La nostra musica colta: concerto dell’Ensemble Cento Rami a Matera per la domenica gratuita nei Musei

4 novembre, 2016 14:22 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Domenica 6 novembre 2016 alle ore 18 a Matera presso la sala Levi di Palazzo Lanfranchi, in  occasione della Domenica gratuita in tutti i musei statali, si terrà il concerto dell’Ensemble Cento Rami che per la prima volta approda nella Città dei Sassi, Capitale Europea della Cultura 2019, grazie alla collaborazione-condivisione del Polo Regionale della Basilicata.

Il concerto, patrocinato dalla Fondazione Matera Basilicata 2019, proporrà brani di musica contemporanea di celebri autori quali Hindemith, Zbinden, Bucchi e un brano inedito per clarinetto [Erminia Nigro] e contrabbasso [Giuseppe D’Amico], eseguito in prima assoluta e scritto appositamente per l’Ensemble dal giovane compositore Matteo Gualandi che si è  ispirato alla poesia Cantilena di Amelia Rosselli.
Sarà eseguito, inoltre, il brano Buia pietra, per contrabbasso e clarinetto, di un altro giovane compositore, Emanuele Savagnone, che ha tratto ispirazione da un passo del Cristo di è fermato a Eboli di Carlo Levi. Il brano è stato eseguito in prima assoluta in Basilicata, a Corleto Perticara, lo scorso 29 ottobre.

Questi ultimi due brani sono il risultato dell’attenzioneche l’Ensemble dedica alla sperimentazione di nuove sonorità grazie a brani inediti che commissiona a compositori contemporanei, che quest’anno si sono rifatti ai testi di importanti e noti poeti e scrittori lucani.

I concerti sono parte di un progetto culturale più ampio denominato La nostra musica colta, grazie al quale l’Associazione Cento Rami, a cui l’Ensemble fa riferimento, ha ottenuto il riconoscimento del MIBACT.

Il direttore artistico è il M° Simone Genuini, direttore stabile, dalla sua fondazione, della Juniororchestra, l’Orchestra dei ragazzi dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.

Il tema scelto dall’Ensemble per la stagione concertistica 2016 è il confronto tra la prima scuola viennese [Mozart, Dittersdorf, Beethoven, Schubert, Brahms] e la seconda [Schoenberg, Berg e Webern].

Tappa internazionale del tour sarà il concerto presso l’Istituto Italiano di Cultura di Città del Messico il prossimo 9 dicembre.

Ingresso gratuito.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento