Celebrazioni per i 60 anni della Parrocchia di Cristo Re a Pisticci

22 Novembre, 2019 12:34 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Parrocchia di Cristo Re a Pisticci  in festa per l’importante ricorrenza del suo 60° compleanno. Correva l’anno 1959 quando don Mario Spinello, dotto e ispirato sacerdote di origini venete, nato a Vicodarzere in provincia di Padova il 21.7.1923, ebbe dalla curia di Matera la non facile missione di creare, quasi dal nulla, una nuova parrocchia a Pisticci, in un rione popoloso e in fase di crescita, ma ancora fortemente emarginato. Fino al 1963 era privo di servizi importanti, come la rete fognante, e ancora vi transitavano i tristemente i noti carri-botte per la raccolta di acque sporche. Don Mario, facendo leva sulle sue forze e su una immensa fede, riuscì a trasformare il rione Matine dandogli un nuovo volto. Alloggiò la parrocchia in ambienti di fortuna e provvisori che divennero motivo di forte richiamo soprattutto per i giovani e accoglienza per gli adulti. Sport, cultura, teatro, arte divennero i cardini della nuova parrocchia, con il solo ausilio della preghiera e della speranza. Su questi valori la Chiesa sviluppò un dialogo proficuo e costruttivo al punto da diventare punto di riferimento per Pisticci tutta. Gli impegni di insegnante di Religione al Liceo Classico, che dopo la sua autonomia, aveva trasferito i locali, proprio di fronte alla chiesa, non distolsero mai don Mario dai suoi doveri di religioso ed in quegli anni riuscì anche ad aprire una moderna scuola d’infanzia intestata a Maria Ausiliatrice. Nel 1966 don Mario lasciò Pisticci per diventare arciprete di Miglionico e il suo successore, già viceparroco della Parrocchia di S. Antonio, don Leonardo Selvaggi continuò in maniera altrettanto efficace l’opera intrapresa dal suo predecessore, allargando il raggio d’azione verso altre forme di associazionismo e volontariato. Altri importanti traguardi furono raggiunti con la costruzione della nuova e moderna chiesa, l’elevazione a Santuario del Casale, l’istituzione di un organo di stampa e della corale polifonica diretta dal celebre maestro Bruno, che idealmente continuava una tradizione musicale iniziata con la prima messa beat che proprio a Cristo Re ebbe i natali e che scatenò la reazione di alcuni benpensanti. Dopo la scomparsa di don Leonardo, il nuovo titolare che ha festeggiato di recente il suo primo anno al servizio della Parrocchia, don Antonio Di Leo ha dato un nuovo e vigoroso impulso alla Parrocchia di Cristo Re tra tradizione e innovazione, suscitando l’immediata simpatia e affetto dei fedeli e parrocchiani. Consapevole che un non facile compito lo attende è già tutto proteso verso la programmazione di nuove iniziative pastorali, anche attraverso la collaborazione con altre parrocchie del territorio, mettendosi completamente al servizio di una comunità, in ansia di riscatto e di ripresa, affidandosi ad una immensa fede, preghiera e speranza. La ricorrenza dei 60 anni di vita parrocchiale sarà celebrata dal 22 al 26 novembre con incontri interparrocchiali e celebrazioni liturgiche e religiose.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.