. Ottima difesa degli ospiti e Longobardi mai in partita: quando il capitano non segna la Bawer non riesce a decollare e la gara contro Sant’Antimo è stata tiratissima, sino alla fine. Gara equilibrata nel primo quarto, nonostante il massimo vantaggio campano ottenuto al 6’30’’ con la tripla di Sorrentino, top-scorer del match (11-18). Se Longobardi non incanta, l’ex Malamov non punge e coach Miriello azzecca il cambio: al suo posto gioca Gottini e il Matera rimonta Sant’Antimo con nove punti in due minuti e mezzo del nuovo entrato: un ingresso vincente con fallo subito e tiro supplementare e due triple che frenano la possibile fuga degli ospiti (19-18). Primo quarto chiuso 22-20 con Basanisi in evidenza. Anche la seconda frazione si apre con un canestro del play e Maggioni mette la tripla che porta Matera a + 7: resterà questo il massimo vantaggio, conseguito altre quattro volte durante l’arco dell’incontro. Cavalieri, Corvo e Gatti riacciuffano la Bawer e Miriello pensa ad un’altra Bawer con l’ingresso di De Monaco e Barozzi al posto di Longobardi e Maggioni. Malamov, Barozzi e uno strepitoso Gottini riportano Matera a + 7 ma l’ex di turno si conferma croce e delizia della squadra di casa: fallo antisportivo per lui e Sant’Antimo nuovamente in partita con Sorrentino e Dalfini. Gatti si scontra con Delfini e deve lasciare il campo, squadre al riposo dopo i canestri di Dalfini e Basanisi (42-39). Punteggio in bilico anche nel terzo quarto: Matera brekka altre due volte e guadagna il +7 prima con Candido, Gottini e il redivivo Longobardi e poi con due giocate straordinarie di Candido. Il Sant’Antimo non molla e si aggrappa al match con Sorrentino e Di Capua, tripla per lui (52-48). Barozzi è il valore aggiunto della nuova Bawer ma il Sant’Antimo completa la rimonta con Dalfini, Sorrentino e una bomba di Colli (57-57). Un errore in attacco su entrambi i fronti poi Dalfini e De Monaco rimandano all’ultima frazione la battaglia decisiva (59-59).  Dopo l’affondo di Dalfini, scatta il festival delle triple con Cavalieri che replica due volte alle bombe pesantissime di Maggioni e Basanisi. La Bawer è carica di falli ma resta a galla con Candido e Maggioni, seconda tripla per lui (71-72). A tre minuti dalla fine quinti fallo di Gottini, al suo posto gioca Malamov, un minuto dopo tocca a Basanisi lasciare la contesa, in campo si rivede Barozzi. Decisivi gli attacchi di Malamov e Maggioni: Matera a + 4 ad un minuto dalla fine. Il Sant’Antimo può crederci ancora ma Sorrentino, il migliore del Sant’Antimo, manda fuori la palla più importante e il fallo sistematico non cambia le sorti del match. Maggioni non perdona dalla lunetta e il Sant’Antimo si affida al tiro da tre: Valentini riaccende le speranze. Longobardi conferma la sua giornata storta segnando solo il secondo dei due liberi a disposizione per archiviare il match ma il canestro di Gatti nell’ultima azione non basta per cambiare il destino del match: chiude Maggioni, anche lui a segno solo una volta dalla lunetta. Finisce 83-78 per la Bawer ma il Sant’Antimo esce dal PalaSassi con l'onore delle armi.

Michele Capolupo

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.