Regione Basilicata punta a investire sull’aeroporto di Salerno. De Filippo contestato da sindaco di Policoro, Pedicini (Fratelli d’Italia), Confapi Matera, Stella (Presidente Provincia di Matera), Casapound Italia e Matera Si Muove

20 Febbraio, 2013 07:44 |
Facebooktwitterlinkedinmail

Il sindaco di Policoro Rocco Leone contesta l’ipotesi che vedrebbe la Regione Basilicata pronta ad investire sull’aeroporto di Pontecagnano: “Occorre investire sull’aeroporto dello Jonio per far decollare l’economia”. Di seguito la nota integrale.
“Il Presidente De Filippo volta le spalle al materano e guarda alla vicina Campania, mortificando di fatto il territorio più produttivo e dinamico della Basilicata”. Il Sindaco della Città di Policoro, Rocco Leone, interviene a seguito delle polemiche innescate dalle dichiarazioni del Presidente lucano, Vito De Filippo, di voler investire nell’aeroporto salernitano “Costa d’Amalfi” di Pontecagnano: scelta che, di fatto, favorirebbe solo l’utenza potentina, a svantaggio del flusso turistico dell’intero arco ionico e dell’area produttiva del metapontino, già fortemente penalizzati a seguito della soppressione dei treni di lunga percorrenza. “Ha ragione il Sindaco di Pisticci – dichiara Leone – che parla di scelta senza senso e fuori dalla realtà, dopo che la stessa Regione Basilicata, per l’ampliamento della Pista Mattei, ha stanziato ben 8 mln di euro ed altri fondi per la bonifica dell’area”. “Bisogna pensare alla Pista Mattei – prosegue il primo cittadino – come all’aeroporto dello “Jonio”, che abbracci anche le esigenze dei comuni dell’alto ionio cosentino, penalizzati anche loro da istituzioni regionali che guardano altrove, piuttosto che ad un’intera costa che fa registrare il tutto esaurito in estate, in termini di presenze di flussi turistici, e che propone, nel settore dell’agroalimentare, prodotti di qualità da esportare in tutt’Europa”. “Proprio nei giorni scorsi – continua Leone – ho ricevuto una delegazione di cittadini calabresi, rappresentanti del Comitato “Codiss Tre Sibaritide”, del “Comitato No Triv Mediterraneo” e produttori, che avevano espressamente chiesto di parlare con la nostra Amministrazione per proporre la realizzazione di un aeroporto “Siritide-Sibaritide” che possa sorgere a cavallo delle due realtà ioniche”. “E’ stato un incontro proficuo – conclude Leone – utile a conoscere meglio due territori confinanti che hanno bisogno di dialogare tra loro: due aree che, insieme, possono proporre e realizzare un progetto comune per uscire da un assurdo e quanto inconcepibile isolamento”.

 

Adriano Pedicini, candidato alla camera dei deputati con Fratelli d’Italia icontesta l’ipotesi che vedrebbe la Regione Basilicata pronta ad investire sull’aeroporto di Pontecagnano.

Ho letto con piacere il dibattito che si é sviluppato intorno all’uscita quantomeno discutibile del Presidente della Regione Vito De Filippo. Affermare che la regione Basilicata ha intenzione di investire nell’aeroporto di Salerno è una di quelle uscite volte a pensare a sè stessi,tipiche della campagna elettorale. Forse De Filippo si dimentica che la Basilicata è anche Matera e che la nostra Provincia non solo esiste, ma ha anche deciso di svegliarsi. Il decreto del governo Monti non è passato, la nostra Provincia esiste ed è indipendente, non siamo in Puglia nè siamo schiavi di Potenza.
A mio parere, costruirsi l’aeroporto sotto casa, che poi resterebbe poco utilizzato e poco conosciuto, non è un grande traguardo cui ambire, soprattutto se teniamo in considerazione le grandi incompiute del nostro recente passato; riferimenti alla ferrovia non sono casuali. Nell’ultimo periodo, a livello nazionale si è sviluppato un discorso ampio relativo agli aeroporti, ai tagli che probabilmente verranno apportati ai piccoli aeroporti che non si sa se continueranno a vivere o chissà di che morte moriranno. Pertanto la pista Mattei è uno di quei progetti di cui non riesco a trovare un rapporto positivo tra costi e benefici. Piuttosto credo che si potrebbe investire nell’aeroporto di Salerno, per quanto riguarda la provincia di Potenza, andando a potenziare i collegamenti tra le due città. Allo stesso modo, però, la provincia di Matera dovrebbe investire nell’aeroporto di Bari, a noi vicino e molto funzionale. Allo stesso modo dovremmo potenziare i collegamenti tra Matera e Bari, proprio per permettere una buona fruizione dei servizi aeroportuali per i cittadini materani e per i turisti. Pensare a un punto dedicato, a una biglietteria dedicata all’aeroporto nella nostra città è sicuramente interessante.


 

Investire nell’aeroporto di Pontecagnano? Per Confapi scelta contraddittoria e dannosa per la regione

Confapi Matera non condivide l’ipotesi paventata che la Regione investa per la crescita dell’aeroporto di Pontecagnano, in provincia di Salerno, entrando nella società di gestione attraverso l’acquisto di quote societarie, dove sono disponibili 2 milioni di euro riservati ai terzi.

Condividendo le perplessità del sindaco di Pisticci, Confapi ritiene che, dopo la giusta decisione presa dalla Regione di stanziare 8 milioni di euro per il prolungamento della Pista Mattei, cui si aggiungeranno cospicue risorse per la caratterizzazione e l’eventuale bonifica, non è opportuno diventare soci di un aeroporto concorrente. Promuoviamo la Basilicata o la Campania? Si tratterebbe di una scelta contraddittoria e dannosa per la regione.

Il governo regionale si è più volte pronunciato sull’utilità di potenziare lo scalo di Pisticci; non può quindi fargli concorrenza rafforzando il “Costa d’Amalfi” e dirottando i flussi di viaggiatori in Campania. Altre operazioni a perdere come quella sui derivati i cittadini e le imprese lucane non le vogliono.

Inoltre, se la scelta politica è quella di incentivare gli scali extraregionali, sono senz’altro soluzioni migliori quella di Bari-Palese oppure del costruendo aeroporto della Sibaritide o l’inutilizzato scalo di Grottaglie.

         A questo punto ci si chiede se sia lecito investire nell’aeroporto di Pontecagnano, dopo aver speso molti soldi per la Pista Mattei e, soprattutto, considerato che la Basilicata soffre di una grave carenza infrastrutturale per quanto riguarda le strade e le ferrovie. Miglioriamo il sistema lucano dei trasporti e della mobilità, invece di sprecare le poche risorse che abbiamo.

