Piazza della Visitazione, Matera pronta a decollare

20 Febbraio, 2008 19:45 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

la_piazza_dallalto.jpg


“Matera sta preparando il salto di qualità. Si candiderà a capitale europea della cultura e diventerà punto di riferimento per il turismo attraverso un disegno urbanistico di qualità”. Così il Sindaco Emilio Nicola Buccico ha presentato il concorso internazionale di idee per la progettazione di Piazza della Visitazione, i cui contenuti sono stati illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa nella sala Giunta del Palazzo Municipale di Matera. “Ci siamo rivolti a cinque grandi architetti di fama mondiale, affinché possano portare idee che servano a dare qualità e decoro alla vita urbanistica della città – ha spiegato il primo cittadino -. Attraverso il loro intervento, Matera può puntare a seguire le orme di grandi città come d’arte Todi o Spoleto”. Ad illustrare i contenuti del concorso, nel corso dell’incontro con i giornalisti a cui hanno partecipato, oltre al Sindaco Buccico, il Vice Sindaco Saverio Acito e gli Assessori Tito Di Maggio e Michele Casino, è stato l’Assessore Comunale ai Lavori Pubblici e Urbanistica Antonella Guida. “Si tratta del primo passo per rendere Matera laboratorio creativo per l’architettura contemporanea e sede di centro applicativo della manutenzione urbana – ha affermato l’Assessore Guida -. Attraverso questo concorso, vogliamo proiettarci in un contesto europeo, aprendo la città al confronto e all’accoglienza. L’obiettivo è quello di esaltare il valore di Piazza della Visitazione, rendendola il nuovo centro civico, tra passato e futuro, ed il nuovo simbolo architettonico della città, e mantenendo al tempo stesso in piedi lo storico fabbricato della stazione”. Il progetto è finalizzato a realizzare un’area (70 mila mq circa) a prevalente destinazione a parco e con spazi per il tempo libero e per la cultura che sia di cerniera tra la città contemporanea e la città della storia di cui i Sassi sono la più forte e peculiare testimonianza, realizzare una efficace connessione tra le infrastrutture di collegamento e rapporto con il territorio che perimetrano l'area e la connotazione culturale dello spazio rivisitato e “dato” alla città per essere vissuto ed interpretato, realizzare il primo progetto di una connessione tra i vari “ingressi” alla città, che accolga il turista/visitatore/ospite all’interno di un tessuto, sopra e sotto la città, lo informi e lo indirizzi a “porte tematiche”, interpretando l'underground metropolitano proprio della caratterizzazione morfologica degli ipogei dei Sassi di Matera. La progettazione riguarderà la riqualificazione urbanistica e la realizzazione di nuove architetture e infrastrutture, quali la sala consiliare, uffici, un teatro, i parcheggi, un parco pubblico, la viabilità metropolitana (trasporto ferroviario e su ruote) e dovrà prevedere possibili soluzioni al fine di rimarginare ferite presenti nel tessuto edilizio del Centro direzionale.

L’Assessorato all’Urbanistica ha pertanto individuato, attraverso la consulenza del prof. Angelo Lucchini del Politecnico di Milano e del Comitato Tecnico Consultivo del Saie di Bologna, cinque progettisti di fama internazionale ad un confronto tematico progettuale sul tema della “riqualificazione urbanistica ed architettonica di piazza della Visitazione di Matera”, predisponendo una tavola rotonda sul tema suddetto, propedeutica alla competizione, seguita da un’altra, a concorso ultimato, per l’illustrazione alla città dei progetti e per il conferimento, al progetto vincitore, dell’impegno morale e pratico, della città a realizzare l’opera ideata.
Gli architetti individuati sono Diminique Perrault (Francia), Josè Maria Tomas Llavador (Spagna), Emilio Ambasz (Argentina), Daniel Libeskind (Usa) e Massimiliano Fuksas (Italia); ognuno di loro elaborerà un progetto preliminare sul tema proposto, indicando l’idea architettonica ed urbana, con una relazione tecnico-illustrativa e una indicazione sommaria dei costi di investimento.
Il progetto vincitore, giudicato da una commissione di sette esperti nominata successivamente all’affidamento dell’incarico, sarà indicato come base per il bando di un appalto secondo le modalità del Project Financing.
Gli elaborati di progetto dovranno essere consegnati entro il prossimo 18 marzo; quindi i progetti verranno valutati dalla commissione, che individuerà il progetto vincitore. La proclamazione si terrà il 27 giugno in un convegno internazionale sul tema dell’architettura della città e sulla qualità urbana in Italia.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.