Ordinazione episcopale a Crotone per don Pino Caiazzo, Matera aspetta il nuovo Vescovo

3 Aprile, 2016 11:41 |
Facebooktwitterlinkedinmail

Con una cerimonia solenne promossa nel tardo pomeriggio di sabato 2 aprile al PalaMilone di Crotone don Pino Caiazzo, designato alla guida dell’Arcidiosi di Matera-Irsina è stato ordinato Vescovo. Alla consacrazione episcopale hanno partecipato circa 3000 persone, con una folta delegazione proveniente dalla città dei Sassi, che ha salutato don Pino con un bellissimo striscione biancoazzurro: “Matera ti aspetta”. La cerimonia è avvenuta a Crotone, città in cui don Pino è stato per diversi anni parroco della chiesa di San Paolo.
Giuseppe Antonio Caiazzo, per tutti don Pino, è nato a Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone e ha 59 anni. Non è passato inosservato il fatto la sua consacrazione episcopale sia avvenuta attraverso le mani di monsignor Antonio Staglianò, vescovo della diocesi di Noto, in Sicilia, anche lui nato a Isola Capo Rizzuto. I due presuli, oltre ad essere “compaesani”, sono praticamente coetanei ed amici e la loro vocazione si è sviluppata “con la stesso entusiasmo e amore che deve caratterizzare la vita presbiterale”, come ha avuto modo di spiegare nei giorni scorsi monsignor Caiazzo.
Alla cerimonia hanno partecipato numerosi rappresentanti istituzionali della Calabria e della Basilicata, in particolare della città di Matera, che è pronta ad accogliere Monsignor Caiazzo sabato 16 aprile quando ufficialmente entrerà nella casa della sua Sposa, la Cattedrale di Matera finalmente restituita al culto dopo dieci anni di chiusura a causa dei lavori di ristrutturazione.

Riportiamo di seguito il discorso di Monsignor Pino Caiazzo dopo la consacrazione episcopale