 

Aeroporto di Salerno, le preoccupazioni della Provincia di Matera –  Ancora una volta la volontà di ampliare gli orizzonti finisce per affossare questo territorio. Il presidente della Provincia di Matera Franco Stella e l’assessore alle Reti e Infrastrutture strategiche Angelo Garbellano, solidali con il sindaco di Pisticci Di Trani, esternano le proprie ansie al presidente De Filippo rispetto alla intenzione della Regione di investire nell’aeroporto salernitano.
“Leggiamo con preoccupazione, tra l’altro compiutamente espressa dal sindaco di Pisticci Vito Di Trani, la volontà della Regione di investire nell’aeroporto “Costa d’Amalfi” di Pontecagnano. Una prospettiva che definisce una intenzione che, per quanto “attenta e rigorosa”, esiste e dunque è reale. Ma, a questo punto, – si legge nella nota – ci chiediamo come un proposito del genere si possa conciliare con la struttura di Pisticci per la quale la stessa Regione Basilicata ha già stanziato 8 milioni di euro. Un investimento importante che si potrà realizzare solo a completamento della caratterizzazione ambientale dell’area; problema sul quale proprio questa Provincia era intervenuta, sollecitando la Regione a vincolare urgentemente i fondi disponibili pena la revoca degli stessi, ricevendo poi ampie rassicurazioni dall’assessorato regionale preposto.”
“Dunque Pista Mattei volano dello sviluppo regionale, come ampiamente sottolineato dai vertici regionali, che oggi sembra perdere ogni fondamento alla luce di un nuovo progetto politico. Perché quello che si evince, alla vigilia di un appuntamento elettorale così importante, è una frattura tra quanto sostenuto fino a oggi e i nuovi propositi.
Un territorio come il nostro, – sottolineano Stella e Garbellano- al di là di disegni o ambizioni pur comprensibili, merita onestà e coerenza, soprattutto in un frangente a dir poco difficile come quello attuale. Questo è il momento di perseguire gli obiettivi che ci siamo dati, traguardi riferiti esclusivamente alla priorità regionale: lo sviluppo compiuto dell’intera regione che deve guardare alle due province come a due realtà che interagiscono per realizzare la propria crescita e svincolarsi da arretratezze non più accettabili.”
“Consapevoli che il senso di responsabilità proprio delle istituzioni sia la lanterna di Diogene che contrassegna il percorso delle stesse, – concludono il presidente Stella e l’assessore Grabellano –  si auspica che quanto manifestato dal sindaco Di Trani, condiviso interamente da questa Amministrazione, non si realizzi, pena l’ennesimo ingiustificato colpo a una già lacerata Basilicata.”

 


Massimiliano Amenta, rappresentante del Comitato Matera Si Muove, contesta la scelta della Regione Basilicata di investire sull’aeroporto di Salerno. Di seguito la nota integrale.

“La Basilicata pronta ad investire sull’aeroporto di Salerno”.
Rieccoci! Potenza Capoluogo e la sua avidità ritorna a farsi sentire e lo fa direttamente dalla voce del caro Presidente De Filippo, impegnato nel “tour” elettorale assieme al suo amico Enrico Letta.
Anche in piena campagna elettorale non usa mezzi termini il Presidente della Regione per ribadire ancora una volta il disinteresse verso il territorio materano, ed in modo particolare della nostra Provincia, ormai tagliata fuori da ogni intervento e programmazione Regionale.
Da notare poi, la sagacia politica e amministrativa del nostro caro Presidente di intravedere nell’aeroporto di Salerno la definitiva consacrazione della Regione Basilicata, ultimo tassello verso un sicuro sviluppo..
Vorremmo ricordare al Presidente De Filippo che la pista di Pontecagnano non è presente tra gli aeroporti strategici previsti dal piano Nazionale degli aeroporti stilati dal rapporto dell’ ENAC, (invitiamo De Filippo a leggere il rapporto) che vede invece lo scalo di Bari- Palese tra gli aereoporti di maggior flusso di viaggiatori e inserito tra quelli strategici.
Non possiamo dimenticare la pista Mattei, che consentirebbe al metapontino e al territorio Materano di beneficiare del flusso turistico che porterebbe con se la realizzazione definitiva di quella tratta.
Stiamo parlando,dunque, dell’ennesimo investimento sbagliato di Potenza- Regione- Capoluogo ma soprattutto dell’incapacità dei nostri amministratori Regionali di individuare nell’aeroporto di Bari ( a poco piu di 50 Km dalla nostra città) un serio e credibile sviluppo per il territorio e per la Città di Matera che si vedrà tagliata fuori a causa dalla decisione della Regione di investire nell’aeroporto di Salerno,di gran lunga inferiore allo scalo Barese!
Matera SI muove vigilerà sui provvedimenti che verranno presi in merito a tale vicenda e farà di tutto affinché il territorio Materano non venga tagliato fuori da un sistema regionale politicamente fallito!

Massimiliano Amenta, Comitato Matera Si Muove.

 

Aeroporto Salerno, Casapound Italia contesta De Filippo: “Matera sempre più abbandonata”.  “Se serviva ancora una prova del disinteresse della giunta regionale nei confronti della provincia di Matera eccoci serviti”. Così CasaPound Italia della Basilicata commenta le parole del presidente della regione Vito De Filippo, che ha dichiarato di essere interessato a investire sull´aeroporto di Salerno.“Tralasciando il progetto della pista Mattei, di cui si potrebbe parlare per ore in un periodo in cui si cerca di razionalizzare gli aeroporti presenti sul territorio nazionale e che rischia di diventare una nuova “Matera-Ferrandina” – prosegue il movimento – vogliamo invitare il presidente De Filippo a fare un giro per le strade della Basilicata per valutare di persona le condizioni della Basentana, che da anni è caratterizzata da deviazioni e tratti chiusi, la situazione del Viadotto Calciano 2, i lavori sul collegamento Matera-Foggia, la linea abbandonata Matera-Ferrandina. Lungi da noi voler addossare la responsabilità di queste situazioni al presidente della regione, ma di certo non possono passare inosservati il silenzio, il disinteresse e l´abbandono in cui sono state lasciate le associazioni e le istituzioni della provincia di Matera di fronte a una battaglia per la crescita del nostro territorio”.

“Sono passati pochi mesi – ricorda Cpi – dal dibattito sulla soppressione della provincia di Matera voluta dal governo dei tecnici e che ha visto gran parte dei politici lucani riconoscere il ruolo cruciale della città dei Sassi all´interno della regione. Eppure – conclude il movimento – oggi come ieri le scelte vanno tutte nella direzione opposta, condannando Matera a un ruolo sempre più marginale nello scenario regionale e nazionale”.

