Il maestro artigiano materano Mario Daddiego dona le sue pupe al sindaco di Matera Bennardi e al prefetto Argentieri

6 Marzo, 2021 10:47 |
Facebooktwitterlinkedinmail

Da qualche giorno sono in bella mostra nell’Ufficio del Sindaco di Matera Domenico Bennardi e del Prefetto della provincia di Matera Rinaldo Argentieri le “PUPE” del maestro artigiano Mario Daddiego.

L’arte pastorale lucanaè sempre stata al centro di numerose creazioni artigianali alcune completamente dimenticate altre tramandate di generazione in generazione evolvendosi nei secoli fino ai nostri giorni.

E’ proprio ispirandosi all’ antica tradizione pastorale di realizzare, in formaggio fuso, sagome a forma di animali o di donne stilizzate da usare come ciuccio per i neonati che, il Maestro Artigiano Mario Daddiego, grazie ad una serie di studi sulle origini e grazie alla sua creatività, ha dato vita a diversi prototipi di ‘’ donna materana’’ (bambola) cui ha dato l’appellativo di “La Pupa”.

Tra le caratteristiche principali della Pupa sono evidenti i numerosi elementi decorativi e floreali eseguiti a rilievo e la presenza di una gonna ampia pitturata in modo diverso l’una dall’altra dando ampio risalto soprattutto ai colori vivaci e sgargianti degli abiti (tradizione dei costumi lucani = pacchiana).
La Pupa, grazie alle sue forme e al suo significato storico, è ben presto diventato uno dei prodotti simbolo della antica tradizione lucana tanto da essere oggetto di interesse non solo dei numerosi giornalisti e storici interessati e partecipi nel tramandare la nostra cultura locale, ma anche dei numerosi turisti che affollano i Sassi di Matera.

‘’Ringrazio la Cna e in particolar modo Leo Montemurro – afferma il maestro Mario Daddiego- per aver promosso la valorizzazione di una mia creazione artisticache mi inorgoglisce ancora di più in quanto oramai non solo è divenuta di importanza storica ma è anche un prodotto artigianale sul quale ho avuto il riconoscimento del diritto d’autore. Tale riconoscimento che tutela la proprietà intellettuale rende la mia creazione unica ed al riparo da maldestre operazioni di contraffazione.’’

 

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.