Carissimi, con Gesù e con la Chiesa, vi saluto tutti dicendo: “Pace a voi”.
E’ il saluto che sapientemente la Liturgia pone all’inizio di ogni celebrazione proprio per indicare che Gesù, il risorto, è colui che dona la pace. Quella pace che non può dare il mondoma viene da Dio. Se noi crediamo in quel che ci viene donato saremo seminatori di pace nei campi del mondo; portatori di pace tra le rovine e le macerie che l’egoismo umano continua a perpetuare; costruttori di pace là dove gli altri distruggono. Che bella la pace che Gesù ci augura e che la Chiesa, nel tempo, continua a celebrare in ogni occasione! Non una semplice stretta di mano, un saluto come tanti, un bacio di affetto, ma la pace che viene da Dio.
Durante la settimana di esercizi spirituali, in preparazione a questo giorno, mi è ritornata in mente una frase di S. Giovanni XXIII, che dice: “Sarò dunque vescovo. Quale spavento per me, che mi sento così miserabile e difettoso in tante cose!”. Ed è vero! Ma mi fido del Signore e “sulla sua parola getterò le reti”. So per certo che, come dice il Salmo che abbiamo ascoltato, «Il suo amore è per sempre». Lo ringrazio perché “su di me ha posto la sua fiducia”.
Esprimo la mia gratitudine a Papa Francesco che, attraverso il Nunzio Apostolico, Mons. Adriano Bernardini, mi ha chiesto di essere Vescovo della Chiesa di Matera – Irsina. Mi ha letteralmente sorpreso, spiazzandomi, per tutta una serie di coincidenze che ormai ben conoscete.
Mi permetto di dire ai miei confratelli Vescovi, che con la loro presenza mi stanno onorando, con Gesù: Pace a voi. Grazie perché ci siete, perché prima di me siete stati chiamati a servire la Chiesa di Gesù Cristo e lo state facendo con amore e dedizione. Quella pace che è segno della vittoria di Cristo sulla morte; quella pace che in tantissime occasioni avete avuto modo di mostrare con segni concreti distruggendo i muri di separazione che spesso vengono innalzati. Grazie perché siete il segno visibile del Cristo risorto. Un pensiero particolare al mio Arcivescovo, Mons. Domenico Graziani per la fiducia che mi ha accordato volendomi vicino come suo Vicario per il Clero e la Vita consacrata. Esperienza che mi ha aiutato non poco per capire il non facile compito di essere vescovo. Questa esperienza mi sarà di grande aiuto ora che lo sono anch’io. Grazie per la sua affabilità e disponibilità affinchè tutto oggi venisse celebrato nel modo più bello possibile. Grazie a Mons. Andrea Mugione per la paternità che mi ha sempre mostrato e la stima che in tanti modi sempre mi ha manifestato. Grazie a Mons. Antonio Luigi Cantafora, confratello nel sacerdozio e amico, sempre attento e presente in tutte le circostanze della mia vita. Grazie a Mons. Salvatore Ligorio, mio predecessore a Matera. Mi consegna una Diocesi nella quale ha lavorato con passione, amore e vicinanza al presbiterio e ai fedeli. Avrò bisogno della sua vicinanza e consigli. Grazie a Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, e a Mons. Rosario Gisana, vescovo di Piazza Armerina, per l’amicizia e la stima reciproca. A Lei, Mons.Vincenzo Bertolone, Presidente della Conferenza Episcopale Calabra esprimo la mia stima e comunione fraterna. Il legame con la mia terra resterà sempre intatto.. Grazie a tutti voi Ecc.mi confratelli vescovi con i quali abbiamo condiviso negli anni esperienze di comunione, di servizio nella Chiesa. Per ognuno di voi avrei da dire parole di gratitudine. Lo farò personalmente. Grazie ai  tantissimi vescovi e Cardinali che si sono resi presenti con telefonate, lettere, posta elettronica da tutta Italia e anche dall’estero.Grazie a S. E. Mons. KrzysztofNykiel(Reggente Penitenzeria Apostolica). Un grazie particolare va al mio amico di sempre: Don Tonino. Quando eravamo piccoli e dovevamo entrare in seminario, la mattina presto Mons. Giacinto Scalzi celebrava la S. Messa al Duomo alle 6.30. Facevamo a gara per chi arrivava primo. Per quanto mi impegnassi lui arrivava sempre prima di me. In questa gara, anticipando sempre l’arrivo, trovavamo la chiesa chiusa e alle 5.45 aspettavamo il parroco. Capite benissimo che il legame, la passione, l’amore, le lotte, i dispetti, le riconciliazioni, il piangere e il gioire insieme (quando più grandicelli entrò in questo circolo d’amore anche Don Fortunato Morrone) ha segnato e sta segnando la nostra vita. Ho sentito nella preghiera che doveva essere lui a consacrarmi, senza voler far torto a nessuno. Ti dico solo: Grazie Tonino!