CasaPound Basilicata

La Regione Basilicata interessata all’aeroporto di Salerno. E’ quanto ha dichiarato Vito De Filippo, presidente della Regione Basilicata a Pontecagnano in occasione della visita allo scalo aeroportuale di Enrico Letta, impegnato in un tour elettorale nel salernitano. Dichiarazioni destinate a far discutere visto che a breve  sarà pubblicato il bando per dare il via all’aumento di capitale del consorzio aeroportuale, che passerà dagli attuali 4,8 a 10 milioni di euro di cui tre riservati ai vecchi soci e due a terzi, con l’obiettivo di favore l’ingresso di nuovisoci istituzionali. E tra questi c’è anche  la Regione Basilicata. A confermarlo è Vito De Filippo: “Siamo interessati – dice De Filippo – ma attenti e rigorosi. Questo aeroporto può essere utile se supera una dimensione regionale: la Basilicata, o almeno la provincia di Potenza, può considerare quello di Salerno come un suo aeroporto regionale». E se dal presidente lucano arriva un’amara considerazione sulla «storia gestionale non totalmente positiva» del Costa d’Amalfi certo il segnale di attenzione è forte. E del crescente ruolo dell’aeroporto ha dovuto prendere consapevolezza anche il Pd salernitano.

A questo punto è lecito chiedersi che destinazione potrà avere la Pista Mattei non appena saranno completati i lavori per il prolungamento della pista. Ricordiamo in proposito che in questi giorni sono in arrivo i fondi per la caratterizzazione dell’area e per procedere eventualmente alla bonifica.  Inoltre a Policoro è stato presentato in una conferenza stampa un progetto per realizzare un’aeroporto nella piana di Sibari.

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

71 commenti

  1. 8 anni  

    fabius

    Ma ho letto bene? SALERNO???
    cioè la Regione Basilicata, quindi noi, dobbiamo investire per lo sviluppo dell’aeroporto di Salerno!
    questo vuol dire che è proprio vero che la nostra è una regione senza ne testa ne coda ed è inesorabilmente destinata a morire.
    A morte quindi la pista Mattei… con tutti i Filistei! Altro che Sansone, qui facciamo morire la Basilicata!!!
    Si dovrebbe investire in infrastrutture locali, abbiamo strade come la Matera – Ferrandina, la Potenza – Melfi, solo per citare quelle più importanti che andrebbero ristrutturate e solo se parliamo di strade, se dovessimo allargare gli orizzonti a alla rete ferroviaria, alle reti telematiche ecc, ecc ce ne sarebbero di infrastrutture urgenti sulle quali intervenire. Invece noi ci preoccupiamo dell’Aeroporto di Pontecagnano… poi magari di quello della Sibaritide in Calabria, ecc ecc
    Probabilmente il governatore ha a cuore gli interessi degli elettori campani e fra un po forse scopriremo anche di quelli calabresi (chissà forse è programmato un scambio di poltrone con Pittella in Regione e lui al parlamento europeo) e quindi se li vuole curare in vista delle prossime elezioni al parlamento europeo.
    Domenica e lunedì abbiamo l’occasione di lanciare un segnale forte ai nostri politici locali, facciamoli capire che siamo stanchi si essere considerati solo dei sudditi, è ora di cambiare, di rinnovare la classe politica della nostra rregione.
    Mandiamo a casa tutti i “tromboni” della politica. Votiamo liste dove ci sono candidate facce nuove e pulite!

    • 8 anni  

      MEMENTO

      IO INVESTIREI SU MALPENSA !!

      CARI LUCANI QUESTO E’ QUELLO CHE CI MERITIAMO SE DOMENICA CI FACCIAMO FREGARE DI NUOVO!!!! DOBBIAMO MANDARE QUESTI SIGNORI A CASA NON SE NE PUO’ PIU’.SIAMO STUFI ANDATE A CASA ……..MERITIAMO DI MEGLIO.

      M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S M5S

  2. 8 anni  

    PERCHE E PRESIDENTE DELLA REGIONE CAMPANIA, CHE DEVE INVESTIRE A SALERNO? FORSE DE FILIPPO SARA UN LONTANO PARENTE DI PEPPINO. EDOARDO E TINA DE FILIPPO? CON LA REGIONE CHE NECESSITA DI INFRASTRUTTURE, CON LA PISTA MATTEI CHE PUO SERVIRE UN BACINO ENORME SIA A LIVELLO TURISTICO E INDUSTRIALE COME LA VALBASENTO ED E EQUIDISTANTE DA MATERA E POTENZA SI HA QUESTA BRILLANTE IDEA, COMPLIMENTI! IL VERO FEDERALISMO? VIA COMUNI E REGIONI CHE CI COSTANO SOLO TANTI SOLDI E SI ALLE PROVINCIE!

  3. 8 anni  

    CHECCO

    Questo è totalmente fuori di testa.
    Condivido pienamente quello che dice il mio amico Fabius.

  4. 8 anni  

    Giovanni

    Ma sei pazzo De Filippo? E noi dobbiamo pagare con le nostre tasse l’aeroporto di Salerno che dista a 3 ore e più dal Metapontino, zona turistica, te lo sei scordato?
    Se questa vuole essere campagna elettorale la stai facendo proprio bene! Fatti votare tu e il tuo partito dai salernitani che dai lucani non avrete più un fico secco. Tu e il PD!!!! VERGOGNA!
    De FIlippo una commedia tutta all’italiana ma almeno Eduardo e Peppino sono più divertenti di te!

  5. 8 anni  

    MATERANOPURO

    DE FILIPPO SI E’ DIMENTICATO DI ESSERE IL GOVERNATORE DELLA BASILICATA.
    LO VEDO UN PO’ CONFUSO ULTIMAMENTE.
    SI STA’ PREPARANDO PER ANDARE AL PARLAMENTO.
    E’ MEGLIO CHE SI DIMETTE, VOGLIAMO VEDERE FACCE NUOVE, CI SIAMO STANCATI SEMPRE LE STESSE FACCE.

  6. 8 anni  

    Non è che desidera inviare anche le Royalti del petrolio in Sardegna? a piacere suo…
    CREDO CHE COME POPOLO LUCANO DOVREBBERO RENDERE CONTO AI CITTADINI CIRCA L’UTILIZZO DI QUESTI ENORMI CAPITALI, DATO CHE LA REGIONE REGREDISCE SIA SOTTO L’ASPETTO AGRICOLO,TURISTICO E COMMERCIALE E LA DISOCCUPAZIONE SI ALLARGA A MACCHIA D’OLIO! SE LE PROCURE CI DESSERO UNA MANO SAREBBE TUTTO PIU SEMPLICE!

