Vertenza Giuzio-Consorzio Industriale provincia di Potenza, Fim, Fiom e Uilm annunciano sospensione sciopero previsto il 19 ottobre

18 Ottobre, 2020 20:00 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Vertenza Giuzio-Consorzio Industriale provincia di Potenza, Fim, Fiom e Uilm annunciano sospensione sciopero previsto il 19 ottobre. Di seguito la nota integrale.

Le segreterie regionali di Fim, Fiom e Uilm, unitamente alla Rsu comunicano la sospensione dello sciopero previsto per la giornata di lunedì 19 ottobre in riferimento alla vertenza dei lavoratori della Giuzio che esplicano le proprie attività all’interno delle aree industriali della provincia di Potenza.
La sospensione scaturisce dalla comunicazione dell’ASI che si è impegnata, a versare entro questa settimana, la somma necessaria per consentire il pagamento del 50%, quota residua, dello stipendio del mese di Agosto.
Nelle ultime ore e’ stato svolto un lavoro sinergico tra tutte le parti coinvolte, a partire dall’assessore Cupparo che sin da subito si è impegnato a convocare il tavolo regionale alla presenza di tutti.
Non siamo davanti alla risoluzione della vertenza, ovviamente, perché parliamo di “elemosina” di una quota residua, ma ancora una volta i lavoratori della Giuzio dimostrano senso di responsabilità e una profonda dedizione al proprio lavoro .
Lo sciopero avrebbe causato un ulteriore rallentamento delle attività industriali nella nostra Regione ed oggi vogliamo dimostrare ancora una volta che i lavoratori della Giuzio sono un vero valore per questa regione, al contrario di ciò che molte volte alcuni esponenti, anche politici affermano .
Questa settimana sarà per tutti la prova del nove, perché oggi accettiamo l’ennesimo contentino, ma i lavoratori hanno una grande dignità e nessuno, nessuno può calpestarla.
A tal proposito Confermiamo lo sciopero, già comunicato in precedenza per la giornata del 26 Ottobre, che sarà sospeso solo allorché verrà trovata una soluzione, seria e duratura nel tempo, per proseguire con dignità e sopratutto nel rispetto delle leggi e delle norme; non si lavora gratis.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.