Pace a voi,confratelli nel sacerdozio. Ogni giorno e spesso più volte al giorno, dite ai fedeli a voi affidati: Pace a voi! Siete stati chiamati, attraverso il ministero presbiterale, a mostrare il volto misericordioso del Padre, sull’esempio di Gesù, Maestro e Signore. La nostra gente spesso la sentiamo dire: un prete è uomo di Dio, quindi uomo di pace. Grazie di cuore al presbiterio di Crotone – S. Severina nel quale sono cresciuto e mi sono fortificato nella comunione fraterna. Ognuno di voi è stato e rimarrà sempre una ricchezza per la mia vita presbiterale, prima, ed episcopale, ora. Avrò sempre bisogno di voi, della vostra preghiera. A Don Peppino Morrone: grazie! Sono stato per te il primo prete di una lunga serie di giovani che hai avviato, come Rettore, al sacerdozio.  Grazie ai sacerdoti provenienti da tutte le parti della nostra amata terra di Calabria e anche da fuori, soprattutto ai Servi della Sofferenza, fondati da Don Pierino Galeone, figlio spirituale di S. Pio che mi ha preparato a questo momento, predicandomi gli esercizi spirituali. Il vostro affetto e stima mi commuovono. Grazie ai confratelli sacerdoti, miei compagni di viaggio nella formazione del Seminario Pio XI di Reggio Calabria e S. Pio X di Catanzaro. In questo momento alzo gli occhi al cielo sentendo una particolare comunione con il carissimo Don Giovanni Berlingieri che benedice me e voi tutti. Sarebbe bello se nell’anniversario della sua nascita alla vita eterna ci incontrassimo. Magari a Matera. Un grazie particolare al clero della mia Sposa, di Matera – Irsina. Con buona parte di voi ormai stiamo avendo diversi contatti: ci stiamo conoscendo. Lavoreremo insieme per il bene della nostra Chiesa. Ho bisogno di voi. Papa Francesco, nell’EvangeliiGaudium, dice: “Il Vescovo deve sempre favorire la comunione missionaria nella sua Chiesa diocesana perseguendo l’ideale delle prime comunità cristiane, nelle quali i credenti avevano un cuor solo e un’anima sola” (30). Aiutatemi affinchè non venga meno a questa priorità.
Grazie anche ai seminaristi che si stanno formando presso il Seminario interdiocesano di Potenza. Presto verrò a trovarvi per conoscervi e seguirvi personalmente. Grazie al Seminario Teologico Regionale di Catanzaro. Ai colleghi insegnanti e al Direttore dell’Istituto la mia stima, il mio apprezzamento per la competenza, la scientificità e l’amore allo studio teologico, indispensabile e fondamentale perché ci siano pastori nella nostra terra di Calabria che non si rifugino in schemi devozionalistici ma capaci di annunciare il vangelo con amore, forza e coraggio. All’equipe educativa dei seminari Calabro e Lucano esprimo la mia gratitudine perché con tanta passione e dedizione seguite nella loro formazione spirituale e umana il futuro clero della Calabria e della Basilicata.
Pace a voi, diaconi tutti. Chiamati a stare accanto ai presbiteri e ai vescovi, siete una risorsa enorme per l’intera Chiesa: a servizio della Parola e della Carità.
Pace a voi, che fate parte della vita consacrata. Che dono grande che siete nella Chiesa santa di Dio! Un esempio di dedizione, di obbedienza e di servizio silenzioso e fecondo. Permettetemi che ringrazi in particolare le Suore Orsoline di Breganze (saluto la Madre Generale Madre SamuelaSartorel) che dal 09 ottobre del 1988 servono con amore disinteressato questa Chiesa e la comunità parrocchiale di S. Paolo in particolare; alle Sorelle Missionarie di S. Gemma (saluto la Madre Generale Madre Tonia Grosso) con le quali, nel tempo, si è andato consolidando un rapporto spirituale sempre più profondo; alle Monache del Carmelo di Capo Colonna. Da sempre mi avete seguito con la preghiera nel mio ministero sacerdotale; ora, ne sono certo, continuerete a farlo in quello episcopale.
Pace a voi, che rappresentate le istituzioni civili e militari. Grazie per la vostra presenza e per l’attenzione che in vari modi mi avete manifestato in questi giorni. Nella diversità di ruoli e nel rispetto degli stessi, lavoriamo per il bene comune di una umanità che ha bisogno, nei nostri comprensori, di scrollarsi di dosso il cancro della sottomissione alle mafie che li mortificano; di un territorio che ha bisogno di essere disintossicato e bonificato perché gli interessi di pochi l’hanno avvelenato: l’altissimo tasso di morte per tumore non può lasciare nessuno indifferente. Penso in questo momento all’emorragia dell’emigrazione dei nostri giovani in cerca di lavoro che sta svuotando le nostre case e le nostre parrocchie, mentre il nostro cuore, perché così siamo fatti, si dilata nell’accogliere e accudire i tantissimi immigrati che arrivano nel nostro territorio. Grazie per quello che state facendo; grazie per quanto farete.
