Atleti di Albatros di Marconia e Pegaso AIAS di Matera al torneo nazionale di Powerchair Football Games di Torre del Greco

18 Ottobre, 2019 14:58 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il 15 ottobre scorso nel complesso “La Salle” di Torre del Greco si è svolto il primo torneo nazionale di Powerchair Football Games organizzato dall’associazione sportiva dilettantistica “A.S.C.O. – Associazione Sportiva & Culturale Orionina” di Ercolano.

In Italia il Powerchair football (calcio in carrozzina elettrica) è una nuova disciplina in via di sviluppo che ha ottenuto a luglio 2017 il riconoscimento ufficiale quale disciplina paralimpica promozionale da parte del Comitato Italiano Paralimpico che ha demandato alla FISPES lo sviluppo e la promozione della stessa.

All’evento di Torre del Greco hanno partecipato le delegazioni di Basilicata, Campania e Puglia.

La delegazione di Powerchair Basilicata è stata presente con gli atleti lucani Mary Giusy Viggiani e Vincenzo Martino,della Albatros di Marconia, Luciano Fiore e Emanuele Matera della Pegaso AIAS di Matera.
Gli atleti, allenati e accompagnati da Rosalia Bandello e Morelli Marco, hanno partecipato con grande impegno, passione e tenacia dimostrando che il calcio è per tutti.

Presenti all’evento il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico – Basilicata, Michele Saracino, il Delegato Regionale FISPES Gerardo Zandolino, Gabriella Savino dirigente dell’AIAS Pegaso Matera, nonchè Delegato Provinciale per Matera del CIP Basilicata e la dirigente dell’Albatros Marconia, Carla Cirone.

Michele Saricino, presidente Comitato Italiano Paralimpico Basilicata: “E’ stata una esperienza più che soddisfacente per l’intero movimento paralimpico lucano che piano piano sta crescendo. Ci auguriamo che si diffonda sempre più anche questa disciplina, che ha lo scopo di avvicinare allo sport le persone con le disabilità più gravi promuovendo attraverso la pratica sportiva la loro inclusione sociale”.

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.