Incontro con i Carabinieri a Montalbano per evitare truffe agli anziani, intervento sindaco Marrese

18 Ottobre, 2019 10:39 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

“La tutela e la sicurezza degli anziani deve essere la priorità di ognuno di noi. Tutti, con il nostro comportamento, dobbiamo fare in modo che le persone più anziane possano sentirsi protette”. Così il sindaco di Montalbano Jonico e presidente della Provincia di Matera Piero Marrese, si è espresso a margine dell’incontro svoltosi nei locali del Centro Sociale Anziani “L’Incontro” nel comune montalbanese sul tema “Truffe ai danni degli anziani e non – Non ci casco”, promosso dal Comando dell’Arma dei Carabinieri al fine di sensibilizzare sulla problematica particolarmente avvertita dalle fasce più deboli, le truffe. Alla riunione, dopo il saluto del primo cittadino Marrese, hanno preso parte diversi cittadini di Montalbano ed il maresciallo Giuseppe Argentiero, vice comandante della Stazione Carabinieri di Montalbano, che ha istruito in particolare le persone più anziane sulle misure da adottare per evitare di diventare vittime dei truffatori, che, attraverso forme ingannevoli, approfittano della buona fede degli anziani per sottrarre loro denaro o altri beni. “Ringrazio i militari dell’Arma per l’attenzione verso le fasce più deboli e l’attività di prevenzione che si svolge per limitare il fenomeno delle truffe. Oggi più che mai – sostiene il sindaco Marrese – si rivela necessario un lavoro certosino e capillare nel contrasto dei criminali che, artatamente e facendo leva sulla buona fede degli interlocutori, riescono a ingannare e rubare del denaro. Questi importanti appuntamenti servono per tenere alta l’attenzione e sensibilizzare la popolazione sull’attualissima tematica, attraverso utili informazioni e consigli volti soprattutto alla prevenzione. La sicurezza degli anziani viene prima di tutto, non dobbiamo mai lasciarli soli e collaborare sempre con le istituzioni e le forze dell’ordine, facendo ognuno la propria parte per difendere le fasce più deboli”.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.