Coronavirus in Puglia, Lopalco: “Casi di luglio e agosto rappresentano innesco seconda ondata”

13 Agosto, 2020 18:05 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

“Penso che i casi registrati fra luglio e agosto” in Puglia “rappresentino l’innesco di una seconda ondata. Lo stesso innesco che a febbraio, semplicemente, non abbiamo rilevato e che poi ha provocato la grande ondata”.
Lo scrive su Facebook l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, capo della task force regionale pugliese per l’emergenza Coronavirus.
Secondo Lopalco, però, “le onde di oggi sono quelle di una mareggiata. Se siamo bravi a contenerle, probabilmente non svilupperanno lo tsunami”.
“Cosa sta succedendo nella attuale fase pandemica?”, scrive Lopalco mostrando un grafico dell’andamento della curva dei contagi dove si nota il picco tra marzo e aprile. “La figura – spiega usando la metafora dello tsunami e della mareggiate – mostra l’andamento dei casi segnalati in Puglia. Lo tsunami è evidente nella parte sinistra del grafico. Grazie al cielo nella nostra Regione la violenza è stata moderata ed abbiamo avuto il tempo per prepararci a contenerla. Ma cosa dobbiamo aspettarci nelle prossime settimane?”. “L’aumento dei casi recenti nella parte destra del grafico – prosegue l’epidemiologo – ha chiaramente un andamento completamente diverso da quello registrato a fine febbraio. Il virus è cambiato? L’estate ci aiuta? Non penso. Penso che i casi registrati fra luglio e agosto rappresentino l’innesco di una seconda ondata. Lo stesso innesco che a febbraio, semplicemente, non abbiamo rilevato e che poi ha provocato la grande ondata”.
“I casi che registriamo oggi – conclude Lopalco – sono di età più giovane e di gravità mediamente molto più lieve dei casi di febbraio. Sono dunque quei casi che a quel tempo non erano per nulla intercettati dal sistema di sorveglianza”.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento

  1. 2 mesi  

    pedrito_93

    La gente proprio non ce la fa a non andare in vacanza, tutti ammassati nelle spiagge, in discoteca, come a dover “timbrare” il cartellino a tutti i costi, devono avere qualcosa da raccontare agli altri che non sono andati in vacanza; con tutto quello che abbiamo passato nei mesi scorsi, la lezione evidentemente non e’ servita.
    Quando poi si scopre che ci si e’ contagiati, ma che vuoi che sia!!!!!un po’ di quarantena e tutto passa.