Napoli: declassamento Commissione Europea è bocciatura per giunte De Filippo

9 Ottobre, 2013 14:20 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

 

“Si vorrebbe far passare il “declassamento” socio-economico della Basilicata con la decisione, da parte della Commissione Europea, di ritorno all’Obiettivo uno , cioè nella fascia delle regioni a forte sottosviluppo come quelle della Grecia, della Polonia, Slovenia, ecc.,  come risultato di fattori tecnico-statistici. La verità invece è che si tratta di una bocciatura politica di cui portano interamente  le responsabilità le Giunte De Filippo dal 2005 ad oggi”. E’ il commento del capogruppo Pdl in Consiglio Regionale Michele Napoli che aggiunge: “siamo alla definitiva fine del “modello di Regione virtuosa e prima della classe in Europa” che per anni ha accompagnato la retorica del Governatore De Filippo e del centrosinistra nei Programmi dei fondi comunitari con i metodi della spesa polverizzata e della creatività che hanno caratterizzato i Programmi Fesr (il riferimento è soprattutto ai “beni immateriali”, vale a dire persino eventi di spettacolo), Fse e Feoga-Psr.   Adesso è la Commissione Europea a dettare le priorità di spesa nel prossimo sessennio 2014-2020 per le regioni che come la Basilicata sono a forte ritardo di sviluppo e che devono riguardare  gli assi ricerca e innovazione, agenda digitale, Pmi e un’economia sostenibile. C’è persino la tassativa previsione di spesa: il 50 % dei circa 20 miliardi di euro destinati a Campania, Calabria, Sicilia, Puglia e Basilicata, dovranno essere spesi su una o più fra le quattro priorità e di questi il 12% per l’economia sostenibile, in particolare fonti rinnovabili ed efficienza energetica. Risulta perciò ancora più rilevante il profilo politico della nuova Giunta Regionale che sarà eletta a metà novembre perché – sottolinea il capogruppo Pdl – le risorse comunitarie sono le uniche su cui sarà possibile fare affidamento e non possono  essere ancora sprecate al punto da farci tornare indietro per parametri socio-economici invece di produrre benefici e risultati per l’economia e l’occupazione”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

  1. 7 anni  

    nunzio

    meglio così!!!! Almeno continueranno ad arrivare finanziamenti!!!

  2. 7 anni  

    Proprio il pdl parla che governando regioni come la Calabria,la Sicilia sono quelle che hanno il più scandaloso utilizzo dei fondi europei; senti a me va a farti una dormita tu e il pdl siete incapaci più del derelitto pd di governare