“Un abbraccio di colori” a Montescaglioso per dire no alla violenza contro le donne

22 Novembre, 2020 19:45 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Quella del 25 novembre è una giornata mondiale importante dedicata a un tema che, purtroppo, è sempre d’attualità: l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha istituito per il 25 novembre, la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Con la giornata contro la violenza sulle donne si intende focalizzare tutta l’attenzione dell’opinione pubblica su questo tema di grande attualità.

Si è scelta questa data per ricordare le sorelle Mirabal, brutalmente uccise dal regime del dittatore Trujillo il 25 novembre del 1960.

La violenza contro le donne, da qualche tempo, è sempre più al centro del dibattito pubblico, persino in un’epoca che si professa civilizzata come la nostra, il fenomeno dimostra che la civiltà sembra essere ancora una conquista lontana.
Ma la voce che si leva più forte della violenza è dirompente, coinvolgente, come quella delle donne di Montescaglioso che hanno risposto alla chiamata del
gruppo di liberi cittadini ‘Mani in pasta’ , della casa editrice Lilith Books,e numerosi collaboratori, che con il Patrocinio del Comune di Montescaglioso ,hanno organizzato una manifestazione per dire ancora una volta un deciso e significativo ‘No’ a qualsiasi forma di violenza nei confronti delle donne, come già è avvenuto negli anni scorsi con l’installazione permanente delle scarpe rosse
e la panchina rossa collocate nelle piazze principali della città.
L’idea brillante , che poi si è rivelata coinvolgente e ‘avvolgente’, della realizzazione di mattonelle di lana, fatte all’uncinetto o ai ferri, per “abbracciare” gli alberi del paese, è stata dell’insegnante in pensione Nunzia Rossetti.
L’iniziativa “Un abbraccio di Colori ” è stata subito colta con entusiasmo dalla comunità che ha risposto con la produzione di circa 500 quadrati colorati.
La voce si è diffusa come un tam tam anche nelle scuole, dove le piccole mani laboriose degli alunni della VC hanno creato catenelle lavorando la lana con le dita e hanno abbracciato gli alberi dell’istituto comprensivo ‘Palazzo Salinari’. Anche gli alunni, insieme alle mamme, delle classi 3B e 4B del plesso ‘Salvo D’acquisto, hanno realizzato numerose mattonelle.
Un insegnamento importante trasmesso ai bambini, da legare al dito come con un nodo di lana, da diffondere nelle famiglie e da non dimenticare mai.
Il ‘Vicolo dei pensieri’, vico San Giovanni Battista, vicino al Palazzo Comunale, è stato meravigliosamente addobbato dalle volontarie, in attesa della giornata del 25, in cui
chiunque vorrà, rispettando sempre le regole del distanziamento, potrà autonomamente legare ad alberi, pali, cancelli, portoni del proprio quartiere, nastri rossi in segno di partecipazione.
I nastri rossi sono già disponibili presso il Caffé Letterario di Corso Repubblica, la Cartoleria Mabercart in via Santa Lucia e presso il punto vendita Jelu’ in via San Francesco e ‘La scatola dei pensieri’, posizionata nel ‘ vicoletto dei pensieri’, è pronta ad accogliere riflessioni sul tema della violenza contro le donne.
” Un abbraccio di Colori “: un segno tangibile per continuare a dire ‘No’ a qualsiasi forma di violenza contro le donne, si è rivelato un grande momento di coesione per la cittadinanza, che oggi più che mai, sente il bisogno di solidarietà.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.