Ospedale Madonna delle Grazie, consigliere regionale Vizziello (Fratelli d’Italia): “Nessuna chiusura, al via nuovi reparti e riqualificazioni delle unità operative secondo il modello delle Reti”

3 Dicembre, 2020 11:18 |
Facebooktwitterlinkedinmail

Ospedale Madonna delle Grazie, consigliere regionale Vizziello (Fratelli d’Italia):” Nessuna chiusura, al via nuovi reparti e riqualificazioni delle unità operative secondo il modello delle Reti”. Di seguito la nota integrale.

“Nessuna chiusura di reparti in vista, bensì nuove aperture come la pneumologia Covid e riqualificazioni di reparti come chirurgia vascolare, chirurgia plastica e geriatria secondo il modello delle Reti, previsto dallo stesso Decreto Ministeriale n.70/2015, con cui si erogheranno servizi sanitari di maggiore qualità ai cittadini della provincia di Matera”.
E’ quanto afferma, in una nota, il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Giovanni Vizziello.
“E’ il modo con cui il governo regionale”-spiega Vizziello- “risponde a quanti, novelli Masaniello o professori del giorno dopo, non perdono occasione per addossare responsabilità o inadempienze, anteponendo le polemiche alle proposte risolutive delle criticità esistenti e creando pregiudizi che disorientano i cittadini e mettono in discussione istituzioni come l’ospedale di Matera, da sempre punto di riferimento delle esigenze di salute della comunità materana”.
“In Basilicata, al pari di altri regioni d’Italia” -ricorda l’esponente di Fratelli d’Italia- “il recepimento del DM n.70 ha comportato, purtroppo, il taglio dei posti letto ospedalieri, senza che il ridimensionamento degli ospedali fosse compensato dalla crescita dei servizi territoriali dell’assistenza,un assunto” -aggiunge Vizziello- “la cui riprova è data proprio dalla attuale gestione dell’emergenza Covid, che vede sotto stress proprio le strutture ospedaliere, oggetto di sovraccarico di lavoro derivante dall’ inefficacia della medicina del territorio”.
“Le immagini di questi giorni degli ospedali messi a dura prova dall’urto della seconda ondata di Coronavirus” -conclude Vizziello- ” mpongono una revisione critica del DM n.70 e in particolare di quella parte del Decreto che prevede il ridimensionamento delle strutture ospedaliere, in realtà chiamate, a causa della mancata crescita dell’assistenza territoriale, a far fronte alla quasi totalità dei bisogni assistenziali dei nostri cittadini.

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento

  1. 2 mesi  

    Mingo

    Devo, purtroppo, ancora ripetermi. Questi fantomatici politici dei tempi moderni, sono solo degli squallidi improvvisatori che non sanno fare altro che creare polemiche, senza alcun costrutto. Questo non solo dai nostri conterranei, ma anche e soprattutto a livello nazionale, stanno lì a fare polemiche ed a intascare soldi sognati. D’altronde i risultati si stanno vedendo e ne vedremo ancora di peggio, quando questo maledetto virus scmparirà, allora affioreranno le macerie che sono state create. La soluzione quale sarà? Mettiamo una patrimoniale impoveriamo sempre di più il tessuto sociale e chi risolverà i ns. problemi?
    Mah! la vedo nera ragazzi, cerchiamo almeno di liberarci da questi inutili incompetenti.