Pace a voi, che operate nella diversificazione del volontariato. Una città, la nostra, che in mezzo a tante contraddizioni esprime molte energie e attenzione alle periferie esistenziali. La carità è servizio silenzioso e gratuito. Per questo non fa rumore. Grazie perché ci siete e per quanto mi avete insegnato stando al vostro fianco.
Pace a voi, fratelli e sorelle della mia amata Arcidiocesi di Crotone – S. Severina. In 35 anni di sacerdozio ho avuto modo di girare in lungo e in largo, per motivi diversi, il nostro territorio. I vostri volti li conosco: non mi siete estranei. Siete miei familiari. Continuate a pregare per me così come io farò per voi sempre. Presto ritornerò in città per rendere onore insieme a voi alla Madonna di Capo Colonna.
Pace a voi, miei concittadini di Isola di Capo Rizzuto. Le mie radici, le miei origini, la mia terra che amo e che, anche se mi allontanerò ulteriormente da voi, ne sentirò sempre il profumo inconfondibile. La dolce icona della Madonna Greca è un richiamo forte per ogni isolano a ritornare a casa. Sentitemi vicino sempre. Pace ai Padri Rosminiani che mi hanno fatto partecipi della loro spiritualità anche a S. Giovanni a Porta Latina a Roma e con i quali sono cresciuto soprattutto per la vicinanza e presenza di Don Riccardo Alfieri, padre, consigliere, guida, leale nel servire e amare la Chiesa e questa Chiesa. Grazie a Don Mario Natale, Don Edoardo Scordio, attuale parroco di Isola, a Don Egidio Pudia, Don Giorgio Rigoni, fino a Don Gianni Errigo.
Pace a voi,mia diletta Sposa di Matera – Irsina, che il Signore, attraverso Papa Francesco, mi ha affidata. Il 05 marzo, al termine dell’inaugurazione della Basilica Cattedrale di Matera, che ho seguito interamente attraverso la TV, ho ricevuto un sms: “La Sposa è pronta e aspetta lo Sposo”. Vi dico: lo sposo è pronto e a giorni entrerà nella casa della Sposa. Abbiate ancora un po’ di pazienza. Sappiate solo una cosa: amo la Sposa che il Signore mi ha donato. Di conseguenza, amo voi. Grazie perché avete fatto tanti sacrifici per essere oggi qui. A voi, in particolare, il giorno dell’ingresso parlerò, presentando le linee guida sulle quali intendo muovermi in comunione con la Chiesa e in continuità con il lavoro pastorale portato avanti dal mio predecessore, S. E. Mons. Salvatore Ligorio. La Madonna della Bruna prega per noi e con noi.
Pace a voi, mia cara e amata parrocchia di S. Paolo. Non trovo le parole giuste per esprimere le mie emozioni in questo momento. Più di trenta anni vissuti insieme. Vi conosco uno per uno anche se siete tantissimi. Le vostre gioie e i vostri dolori sono stati i miei. Da periferia a quartiere dormitorio, da agglomerato di ceti sociali diversi che si guardavano con diffidenza a comunità cresciuta perché illuminata dalla Parola di Dio. Dalle celebrazioni ai bordi delle strade e nei condomini alla costruzione della chiesa, ormai da troppo tempo insufficiente a contenere tutti voi. Grazie, figli miei (penso di poterlo dire) perché mi avete dato l’opportunità di entrare nelle vostre case, stare con voi, crescere con voi. Grazie per l’amore che mi avete sempre mostrato. Come ho già avuto modo di dire: voi siete la lettera che Dio mi ha dato di scrivere! Quando vi capiterà di passare dalla Lucania, la mia Sposa, Matera – Irsina, sarà felice di accogliervi e stare con voi. Vi abbraccio e benedico singolarmente.
Pace a voi, movimenti, cammini di fede, associazioni, gruppi che in questi anni ho seguito anche come Direttore spirituale. Saluto e ringrazio per la sua presenza il Presidente Nazionale del Rinnovamento nello Spirito, Salvatore Martinez, che ha voluto essere presente insieme a una delegazione Nazionale e Regionale. Grazie per la vostra preghiera e il vostro affetto. Nella prima lettura si diceva: “Molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli apostoli. Tutti erano soliti stare insieme nel portico di Salomone; nessuno degli altri osava associarsi a loro, ma il popolo li esaltava” (At 5,12). Nella diversità dei carismi siete parte del Corpo di Cristo che è la Chiesa. Coltivate il vostro carisma ascoltando e rimanendo sempre in comunione e in obbedienza alla Chiesa.
Pace a voi, miei familiari, da sempre uniti, attenti alla mia persona, unico fratello maschio. Non mi avete viziato, ma mi avete sempre amato. Questo dice tutto. Sono ventiquattro anni che non dormo a casa dei nostri genitori, da quando mamma, il 12 febbraio del 1992 è entrata nella gloria eterna. Coincidenze, Dioincidenze? Sta di fatto che nello stesso giorno, nello stesso mese, alla stessa ora della morte di mamma, veniva dato l’annuncio della mia nomina a Vescovo. D’ora in poi, ogni volta che rientrerò da Matera, casa da ruga di Favuci e duCarvanu, mi accoglierà come quando mi accolse il giorno della mia nascita
