T3 Innovation, Consigliere regionale Cifarelli (PD): “Il trasferimento tecnologico finalizzato alla valorizzazione delle potenzialità di innovazione del sistema produttivo lucano non va fermato”

24 Gennaio, 2020 12:46 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

T3 Innovation, Consigliere regionale Cifarelli (PD): “Il trasferimento tecnologico finalizzato alla valorizzazione delle potenzialità di innovazione del sistema produttivo lucano non va fermato”. Di seguito la nota integrale.

“Ritengo importante che le imprese lucane vengano messe nelle condizioni di poter competere meglio sul mercato nazionale e mondiale. Investire pertanto fondi pubblici per favorire processi di innovazione e di trasferimento tecnologico a favore delle imprese lucane è un atto di buona amministrazione e di buona politica.
Per queste ragioni presenterò una specifica mozione nel corso del prossimo consiglio regionale previsto per lunedì 27 Gennaio p.v. con la quale chiederò alla Giunta regionale di adottare con la massima sollecitudine gli atti necessari volti a proseguire le attività fin qui messe in campo dalla Regione Basilicata ad iniziare dalla possibilità di avvalersi ancora per i prossimi anni dei servizi erogati dal raggruppamento di imprese “T3 Innovation”.
L’esperienza della Basilicata sul trasferimento tecnologico è statariconosciuta quale best practice sia a livello regionale che nazionale. Il contratto con T3 scade il prossimo 31 gennaio ed è prorogabile per altri 3 anni a discrezione dell’amministrazione regionale, manon si registra al momento alcuna volontà di rinnovo.
Gli interventi pubblici che si sono susseguiti in questi ultimi giorni, di sindacati ed associazioni degli imprenditori, e da ultimo il grido di allarme lanciato direttamente al Presidente Bardi dai 22 dipendenti altamente specializzati di T3, esigono la dovuta attenzione. Non è possibile far scadere un servizio senza che ci sia stata una valutazione pubblica dell’esperienza maturata e, peggio ancora, senza che si conoscano le intenzioni future al riguardo”.
Sarebbe sbagliatoprivare di un importante punto di riferimento numerosi imprenditori, ricercatori e giovani startupper. Ciò produrrà ritardi nello sviluppo del nostro tessuto imprenditoriale ed un danno gravissimo in materia occupazionale di personale altamente qualificato, considerato che a partire dal 1 febbraio prossimo si procederà al licenziamento in tronco di22 dipendenti”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.