  7. 8 anni  

    Mina

    Non è una questione di campanilismo, però questo dimostra che è un atto solo a favore di Potenza, perchè al resto della regione non ne viene nulla in tasca in materia di mobilità, rivela che è solo un gioco politico.
    Sono d’accordo con Fabius, a cosa servono ancora i vari dibattiti, conferenze e presunti stanziamenti per l’ampliamento della pista Mattei e a tante altre infrastrutture tanto decantate?
    Una sola risposta: a imbonirci per ottenere e mantenere sempre la poltrona. Vergogna!

  8. 8 anni  

    Mimino

    Giustamente anche a Potenza vogliono un aeroporto di livello nazionale vicino, ma un po’ di serietà, l’aeroporto in Val basento é inutile per quanto siamo pochi. E’ inevitabile che le due province si allontanino e la Regione Basilicata non ha piu senso, al suo posto meglio una comunità montana.

  9. 8 anni  

    Amico materano

    Dato che De Filippo sa benissimo che in Basilicata un areoporto non si farà mai, ha pensato bene di investire su quello di Salerno che è più vicino ai montanari, così risolvono i loro problemi. Amici dovete sapere che la Basilicata è unita solo per raccogliere i soldi, mentre quando si tratta di spendere, si deve investire solo nella zona di Potenza. Che schifo!!!

  10. 8 anni  

    SCETTICO

    ci sono poche parole…non mi va di sprecare tempo…mandiamoli a casa al più presto…il pd deve sparire bastaaa

  11. 8 anni  

    nico

    Credo che se la provincia di potenza avesse erogato dei fondi all’areoporto di salerno nessuno si sarebbe scandalizzato, il satrapo de filippo crede davvero di poter amministrare la Regione in maniera medievale??

    Per fortuna non hanno rispolverato l’aeroporto piani del mattino. . . .

    Purtroppo immagino altresì che il 24 e 25 greggi ed armenti di elettori continueranno a seguire i dettami dei pastori e mandriani di turno.

    Abbiamo una rete viaria e ferroviaria che fà pietà e questi si permettono il lusso di dirottare fiumi di soldi in Campania, penso al treno che da Battipaglia a potenza ”scivola” sui binari o all’incompiuta Bradanica e tantotanto altro….

  12. 8 anni  

    materazione

    quando le pecore fanno…. beeeeeeeeeeeeeeeee…….che miseria che miseria. Qualcuno ha votato questi irresponsabili e qualcun altro deve mandarli a lavorare una volta per sempre. Non ne dicono una buona

  13. 8 anni  

    materano

    Ma ci rendiamo conto da che razza di PAGLIACCI siamo amministrati e vengono qui a Matera a prenderci per i fondelli parlando di sviluppo e di crescita , certamente la loro. Qualora venisse a Matera per la campagna elettorale VERDURA MARCIA SULLA SUA FACCIACCIA.
    Che dicono e che ne pensano i suoi compari e sostenitori materani , suonatori e disonorevoli che vogliono essere votati da noi ?
    Questa trovata vergognosa e sensazionale merita di essere a lungo meditata e rammentata.

  14. 8 anni  

    Sunday

    Facciamo cosi’:
    La provincia di Potenza investe su Pontecagnano.
    La provincia di Matera investe su Bari
    Scelta giusta ed equa, che va nella direzione di un comodo e facile accesso agli scali aeroportuali.

    La pista mattei e’ stata una scelta scellerata e insensata, avallata da noi pecore (vedi sopra) con il solo intento di farci piu’ spocchiosi (nei confronti di chi ????) perche’ anche noi abbiamo un aeroporto.
    Soldi buttati nel canale …..

    • 8 anni  

      nico

      ..infatti…solo che noi abbiamo un aeroporto di serie A e loro uno di serie C, ed una volta terminato il raddoppio tra mellitto e toritto i tempi di percorrenza si accorciano di almeno 10 minuti

  15. 8 anni  

    IL GOVERNATORE

    IO se fossi De Filippo, investirei sull’aereoporto di MILANO o meglio quello di MADRID!!!!! tanto che cambia?…..

  16. 8 anni  

    Giuseppe

    La mia domanda è tutti i soldi spesi ? per l’aeroporto virtuale di Pisticci (pista Mattei) a cosa sono serviti ?se ancora oggi si continuano a spenderli per allargare la pista ,il presidente DE FILIPPO quando si facevano questi investimenti lui cosa ha fatto?io penso bisogna investire nella propria regione, se un aeroporto ci vuole bisogna cercare di realizarlo nella proria regione ,si potrebbe usare la pista Mattei visto la mancanza di mezzi di trasporto ,l’alta velocità i miei nipoti potranno sperare in giorno di vederla realizata nella nostra regione concludo dicendo mandiamo a casa tutti questi politici che non fanno nulla per la nostra regione ,non siamo cittadini di serie B facciamo sentire la nostra voce

  17. 8 anni  

    ABC

    Bisogna investire nella propia Regione ….. è lui quello vuole fare ……
    un tempo neppure tanto lontano …… Potenza Provincia di SALERNO !!!!!!
    AHAHAHAHAHAHAHAHAH

  18. 8 anni  

    antonello

    secondo me è solo una reclame elettorale.
    comunque è sempre la solita storia…la Basilicata NON ESISTE… ed è meglio che venga cancellata del tutto!

  19. 8 anni  

    Patrizia

    Allora, carissimi Lucani, avete bisogno di altro per svegliarvi?????? Mancano pochissimi giorni al voto: vogliamo farla sparire una volta per tutte questa classe politica o no?? NO? E allora VE LA MERITATE.
    TANTI AUGURI!!!!!!!!

  20. 8 anni  

    pio abiusi

    bah! brutto dibattito .
    Unico intervento serio è quello di Sunday,
    In cui si dice che la provincia di Matera investa su Palese.
    Piccolo particolare è che non c’è bisogno di investire su Palese perchè l’aeroporto di BARI C’E’ già ed è una grossa realtà, Pontecagnano è una scommessa fino a questo momento persa, De Filippo lo ha detto.
    In prospettiva Napoli deve delocalizzare Capodichino, che sia la piana del Sele quella buona?
    Pista Mattei è una mera esercitazione per riempire le pagine dei giornali come la tratta ferroviaria Matera- Ferrandina.
    In attesa che Pontecagnano sostituisca Capodichino, se accadrà, a noi converreebbe investire sulla 96 bis- tratto SS407- Tolve ed assecondare meglio quello che sta già accadendo per l’area di Potenza e cioè lo spostamento gravitazionale da Napoli a Bari.

    • 8 anni  

      UELO72

      Permettimi: che ce ne importa della 96bis????? A noi deve premere completare la Bradanica e la 96, la 96bis anche una volta ammodernata potrà vedere un ventesimo del traffico della 99… vediamo di non sparare fesserie! Se proprio volessimo avvicinarci a Potenza, magari migliorare la 7 e la 7racc, che sono in uno stato pietoso!

