Coronavirus, Nuovo Dpcm ferma i campionati sportivi che non hanno interesse nazionale: cosa succederà per la serie D?

25 Ottobre, 2020 20:46 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Fino al 24 novembre 2020, secondo quanto riportato dal nuovo Dpcm del Governo sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive degli sport individuali e di squadra, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; restano consentiti soltanto gli eventi e le competizioni sportive,
riconosciuti di interesse nazionale, nei settori professionistici e dilettantistici, dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero
all’aperto senza la presenza di pubblico, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva; le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra partecipanti alle competizioni di cui alla presente lettera sono consentite a porte chiuse, nel rispetto
dei protocolli emanati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva;

Pertanto, in base a quanto previsto sono sospesi tutti i campionati regionali di tutte le discipline sportive.

Per quanto riguarda il calcio in particolare sono sospesi i campionati dalla categoria Promozione alla Terza categoria e naturalmente tutti i campionati giovanili, sempre di interesse regionale. Si dovranno quindi fermare, tra le altre, le squadre materane del Città dei Sassi Matera che gioca il campionato di Promozione e Matera Calcio 2019 e Sassi Matera che hanno cominciato il campionato di Prima Categoria. Resta da comprendere quale sarà la decisione per il campionato di serie D in cui militano due squadre lucane, Picerno e Lavello.

Non si comprende a questo punto quale sarà il destino del campionato di serie D, visto che è composto da nove gironi in cui si trovano squadre di regioni limitrofe. Attendiamo a questo punto un chiarimento su questo campionato, visto che il Governo dovrà stabilire se è un campionato che ha interesse nazionale e in questo caso non sarebbe sospeso oppure di interesse “interregionale” e in questo caso dovrebbe essere fermato.

Michele Capolupo

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.