Cippi privati, il Comune revoca l’avviso pubblico

10 Ottobre, 2007 20:27 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

cippiE’ stato revocato a causa della presentazione di più istanze da parte dello stesso nucleo familiare ancora convivente l’avviso pubblico relativo alla domanda per la concessione di aree cimiteriali per la costruzione di un cippo privato nel cimitero di Matera, sito in C.da Pantanello. Successivamente alla decisione di procedere all’assegnazione di 64 lotti del cimitero materano e alla contestuale approvazione dello schema di Avviso pubblico, al settore Igiene e Ambiente del Comune di Matera sono pervenute 231 domande. Tuttavia, a seguito di diverse note formali giunte da parte dell’utenza nelle quali è stata evidenziata la presentazione di più istanze da parte dello stesso nucleo familiare, l’Ufficio Igiene e Ambiente ha provveduto ad effettuare un riscontro in merito a tali segnalazioni. Da tali riscontri è emersa l’effettiva presenza di più istanze presentate da componenti dello stesso nucleo familiare. Pertanto, considerato che per il tipo di modalità di selezione delle istanze (sorteggio) la presentazione di plurime domande da parte uno stesso nucleo familiare convivente viola il principio della par condicio, in quanto conferisce una maggiore possibilità di assegnazione delle aree cimiteriali in questione rispetto ai nuclei familiari conviventi che hanno presentato una singola istanza, e dal momento che l’Amministrazione Comunale ritiene di dover assicurare il rispetto del principio contenuto nell’art. 57, comma 8, del Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria, secondo il quale “una famiglia non può essere concessionaria, nemmeno per eredità, di più di una sepoltura di famiglia..”, si è ritenuto di revocare l’avviso approvato con determinazione del 24.4.2007 scorso e di dover procedere alla riproposizione dell’avviso pubblico, affermando in modo chiaro ed inequivocabile il principio di presentazione di un’unica istanza per ogni nucleo familiare convivente.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.