    • 8 anni  

      Sunday

      Quando ho scritto investire su palese intendevo dire investire per avvicinare virtualmente l’aeroporto alla città, magari riaprire quel buco chiuso in piazza matteotti per farlo diventare un vero terminal, potenziare ancora di piu’ le navette, CHE ORA SONO DIVENTATE 5 AL GIORNO IN ANDATA E 5 DI RITORNO (che probabilmente bastano e avanzano)
      Abbiamo un potenziale tra le mani ….. i nostri Sassi …. non facciamo niente e la gente viene comunque a trovarci, pensate un po’ se ci muovessimo un pochettino…. e non parlo di politica e politici, io parlo di noi materani.
      Mi dispiace dirlo ma siamo ancora troppo piagnoni ….

  21. 8 anni  

    Giovanni Caserta

    Sigg. Santochirico, Braia, Viti, Mastrosimone, che in Giunta e in Consiglio regionale rappresentate Matera e i suoi bisogni, possiamo sapere qual è in merito il vostro pensiero? Attendiamo disperatamente.

  22. 8 anni  

    Michele

    Questo è assurdo…..una disparita’ di trattamento tra i due capoluoghi che anche un cretino se ne accorgerebbe.
    potenza ha una rete ferroviaria ben collegata ed efficiente- Matera è rimasta con un trenino di merda che ci collega solo con Bari.
    potenza dal punto di vista stradale ben collegata alla A3 e alla costa jonica con la basentana e in citta’ vari cantieri per la realizzazione di tangenziali, scale mobili etc. – Matera mal collegata con Ferrandina, mal collegata col metapontino( hanno realizzato una strada 2 metri piu’ larga di quella precedente) e con Bari l’unico tratto buono è Matera-Altamura, Bradanica non ne parliamo e in citta’ anche solo vedere chiudere i buchi sulle strade è diventato un sogno, una citta’ alla deriva! L’unica cosa buona che abbiamo rispetto a potenza è l’aeroporto dove per pura casualita’ ce lo siamo trovati abbastanza vicino e che se negli anni si è ingrandito non lo ha fatto certamente per merito della Basilicata, e adesso senti questo essere che pure per superare questo gap è pronto a finanziare un aeroporto in campania….de filippo & c. venite da queste parti a chiedere voti, che quelli sicuramente non li avrete ma una dozzina di uova marce in faccia non ve le toglie nessuno!!!! Comunque cerchiamo di cambiare le cose in modo civile….quindi domenica votate M5S e togliamoci ste facce di merda davanti agli occhi una volta per tutte!!!

    • 8 anni  

      ste

      Se aggiungiamo che le navette per l’aeroporto di Bari Palese sono per metà finanziate dalle Regione Puglia, che nel 2009 era l’unica a garantire un servizio di collegamento verso la nostra città, capiamo quanto poco lungimiranti siano i nostri amministratori e quanto disinteresse ci sia verso la nostra città. Altro che polo turistico e capitale europea della cultura.
      Peccato che il sindaco, costretto a sottostare alle logiche di partito, non possa mostrare gli attributi. Ammesso che li abbia.

      • 8 anni  

        pio abiusi

        I pugliesi sanno dove investire, Evito di fare la seconda considerazione sui materani

        • 8 anni  

          ste

          Giusto Pio, i pugliesi sanno dove investire!
          Ma le considerazioni sui materani, purtroppo, non dobbiamo sottrarci dal farle. Quando si è discusso della soppressione della provincia di Matera parlando con molta gente il pensiero era: “se Matera rischia la soppressione la colpa in primis è dei materani e di chi ci ha amministrati”. E infatti: il polo del salotto è morto da anni quindi niente sogni di polo industriale, il turismo non è mai decollato degnamente perché sono mancate politiche serie in tale senso,… Allora poi non ci lamentiamo se veniamo considerati uno “spreco”. E questo mi sembra espresso solo nel comunicato di casapound. Gli altri credono davvero nella pista Mattei.

    • 8 anni  

      Sunday

      Eccolo qui …. Michele non ho nulla contro di te, ma questo e’ il tipico messaggio piagnone…
      Abbiamo elencato solo i difetti, dimenricandoci per esempio che la MAtera-Metaponto per 9 mesi l’anno e’ DESERTA !
      Facciamo la superstrada nel deserto ?
      E’ colpa di Potenza se i nostri amministratori non si accorgono che la Matera-Ferrandina e’ quasi al collasso?

      E veniamo alla tanto agognata ferrovia dello stato…. potenza ha una rete ferroviaria ben collegata ed efficiente ?
      SEI SICURO ?
      Un potentino per arrivare nella città di Napoli (quindi altri collegamenti, aeroporto, servizi, negozi etc) ha a disposizione 3 treni e 2 autobus diretti al giorno targati FS…. tutti tra l’altro in orari non comodi (meta’ mattinata, meta’ pomeriggio) ALLA FACCIA DELL’EFFICIENZA
      Invece un materano per arrivare a Bari (altri collegamenti, aeroporto, servizi, negozi etc) ha ben 14 (QUATTORDICI) treni (di m…) al giorno + 7 autobus delle Fal
      Sinceramente … chi se la passa meglio?
      Ho paura che soffriamo un bel po’ di un qualche senso di inferiorità … per cui anche con dati di fatto (Siena ha 2 navette al giorno per l’aeroporto di Pisa e ZERO per quello di Firenze) noi siamo quelli piu’ sfigati punto e basta

      • 8 anni  

        Michele

        Be’ Sunday….non sono qui a fare il piagnone ma in riferimento ad un articolo del genere mi sentivo di mettere in evidenza delle disparita’ che per me sono evidenti!
        Mi parli della Matera-Metaponto come strada deserta per 9 mesi….io piu’ che altro direi un po’ meno trafficata per 9 mesi perche’ da quella strada non si va solo al mare. Poi non intendevo renderla a 4 corsie ma di fare delle corsie un po’ piu’ larghe perche’ se ti trovi un trattore su quella strada il pericolo resta sempre simile a prima(parlo dell’ultimo tratto ammodernato).
        Per quanto riguarda le ferrovie, nello specifico non so com’è a Potenza ma so che è servita dalle FS e dalla Fal e che ha collegamenti per varie direzioni e citta’, mentre noi andiamo solo in direzione Bari e con i tempi di un tragitto in bicicletta, e poi le ferrovie non servono solo per spostare persone.
        Poi per gli investimenti interni vedo il comune di Matera che non è in grado di fare una striscia di asfalto e il comune di potenza che effettua opere come tangenziali, scale mobili e altre opere.
        Per la bradanica non c’è bisogno neanche di commentare la situazione, quindi a ‘sto punto dimmi se vanno di pari passo i due capoluoghi.
        Per me decisamente no!

