“Dalla Valcamonica a Matera, dai Segni ai Sassi”: carovana di atleti paralimpici conclude a Matera il viaggio con Polisportiva Disabili Valcamonica: report e foto

31 Agosto, 2019 15:43 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Si è concluso nel pomeriggio a Matera il viaggio in handbike, carrozzina a spinta, tandem per non vedenti e bicicletta promosso dalla Polisportiva Disabili Valcamonica. Un viaggio dalla Valle Camonica a Matera per unire simbolicamente i due siti Patrimonio dell’Unesco e per dare un tributo alla città Capitale europea della Cultura per il 2019.
E’ l’idea di Mirco Bressanelli, un atleta della Polisportiva disabili Valcamonica che ha dato vita ad una carovana che ha raggiunto nel pomeriggio il piazzale del Comune di Matera.
Ad accoglierli l’assessore comunale Angelo Montemurro, la dipendente comunale Mariangela Tantone, il tenente della Polizia Locale, Giacomo Patierno, Cristoforo Di Cuia del CSI, gli atleti paralimpici della Pegas Aias Matera, accompagnati dal tecnico Tiziana Antezza e il delegato per Matera del comitato paralimpico di Basilicata, Gabriella Savino. Suggestiva ed emozionante la consegna da parte degli atlieti diversamente abili di Mtera a quelli diversamente abili della Valcamonica di un gradito omaggio, il cucù in terracotta, prodotto tipico dell’artigianato materano e del trofeo in tufo al capitano della squadra.
Il viaggio, iniziato il 24 agosto, si è sviluppato attraverso otto tappe per un totale di 1200 chilometri. Una piccola compagine di 11 persone (tra atleti e volontari) ha attraversato l’Italia in nome della cultura, dello sport e dell’inclusione sociale, incontrando lungo il suo cammino tante comunità e tante storie accomunate dalla passione per lo sport e dalla straordinaria voglia di abbattere ostacoli che sembrano insormontabili.
Mantova, Ravenna, Gubbio, Amatrice, Sora, Nola e Melfi le città toccate dal tour concluso nel pomeriggio nella città dei Sassi, Capitale della cultura 2019. Volutamente inserite nel viaggio alcune città colpite dai recenti terremoti nel Centro Italia per portare un segnale di solidarietà, forza e capacità di non arrendersi tipiche degli atleti con disabilità.
Ad accogliere i cicloturisti ci sarà l’assessore alla Mobilità del Comune di Matera, Angelo Montemurro, e una delegazione di atleti paralimpici dell’associazione Aias Pegaso di Matera.
La Valle Camonica, in provincia di Brescia, con la sua Arte Rupestre millenaria è stata il primo Sito in Italia ad essere inserito nella World Heritage List dell’UNESCO nel 1979: un riconoscimento assegnato per l’unicità e l’eccezionalità di un patrimonio archeologico che consta di più di 2.000 rocce incise distribuite su oltre 180 località, a formare uno dei più vasti patrimoni di testimonianze preistoriche del mondo, che conserva la memoria di oltre 13.000 anni di storia della civiltà umana.
Nel 2019 ricorre il quarantennale della nomina a Sito UNESCO delle incisioni rupestri della Valle Camonica ed è l’anno di Matera Capitale Europea della Cultura. Due luoghi accomunati dal riconoscimento Unesco, dalla pietra (incisioni rupestri e pitture rupestri) e dalla longeva tradizione artigianale, che nel 2018 hanno dato vita a un ideale gemellaggio, fatto di scambi culturali e condivisione di progetti.

La fotogallery dell’arrivo a Matera della carovana “Dalla Valcamonica a Matera, dai Segni ai Sassi” (foto www.SassiLive.it)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.