FAI per Matera 2019, 51.200 visitatori hanno scelto Casa Noha nei Sassi di Matera

15 Gennaio, 2020 15:55 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Nel 2019, anno di Matera Capitale Europea della Cultura, Casa Noha del Fondo Ambiente Italiano chiude con risultati in crescita e importanti. 51.200 persone, di cui 25% straniere, hanno visitato nel 2019 la dimora che racconta la storia di Matera, una tappa obbligata per un visitatore attento che ama immergersi nella storia della Città prima di visitarla.
“Il 2019 è stato un anno impegnativo, siamo soddisfatti – dice la Property Manager Donatella Acito.Abbiamo lavorato senza sosta per accogliere al meglio gli abitanti culturali provenienti da tutto il mondo. Matera è ormai una meta del turismo culturale e sono convinta che l’anno passato sia stato solo un trampolino di lancio, adesso tocca preservare il patrimonio”.
In occasione dell’anno dedicato alla cultura,il FAI ha voluto potenziare i contenuti della visita recuperando e aprendo due nuovi spazi e un nuovo allestimento dedicato al racconto della Città; un tavolo multimediale interattivo che offre una panoramica sul paesaggio urbano e sul territorio pertinente e suggerisce la visita di luoghi speciali, monumenti più o meno noti, chiese e musei, vicoli e quartieri, scorci e panorami, uniti da itinerari a tema: le “Passeggiate a Matera”.
Inoltre a giugno 2019 Casa Noha è stata resa accessibile anche ai disabili intellettivi con il progetto“Bene FAI per tutti”, ideato e realizzato in stretta collaborazione con l’associazione “L’abilità” e la Fondazione De Agostini.
Come ogni anno, il Bene del FAI chiude per una pausa invernale dal 7 gennaio al 27 febbraio.
Molto positivo anche il bilancio delle attività promosse dalla Delegazione di Matera. Rosalba Demetrio, Capo Delegazione FAI Matera e Vicepresidente Regionale FAI Basilicata afferma:
“Il 2019 ha visto in campo il nostro impegno su un ampio versante di attività. Le Giornate nazionali di Primavera e d’Autunno hanno prodotto narrazioni e azioni concrete con 35 complessive aperture straordinarie contemporanee soltanto a Matera e un poderoso impegno nel territorio provinciale che coinvolge il Gruppo di Tricarico con 5 Comuni afferenti, il Gruppo di Ferrandina con 5 Comuni afferenti, il Comune di Irsina, per un totale di circa 30.000 visitatori. Sento di poter affermare che il nostro quotidiano impegno per la crescita della comunità, e particolarmente dei giovani, interpreti il significato originario della parola ‘cultura’ che ha la stessa radice latina del verbo ‘colere’, coltivare, con la continuità di un lavoro vasto e costante, non puntiforme e intermittente come uno spot. Tra i risultati più importanti del 2019 certamente c’è l’aver offerto una importante opportunità a molte Istituzioni Scolastiche coinvolte grazie al Progetto di cittadinanza attiva “Apprendisti Ciceroni”, declinato anche in Percorsiper le Competenze Trasversali e per l’Orientamento (Alternanza Scuola-Lavoro), autentico fiore all’occhiello del FAI e apripista per esperienze analoghe nate nel territorio e l’aver esteso e potenziato la rete delle collaborazioni con Istituzioni e Privati, secondo una visione strategica sempre più condivisa e inclusiva”.

Per informazioni è possibile scrivere a [email protected]

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.