      • 8 anni  

        pio abiusi

        Trasporti.
        non mi convince la posizione di Stella ecc. del resto De Filippo è stato chiaro per Pontecagnano : se sono rose fioriranno per il momento non sono fiorite.
        Taranto è uno slogan perché stanno dragando i fondali per aumentare il pescaggio e permettere alle super containers , quelle che vanno per la maggiore , di attraccare.
        Noi non abbiamo merce da imbarcare e sbarcare. Con il potenziamento di Taranto si chiude l’anello di quella che doveva essere l’autostrada del mare di ispirazione di Ciampi e Prodi e forse riusciamo a segare la concorrenza di Malta. Gioia Tauro non ha storia perché è costosa la gestione del porto, soggetto ad insabbiamento, ed è senza hinterland.
        La rete buona di Trenitalia è la Potenza- Foggia che costa poco potenziarla ci collega alla Alta capacità o alta velocità che sarà, almeno fra 10 anni se non di più.
        La tratta Balvano-Picerno è impresentabile ma non si può migliorare non ci sarebbe ritorno.
        A questo punto la TAV di Salerno si raggiunge con l’autobus, piccolo, perché siamo pochi.
        Circa i trasporti interni c’è bisogno di rivisitarli sulla base dei mutati centri di attrazione e della viabilità.
        Bisognerebbe investire sulla 96 o 96-bis superando il nodo della SS 407 con Tolve e poi Potenza diverrebbe hinterland a tutti gli effetti di Bari l’aeroporto sarebbe quello di Palese che sta crescendo davvero bene.
        E’ parte di una mail appena inviata. Complimenti Sunday, tieni conto però che siamo a qualche giorno dalla tornata elettorale ed allora se ne dicono fesserie

  23. 8 anni  

    fabius

    Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur!
    Mentre qui si parla, altrove (Potenza) si fanno i fatti! come al solito qualche votla ci lanciano l’osso e noi ci sbraniamo mentre altrove si distribuiscono la polpa. Questa è l’amara realtà del nostro territorio. Continuiamo a dircene una contro l’altro, io preferisco la Pista Mattei, l’altro il raddoppio della Matera Ferrandina, chi vuole la 96bis che invece preferisce il raddoppio della 175, ma alla fine non ci resta nulla…
    Siamo alle solite!
    E’ ORA DI SVEGLIARCI!
    qualcuno ha fatto l’appello ai nostri politici consiglieri regionali e non, gli unici che hanno risposto sono stati il sindaco di Pisticci ed il presidente della Provincia. Ma gli altri che fanno?
    I regionali Braia, Viti, Mastrosimone, Gaudiano, Benedetto, D’Alessandro, Castelluccio, Venezia che fine avete fatto?
    Ed i candidati senatori ed onorevoli? dove sono? qual’è la loro opinione?
    e da ultimo il nostro caro sindaco Adduce cosa pensa a proposito?

  24. 8 anni  

    materazione

    sono alle Seyscelles coi soldi nostri, caro prof. Caserta, fate l’appello a persone nulle… sveglia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  25. 8 anni  

    Michele

    il Nostro caro Presidente Regionale merita solo un colpo in testa.
    La Nostra terra ricca di PETROLIO, GAS, ACQUA, TERRA, MARE ed infine IMMONDIZIA (che dire di più) pensa di investire soldi per infrastrutture di altre regioni. MA SIAMO FUORI DI TESTA?
    >>> DE FILIPPO ——> SVEGLIAAAAAAAAA. HAI ROTTO IL CA..XX..O.
    Noi siamo gli emirati arabi occidentali ma rispecchiamo a dir poco forse il Bangladesh (il popolo più povero del mondo).
    DOBBIAMO SVEGLIARCI ANCHE NOI CITTADINI.

  26. 8 anni  

    IL GOVERNATORE

    ARRENDETEVI SIETE CIRCONDATI TUTTI ORMAI!!!!! QUESTO FEBBRAIO 2013 PASSERA’ ALLA STORIA PER IL CAMBIAMENTO TOTALE DEL NOSTRO PAESE: NUOVO PAPA, NUOVO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA,NUOVA CLASSE POLITICA………TUTTO IL RESTO A CASA PER SEMPRE!!!!!

    D I P E N D E D A N O I T U T T I !!!!!!!!!!!!!!!!

  27. 8 anni  

    Giovanni Caserta

    Lettori di Sassilive, fra qualche ora Sassilive gira pagina e della questione non si parlerà più. Capita sempre così. Nel silenzio, l’operazione finirà con l’andare in porto. E invece, se l’operazione la si vuol fare, che la faccia la Provincia di Potenza, a sue spese. Dai consiglieri regionali di maggioranza, da me interpellati, ovviamente, non mi aspetto nulla. E’ per questo che vi invito a fare pressione sui consiglieri comunali, provinciali e regionali di Matera, di vostra conoscenza e di opposizione, perché esercitino la loro attività ispettiva, presentando, sulla questione, ordini del giorno, interrogazioni e interpellanze . Bisogna evitare che da Potenza e dalla Regione Basilicata si creda di assolvere ai propri doveri nei confronti di Matera solo perché si finanzia la favola del 2019, per cui si sono spesi già 790.000 euro! E i vantaggi, in termini di occupazione e di sviluppo, li vedete tutti!

    • 8 anni  

      nico

      Egregio Professor Caserta mi spiace che questa filippica provenga proprio da Lei, che di questa maggioranza regionale, provinciale e comunale ne è sodale.
      Un minimo di coerenza please.

  28. 8 anni  

    PIPPO

    … nonostante tutti i danni fatti in 8 anni come Presidente di Regione, il popolo lucano come al solito lo manderà in Parlamento!!!
    VERGOGNAMOCI!!!!!

  29. 8 anni  

    franco58

    Oramai non sono le uniche cose che non vanno in questa fantomatica Regione Potenza, perchè solo così possiamo chiamarla.
    Cari signori, purtroppo, mio malgrado, ancora una volta mi sono trovato di fronte due realtà diverse quali i due ospedali, da una parte quello di Matera, di cui la sua funzionalità la possiamo paragonare ad un ospedale di 3^ classe, prossimo allo smantellamento, mentre quello di Potenza di 1^ classe excelsior, con strumentistica di ultima generazione, poltrone, frigo in ogni camera etc.
    La colpa di tutto questo deve essere attribuito alla ns. classe politica che ci rappresenta (scusate che non ci rappresenta).
    Pertanto, voglio solo sperare che i ns. concittadini Domenica e Lunedì prossimo mandino via questa spazzatura di rappresentanti politici.

  30. 8 anni  

    Roberto Colucci

    Ma Benedetto che ha scritto su tutto e tutti stavolta non scrive niente?