S. Giovanni, nel libro dell’Apocalisse ci ha ricordato: “Ma egli, posando su di me la sua destra, disse: “Non temete! Io sono il Primo e l’Ultimo, e il Vivente. Ero morto, ma ora vivo per sempre e ho le chiavi della morte e degli inferi. Scrivi dunque le cose che hai visto, quelle presenti e quelle che devono accadere in seguito” (Ap 1,19).
In questo momento ritorno ad alzare gli occhi al cielo nel contemplare i tanti volti che ormai sono entrati nella vita eterna e che Dio mi ha dato di accompagnare fino a pochi giorni fa. Grazie per la vostra testimonianza di fede; per i vostri insegnamenti di amore alla vita; per la vostra fiducia sconfinata nel Signore Gesù; per la vostra carità; per la vostra preghiera. Sono certo che continuerete a farlo da lassù.
E mentre contemplo il cielo che si avvicina alla terra e la terra al cielo permettetemi di ricordare in particolare: Mons. Giacinto Scalzi, parroco indimenticabile. Quasi la totalità dei sacerdoti di Isola (8 su 12) dobbiamo a lui e alla sua opera instancabile il nostro essere preti, e ora addirittura due vescovi. Mons. Vincenzo Savio, vescovo di Belluno, che nella sua pur breve esperienza a Isola ha lasciato un segno indelebile nel vivere l’essere prete. Nel tempo si è andata consolidando questa amicizia; P. Fiorenzo Viviani: tanti sacerdoti calabresi siamo stati da lui seguiti e aiutati a crescere nell’amore a Dio, alla Chiesa e alla Madonna; Don Ignazio Longo, Don Gioacchino e Don Aldo Zega che con amore e tenerezza mi accolse, negli anni in cui studiavo a Roma, nella Parrocchia di S. Caterina da Siena alla quale sono rimasto fortemente legato in questi anni; Uomo dalla tasche bucate mi ha aperto la mente e il cuore all’attenzione ai poveri. Saluto i fratelli e amici romani, che con il parroco, Don Umberto, hanno voluto essere presenti a questa solenne concelebrazione. Un grazie particolare va a colui che mi ha ordinato Diacono e poi Presbitero: Mons. Giuseppe Agostino. Il giorno della mia ordinazione sacerdotale, il 10 ottobre 1981, nella Cattedrale di Crotone, probabilmente lo Spirito Santo gli ha fatto dire ciò che lui non poteva immaginare. Riporto poche righe scritte allora sul Crotonese, a firma di Don Pietro Pontieri:“Una nota di cronaca umoristica o se volete di buon auspicio: per ben due volte nel rito si è ripetuto un lapsus; nell’omelia l’Arcivescovo nella foga del dire che gli è solita, invece di dire ordinazione presbiterale, ha detto: ordinazione episcopale, e nella scelta del prefazio, ma appena in tempo perché non si notasse, si era sul punto di proclamare il testo per la consacrazione episcopale”. Mons. Agostino è sempre nelle mie preghiere insieme a Mons. Pietro Raimondi, mio primo Vescovo, e a Mons. Michele Federici. Pregate per me e per il mio ministero episcopale.
Ma in questo momento il mio pensiero va ai miei genitori: Paolo e Maria. Sono orgoglioso di voi. Grazie per i sacrifici che avete fatto perché questo vostro figlio portasse avanti gli studi. Benedico e bacio quelle mani che in alcuni momenti avete dovuto alzare per farmi comprendere che non potevo avere ragione sempre io. Mi avete insegnato che nella vita non bisogna mai arrendersi e non perdere mai la speranza. Mi avete insegnato a pregare e a conoscere la Parola di Dio, ma soprattutto mi avete insegnato a capire che senza sacrificio non c’è amore e che l’amore deve dilatarsi, che “dove mangiano sei persone possono mangiare anche sette” e che “a casa i pizzenti u mancanu mai i stozzi.”

Siamo nell’anno della Misericordia. Gesù nel Vangelo dice: “Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati”. Questo è il programma di Gesù. Questo è il programma della Chiesa. Questo è il mio programma: mostrare il volto misericordioso del Padre.

Sotto lo sguardo della Madre della Misericordia, Maria (Madonna Greca, Madonna di Capo Colonna, Madonna della Bruna), confidando nella protezione di S. Dionigi, S. Anastasia, S. Giovanni da Matera, S. Eufemia, S. Eustachio, S. Francesco da Paola, S. Giovanni Paolo II, guardo avanti fiducioso magnificando il Signore con il suo stesso cantico di lode.

Coraggio! Animo!

Don Pino

La fotogallery della cerimonia di consacrazione episcopale di don Pino Caiazzo (foto www.ilcrotonese.it- Giuseppe Pipipita)

 

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.