Coronavirus in Basilicata, bollettino 13 agosto: 4 positivi a Palazzo San Gervasio dopo viaggio a Malta. 1 guarito lucano, 12 guariti extracomunitari, 8 contagiati lucani, 38 contagiati extracomunitari

14 Agosto, 2020 12:18 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La task force regionale comunica che giovedì 13 agosto sono stati processati 378 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 4 sono risultati positivi e riguardano persone di rientro da Malta. Si tratta di quattro giovani residenti a Palazzo San Gervasio, dove si trovano in isolamento domiciliare.

Nella stessa giornata, inoltre, sono state registrate 13 guarigioni: 1 persona residente in Basilicata e 12 cittadini stranieri in isolamento in una struttura dedicata della regione.

Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi sono 8 e si trovano tutti in isolamento domiciliare.

Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza è ricoverata 1 persona di nazionalità estera e proveniente da Stato estero, risultata negativa al secondo tampone di verifica e in attesa di formale comunicazione di dimissioni.

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 374 guariti; 1 persona di nazionalità estera ricoverata all’Ospedale ‘San Carlo’, 5 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 38 cittadini stranieri in isolamento in una struttura lucana dedicata.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 50.626 tamponi, di cui 50.025 risultati negativi.

Il prossimo aggiornamento sabato 15 agosto, alle ore 12,00.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento

  1. 2 mesi  

    pedrito_93

    bisognerebbe fare i tamponi all’estero e se si risulta positivi rimanere lì, a proprie spese, a farsi la quarantena, i giovani secondo me non hanno ancora capito la portata di questa epidemia, se ne vanno in modo disinvolto all’estero, si beccano il contagio e poi vogliono tornare da mammà, restate per favore all’estero a farvi la quarantena.