  31. 8 anni  

    Giovanni Caserta

    Caro Nico,
    mi aspettavo una obiezione quale quella fatta da te. Credo che ti debba una spiegazione. A te come ad altri. Ho pubblicamente dichiarato, sul “Quotidiano” di un paio di settimane fa, che voterò a sinistra come sempre, in passato, dal 1963. Questo, ovviamente, non significa che sono contento della involuzione che, purtroppo, la sinistra italiana – e quella lucana in particolare – ha avuto, facendosi centrosinistra e accogliendo personaggi e idee con cui non voglio avere a che fare. Credo ancora, tuttavia, in una sinistra come quella che ci ha permesso di studiare, ci ha permesso, fino a ieri, di curare la salute gratuitamente e ci ha portato via dai Sassi.Voglio dire che credo nel socialismo come l’ho sognato, in parte l’ho vissuto, e vorrei rivederlo. Mi batto vigorosamente da sinistra, per una sinistra migliore. E non ho paura di dirlo pubblicamente. Dov’è l’incoerenza? Vorresti forse che, per coerenza, vada a votare per Berlusconi? Pensa, per esemplificazione, perché il concetto ti sia chiaro, ai tanti cristiani che criticano e hanno criticato la Chiesa e son rimasti cristiani. Pensa a Dante; pensa al Manzoni; e pensa, infine, se vuoi andare molto in alto, a S. Francesco. Erano incoerenti? E poi, devo dirlo a corollario: sono gli incoerenti quelli che, mettendo in discussione e mettendosi in discussione, garantiscono il rinnovamento. Perciò, viva gli incoerenti che hanno il coraggio delle proprie idee.
    Cordialmente.

    • 8 anni  

      nico

      ..in primis fuori dai Sassi ci ha portati il sig. De Gasperi che fino a prova contraria era della D.C, trincerarsi dietro la parola coerenza è troppo facile,banale e scontato…della seriae io continuo imperterrito se gli qualcuno ha voglia di cambiare..prego si accomodi faccia pure.
      In merito al suo voto ostinatamente a sinistra mi permetto di ricordarle il detto di S.Agostino…errare è umano ..perseverare è diabolico…faccia Lei.

  32. 8 anni  

    Mimmo

    Io credo caro prof. Caserta che dietro i simboli della scheda che voteremo domenica ci sono solo degli uomini e non delle idee o speranze. Sono solo uomini , o donne, e sono sempre gli stessi ! da anni ! … Ci pensi se ha a cuore la sua terra !

  33. 8 anni  

    Giovanni.Caserta

    Nico (non caro), chiudo qui, perché non serve parlare a chi non sa ascoltare. Leggi, leggi, leggi, studia, e poi parliamo. Prima di De Gasperi, Michele Bianco, comunista, presentò la legge sui Sassi. Alla legge sui Sassi si arrivò dopo lotte e lotte e dopo un famoso comizio di Togliatti. Alla riforma agraria si arriva dopo lotte lotte lotte e morti e carcere, in cui, guarda caso, finiscono i comunisti e i socialisti. Ma che ne sai tu?Potrei citarti la nazionalizzazione dell’energia elettrica, la scuola media unica, la suola materna statale, il libero accesso alle Università, tutte conquiste fatte col partito socialista e il partito comunista. .. Ma a che serve? Tieniti la disoccupazione, il libero mercato,i ticket sui medicinali, la scuola privata pagata dallo Stato, i treni privati, le poste private, che chiudono nei comuni perché non c’è profitto.. ecc..E non lamentarti. Non vedo, naturalmente, perché perseverare nel socialismo significa, per te, errare, errare e, quindi, terribile frase fatta, è diabolico, proprio ora che lo riscopre anche la Comuntà europea e lo scopre il papa. Ma queste cose non le dico per te, ché non serve. Le dico per chi vuole, sa ascoltare e vuole imparare. Chiuso,

  34. 8 anni  

    nico

    Pura dietrologia, qui discutiamo in primis della dissennata gestione del danaro pubblico,si parla del sig. de filippo (volutamente minuscolo) che invece di arrovellarsi su come investire al meglio i soldi dei SUOI corregionali ha pensato bene di deviarli su una infrastruttura di in una provincia sì limitrofa, ma destinata inesorabilmente a rimanere una creatura sbilenca.

    Che senso ha in questo contesto rimembrare avvenimenti di oltre 60 anni fà,a scuola nei compiti in classe d’italiano il professore avrebbe detto che si è usciti fuori traccia.
    L’argomento in discussione è tutt’altro.

    • 8 anni  

      UELO72

      Ma se sei stato tu ad introdurre altri argomenti!!! Sei il solito ignorantello che vuole avere l’ultima parola, ecco tutto! Non sono degno quanto caserta, ma te lo dico pure io di andare a studiare!!! Per il resto sono d’accordo che il PD è uno schifo, ma la mia critica viene da sinistra, e permettimi, è più lecita rispetto a chi dalle poche parole che si leggono è dalla parte dello psiconano…

      • 8 anni  

        nico

        ..uelo vai a rileggerti i miei interventi, tutti strettamente connessi al discorso, mobilitàviabilità…i politici del 15-18 e tutto il resto non li ho di certo menzionati io…fòndati un partito insieme al prof caserta così siete felici e contenti…

        p.s domani vai a votare con la bandiera rossa al vento…quanto siete anacronistici!!!

          • 8 anni  

            nico

            …ma quale storia d’Egitto?…riprendi gli studi o altre strade. . .

  35. 8 anni  

    il gatto.

    politici senza palle andiamo a milano a questo punto noi nn serviamo proprio niente………….domani tutti a votate come le pecore
    bheeebheeeebheebhe ……..io berlusca….cosi mi rida’ i soldi dell’imu…….aahahahahahaa
    siete diventati tutti ridicoli….andate a lavorare……….

