Ignazio Mancini nuovo Rettore Unibas, gli auguri della Cgil Basilicata

16 Settembre, 2020 10:23 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Ignazio Mancini nuovo Rettore Unibas, gli auguri della Cgil Basilicata: “Università fattore strategico per lo sviluppo della nostra regione”. Di seguito la nota integrale.

Facciamo i nostri migliori auguri di buon lavoro al professor Ignazio Mancini, eletto ieri Rettore dell’Università degli Studi della Basilicata. Un incarico non semplice in un tempo che richiede grande visione e progettualità.

Il nuovo Rettore dovrà affrontare due sfide importanti e inedite per la nostra università: il riavvio delle attività didattiche in piena sicurezza alla luce dell’emergenza sanitaria in atto e l’attivazione del corso di laurea in medicina.

E su questo ribadiamo la imprescindibilità di un piano di fattibilità che sia realmente in grado di determinare le condizioni affinché l’istituzione del corso di laurea sia una reale opportunità per l’università lucana e per il sistema sanitario regionale, due asset che sono l’emblema dei disinvestimenti e dei tagli lineari perpetrati in questi anni. Ecco perché è necessario che i finanziamenti a oggi assicurati dalla Regione Basilicata e dal ministero della Salute garantiscono una effettiva strutturalità al corso di laurea in medicina.

L’università, come del resto tutto il sistema dell’istruzione, rappresenta un asse strategico per lo sviluppo di questa regione, un asse sul quale far leva affinché la nostra regione, pur piccola nel Mezzogiorno, possa diventare attrattiva anche per le regioni limitrofe per la sua offerta didattica e per il suo sistema sanitario.

Nel ringraziare la Rettrice Aurelia Sole per il lavoro svolto in questi anni per l’Ateneo e i suoi studenti, formuliamo ancora i nostri auguri al Rettore Mancini, certi di poter proseguire e sempre più alimentare un percorso di confronto costruttivo sulle grandi questioni che abbiamo dinanzi.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.