Comune di Potenza, mozione del gruppo di Fratelli d’Italia contro la proposta di legge Zan (omotransfobia)

28 Luglio, 2020 12:24 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

 

Il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia al Comune di Potenza, composto dai consiglieri Maddalena Fazzari, Carmen Galgano, Michele Napoli e Mary William ha presentato una mozione per chiedere al Sindaco e alla giunta un impegno contro la proposta di legge Zan (omotransfobia). Di seguito la nota integrale.

Oggetto: impegno contro la proposta di legge Zan

Premesso che:

presso la Commissione Giustizia della Camera dei Deputati è in corso di esame una proposta di
legge in materia di violenza o discriminazione per motivi di orientamento sessuale o identità di
genere (cd. omotransfobia);
visto:
il testo della succitata proposta recante: “Modifiche agli articoli 604-bis e 604-ter del codice
penale, in materia di violenza o discriminazione per motivi di orientamento sessuale o identità
di genere. C. 107 Boldrini, C. 569 Zan, C. 868 Scalfarotto, C. 2171 Perantoni e C. 2255
Bartolozzi”;
considerato che:
ogni persona umana, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, merita sempre di
essere tutelata e rispettata;
già oggi in Italia sono presenti norme che tutelano la dignità e il decoro delle persone e la loro
integrità fisica e psicologica, quali ad esempio l’art. 595 del codice penale (diffamazione), l’art.
612 cp (minaccia), l’art. 581 cp (percosse), l’art. 582 cp (lesioni personali), l’art. 594 cp
(ingiuria);
nell’ordinamento italiano sono inoltre previste circostanze aggravanti, quali, ad esempio, quella
dei motivi abietti o futili, contenuta nell’art. 61, comma 1, n. 1 cp, oppure quella dell’aver agito
con crudeltà, prevista dall’art. 61, comma 1, n. 4 cp;
l’aggravante dei motivi abietti o futili è già stata applicata più volte per episodi di aggressioni ai
danni di persone omosessuali, come fatto, ad esempio, dal Tribunale di Napoli, che ha
comminato la pena di 10 anni di reclusione agli autori di un’aggressione avvenuta ai danni di
un ragazzo omosessuale a Napoli in piazza Bellini nel giugno del 2009;
anche le persone con orientamento omosessuale sono, pertanto, ampiamente tutelate dalla
normativa vigente che ne protegge onore, decoro, integrità fisica e psicologica;
considerato, inoltre, che:
secondo quanto rilevato dall’Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori
(OSCAD), che è l’organismo del Dipartimento di Pubblica Sicurezza preposto a monitorare i
comportamenti discriminatori e ad analizzare i dati delle segnalazioni ricevute integrati con
quelli disponibili nelle banche dati delle Forze di polizia, tra il 1° gennaio 2017 e il 31
dicembre 2018, si registrano “solo” 66 segnalazioni per aggressioni verbali o fisiche verso
persone omosessuali e transessuali;
non risulta, pertanto, all’evidenza dei dati, che in Italia ci sia un allarme sociale per questo
genere di fenomeni discriminatori, tale da giustificare l’adozione di un provvedimento mirato;
tutto ciò premesso e considerato:
appare evidente che la normativa che si intende approvare non ha la finalità di prevenire o
punire le discriminazioni, bensì quella di impedire qualsiasi forma di manifestazione di
pensiero che sia in dissonanza con l’ideologia propagandata dai gruppi e dalle associazioni
omosessualiste;
è altresì evidente che con l’approvazione di questa legge si perverrebbe a inibire di fatto, dietro
minaccia di sanzione penale, ogni attività e iniziativa di contrasto alla diffusione dell’ideologia
gender nelle scuole, oppure di opposizione alle adozioni di bambini da parte di persone
omosessuali, oppure di denuncia della pratica del cosiddetto utero in affitto;
risulta chiaro che detta normativa renderebbe impossibile criticare uno stile di vita
omosessualista o manifestare contrarietà allo svolgimento per esempio di gay pride davanti ai
luoghi di culto, o, addirittura, leggere alcuni brani della Sacra Scrittura o del Catechismo della
Chiesa Cattolica;
rilevato, inoltre, che:
in quei paesi nei quali è già in vigore una normativa simile a quella in corso di trattazione in
Parlamento, si sono verificati fatti estremamente gravi di violazione di alcune libertà
fondamentali, come ad esempio:
a) il caso di due predicatori di strada arrestati rispettivamente a Wimbledon e Maidstone nel 2013
perché leggevano brani delle lettere di San Paolo (link: https://www.tempi.it/inghilterrapredicatori-arrestati-san-paolo-omofobia/);
b) il caso di un professore di matematica sospeso e processato Inghilterra semplicemente per aver
sbagliato il gender di una sua studentessa, rivolgendosi a lei come se fosse una ragazza, mentre
l’orientamento di questa sarebbe stato transgender e, pertanto, avrebbe voluto essere
considerata un ragazzo (link: https://www.ilsussidiario.net/news/cronaca/2018/12/13/profrifiuta-di-usare-pronome-per-studente-transgender-licenziato-insegnante-studenti-inrivolta/1822141/);
c) il caso dell’insegnante licenziato in Virginia per essersi rifiutato di usare il pronome personale
di uno studente transgender (link: https://www.ilsussidiario.net/news/cronaca/2018/12/13/profrifiuta-di-usare-pronome-per-studente-transgender-licenziato-insegnante-studenti-inrivolta/1822141/);
d) il caso dell’insegnante licenziata in Inghilterra per aver protestato contro due libri sulle relazioni
transessuali, introdotti nella scuola elementare del figlio
(https://vocecontrocorrente.it/insegnante-cristiana-licenziata-aveva-protestato-per-due-libri-suitrans/);
rilevato, infine, che:
persino in Italia, dove detta normativa non è ancora in vigore, si sono comunque già verificati
gravi episodi di limitazione della libertà di opinione, come, ad esempio:
a) il caso di un avvocato sotto processo per aver denunciato, nel corso di una conferenza, l’attività
di un circolo che faceva propaganda omosessualista nelle scuole (link:
https://www.huffingtonpost.it/2019/04/11/lomofobia-costa-simone-pillon-condannato-per-ladiffamazione-di-un-circolo-gay_a_23710241/);
b) il caso di un medico e attivista di movimenti pro family sotto processo per aver denunciato che
tra le 58 identità di genere tra cui era possibile optare per connotare il proprio profilo sui social
network vi fosse anche la pedofilia (link: https://www.gaypost.it/omofobia-diffamazionearcigay-gandolfini-condannato-a-40mila-euro/amp);
c) il caso di un altro medico sotto processo per omofobia (link: https://www.gay.it/lomofobiapaga-silvana-de-mari-condannato-nuovamente-per-diffamazione);
in ragione di quanto esposto in premessa,
IMPEGNA
il Sindaco e la Giunta Comunale a:
manifestare presso il Parlamento della Repubblica Italiana e, in particolare, presso la
Presidenza della II Commissione (Giustizia) della Camera dei Deputati la propria più ferma
opposizione all’approvazione di una legge che risulterebbe liberticida, perché andrebbe a
violare la libertà di pensiero, la libertà di parola, la libertà di opinione, la libertà di
associazione, la libertà di stampa. La libertà di educazione, la libertà di insegnamento e la
libertà religiosa”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.