Scirea Cup 2016, Taverniti: lo sport è anche educazione e scambio di esperienze

18 Giugno, 2016 13:47 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

In attesa della finalissima della Scirea Cup tra Juventus e Milan in programma questa sera allo stadio XXI Settembre-Franco Salerno di Matera su SassiLive arriva l’intervista in esclusiva a Fausto Taverniti, direttore sportivo della Scirea Cup, appassionato di calcio e  già dirigente della Figc.
Quali sono le esperienze vissute nella ventesima edizione della Scirea Cup? “Le esperienze sono state tante e tutte molto positive. E’ stato bello sentir dire ai ragazzi brasiliani dell’Internacional di Porto Alegre che il nostro peperone crusco è il migliore dell’analogo prodotto brasiliano. Oppure vedere uscire i ragazzi del Giappone con buste cariche di prodotti tipici lucani acquistati in questi giorni nelle diverse località della nostra regione. E abbiamo imparato e ammirato l’entusiasmo dei giocatori brasiliani che preparano la gara a suon di musica negli spogliatoi e tutti insieme pregano prima e dopo la gara. Da sottolineare anche che nessuno indossa le cuffie ad uso personale ma si condive ogni momento della giornata con i compagni. Dal Giappone è arrivata anche una lezione di educazione: i calciatori al termine della gara hanno pulito personalmente gli spogliatoi con grande meraviglia degli addetti e hanno raccolto tutti gli oggetti depositati sia in campo che sugli spalti. Se vogliamo fare un bilancio complessivo credo che questa edizione della Scirea Cup ha dimostrato come il calcio giovanile possa riservare valori e motivazioni che dovrebbero poi ritrovarsi nelle categorie superiori. Ma anche ad esempio la sofferenza dei ragazzi della Roma e le loro lacrime negli spogliatoi dopo la sconfitta del terzo e questo posto, a dimostrazione della serietà oltre che dell’entusiasmo con cui è stato affrontato il trofeo. Più luci che ombre su questa edizione della Scirea Cup 2016, che meriterebbe invece di recuperare il sostegno delle istituzioni e di qualche imprenditore che potrebbe recuperare per Matera anche la vocazione sportiva di tanti appassionati di sport in città e nell’intera regione”.

Michele Capolupo

Nella foto www.SassiLive.it Fausto Taverniti

taverniti

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.