Anna Selvaggi (Aide Matera) ricorda nonno e zio caduti nella giornata del 21 settembre 1943 a Matera

21 Settembre, 2021 11:19 |
Facebooktwitterlinkedinmail

Giuseppina Anna Selvaggi, presiente Aide Matera, ricorda l’eccidio del 21 settembre 1943 in cui persero la vita nella Milizia di via Lucana anche il nonno e lo zio materno.

Di seguito la nota integrale.

Oggi 21 settembre 2021e precisamente 78 anni, ricorre l’anniversario della strage perpetrata dai nazisti nei confronti di cittadini materani inermi, e il mio ricordo, oggi come sempre di quella giornata, che mia nonna mi raccontava. E che racconto a voi per non dimenticare.
C’era una volta mia nonna. Giuseppina Calia di cui porto il primo nome. Dal suo felice matrimonio nacquero 8 figli: Natale, Margherita, Lina, Anna, Gaspare, Eustacchio, Antonietta e Mario.

Il primo Natale Farina aveva 19 anni, l’ultimo Mario Farina 5 mesi.

Quel 21 settembre del 1943 accadde quello che avrebbe fermato la sua vita: suo marito Francesco e suo figlio Natale furono trucidati per mano dei tedeschi. Padre e figlio furono ritrovati tra le macerie, stretti in un abbraccio. Mia nonna si strinse ai sette figli e al suo dolore. Un dolore che immortale si tramanda al di là delle vite e della morte.

Mia madre che non e più con noi figli e nipoti, è stata una di quei 7 figli che a 18 anni vide polverizzarsi l’incanto di un padre e di una famiglia. E da allora è stata testimone di quel dolore sordo e deflagrante che solo la guerra può portare, e che solo la guerra fa sentire, ieri come oggi.

A quella “Donna” Giuseppina Calia, a quella Vedova, come a tutte le Vedove che si sono viste dilaniare il cuore dalla guerra, e che hanno contribuito a formare una generazione che hanno fatto diventare grande l’Italia, a quelle donne dico grazie.

E mi piace pensare, ad una medaglia all’alto Valore di Civiltà, con cui poter onorare la dignità e l’orgoglio di ciascuna di quelle vedove che, al di la del dolore hanno saputo sopravvivere.
Come Associazione AIDE sono impegnata già da anni a scrivere ai vari ministri dell’Interno per un riconoscimento , ma l’unica risposta ricevuta e stata quella del Presidente Mattarella che si dice impegnato per queste tragedie, niente di più. Spero che la nostra Amministrazione Comunale possa onorare questa nostra richiesta.

 

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.