  36. 8 anni  

    Natalia

    esimio prof. Caserta, come si può paragonare degli statisti ie politici nsigni del passato (De Gasperi o M. BIanco) con dei miseri politicanti che di sinistra hanno solo l’etichetta, sono senza vergogna, trafficano da decenni e si perpetuano sulle loro poltrone col voto di scambio e la corruzione elettorale (voti comprati in cambio di promesse di assunzioni, scorrimenti di graduatorie ed altri favoritismi)… dico solo che se lei od altri seguiteranno a votare (sapendo dati alla mano il disastro prodotto da tali inetti perniciosi) per questa gente che spadroneggia da decenni con arroganza corruttela (che la magistratura sta portando pian piano a galla), nullità di contenuti e scelte scellerate che hanno prodotto inquinamento di un territorio meraviglioso, cantato da poeti e grandi letterati
    concludo rivolendomi con uno storico estratto molto recente ai responsabili di questi decenni di guai:
    “se vi arrendete distruttori della patria, i cittadini non vi faranno nulle (II appello – Roma, p.zza San GIovanni 22.02.13)
    una materana emigrata (a causa loro non dello Spirito Santo)

  37. 8 anni  

    k.n

    Egregio prof. Caserta, Solo buttandosi nella mischia si potrebbe tentare di concretizzare (utopia?) quelle idee che furono di quei grandi statisti (e non politici) che dettero origine a quelle riforme da Lei citate. Saprebbe indicarmi oggi un solo personaggio che, politicamente parlando, miri esclusivamente al bene comune e non agli interessi di partito e di alleanze per la conquista del potere? Saprebbe indicarmi oggi un solo personaggio che meriti l’appellativo di statista? E poi oggi la politica viaggia su due binari, quella nazionale e, ahimè, quella locale. Mi piacerebbe sapere qual’è il suo pensiero circa la politica locale espressa negli ultimi dieci anni, in particolar modo dalla sinistra, non paragonabile in senso assoluto a quella sinistra formata da veri statisti che negli anni 40/50 sacrificarono il loro tempo e a volte la propria vita ber il bene comune. Temo che dal di fuori ogg,i in molti casi, il voto alimenti quelle non idee contrapponendosi a quel pensiero che fu di quei grandi statisti che oggi rimpiangiamo.

  38. 8 anni  

    punkmatera

    tutti a casa incompetenti! qui non abbiamo ancora ferrovia, ne collegamenti interni, ne tangenziale, ne autostrada, e si pensa ad investire soldi a salerno.. VERGOGNAAAA!!!!

  39. 8 anni  

    punkmatera

    P.S. A QUESTO PUNTO SMEMBRIAMO QUESTA REGIONE DEFINITIVAMENTE CON LA PARTE OVEST IN CAMPANIA E LA PARTE EST IN PUGLIA!

  40. 8 anni  

    centrista

    Mi scusi prof. Caserta se intervengo nel dibattito ma dopo che plaudiamo per i vecchi veri politici ( tranne Craxi progenitore e idolo di berlusca.) a cui va la nostra gratitudine, non possiamo non guardarci intono e vedere il presente. Quanto da Lei ricordato è accaduto in passato ora siamo nel 2013 La realtà necessita altra progettualità ed impegno. i sotenitori del suo socialismo moderno dove sono ? Cosa hanno fatto tutti quei signori, vedi sopra, per far crescere Matera e farci uscire dalle condizioni di sudditanza del presente ? Per quali motivi dobbiamo votarli? Mi può fare, come prima, lo stesso elenco di cose realizzate da coloro che sono in lista? Grazie

  41. 8 anni  

    centrista

    Lei che di cultura se ne intende, non Le fa ridere la condizione attuale di Matera candidata a cosa non l ‘ho capito. Chieda a un nostro figlio che studia o che si è laureato fuori sede se vuole tornare a Matera. La cultura non si coniuga solo con tradizione e passato ma si alimenta col FUTURO dei nostri figli.

  42. 8 anni  

    Giovanni Caserta

    Cara Natalia, kn, centrista e altri,

    avevo deciso di non intervenire più perché ho rubato troppo tempo a Sassilive e non mi piace rispondere a chi sa rispondere solo con le offese. Devo però dire che le obiezioni e gli interrogativi di Natalia, kn e centrista mi coinvolgono e in parte mi addolorano, perché anch’io ho un figlio emigrato che non tornerà più. Ho anche un nipote di cinque anni, che si chiama come me, vedo una volta all’anno e appena mi conosce per telefono. Ritengo ciò una grave ingiustizia e offesa ai sentimenti. Capisco perciò il vostro dramma e ne ho scritto a più riprese. Voi mi chiedete che fare. Premetto che sono anni che polemizzo e non sono tesserato con il PD-PDS-DS che, a livello nazionale e locale, per farsi perdonare colpe che il PCI non aveva (cito da Giorgio Bocca), si è cosparso il capo di cenere e, per avere credibilità e diritto a governare, ha accolto in sé molta DC, spesso la peggiore (soprattutto se meridionale). Sul piano del pensiero (si fa per dire) ha accolto tutte le enormità del neocapitalismo e del libero mercato che, cara Natalia, prevede il mercato delle braccia. Ha perciò fatte sue le dottrine di Marco Biagi, credendole un vangelo, e il conseguente precariato. Voi mi chiedete come rispondere a questa involuzione, dannosa per le sorti degli Italiani, del Sud e dei giovani soprattutto. Dovrei votare per Berlusconi che ha assunto la corruzione a sistema di governo e che funziona da cavallo di Troia per introdurre al governo la Lega, vera dannazione degli ultimi vent’anni, che ha spaccato l’Italia e ha ingenerato odio per il Sud e i meridionali? Conosco una maestra lucana al Nord, di Miglionico, che è andata scuola di dizione per cancellare il suo accento meridionale! Pensate. Dovrei votare per i grillini, che hanno come programma quello di cacciare dal Parlamento tutti gli altri, facendo del Parlamento un “bivacco di grillini”. Io mi sono regolato così. Al momento delle primarie, sul Quotidiano, firmando, ho pubblicato un appello pro Renzi contro Bersani, D’Alema e i loro amici lucani. Quell’appello ha fatto il giro d’Italia. Non è servito. Giunti alle parlamentarie ho criticato pubblicamente, con nome e cognome, i risultati delle stesse e l’orrore di aver messo in lista un candidato riconosciuto colpevole di brogli elettorali. A questo punto, sconfitto Renzi, non essendoci stato rinnovamento, domani alle nove, vado a votare per Vendola, che ritengo onesto e che porta in Parlamento un operaio, pur non forte quanto il PD. Altro, perciò, non posso se non fare gli auguri a Natalia, a kn e ai figli del centrista, sperando che funzionino gli organi eletti e funzionino le opposizioni, che hanno compito ispettivo e il dovere di ascoltare le proteste e i gridi di dolore che vengono dal paese. Naturalmente, per domani, spero che gli Italiani – almeno questo – non votino per chi alimenta olgettine e trote, sia schierato per l’Italia unita e pensi al Sud. Perché, caro centrista, il problema è anche quello degli italiani come te e come me. All’estero si sono domandati e si domandano ancora come hanno fatto Berlusconi e Lega a praticare l’immoralità la corruzione e il razzismo, e ad avere tanti voti.

  43. 8 anni  

    tony

    Oggi, lungo la provinciale 176 Pisticci Scalo – Craco, il ponte, al chilometro 4,150, è crollato. Avete letto bene, è crollato. Ecco perchè questa ” classe ” politica regionale, dobbiamo mandarla via o con il voto o con altri mezzi…

  44. 8 anni  

    natalia

    per la prima volta nella storia i cittadini hanno chi farà i loro interesse… i portavoce del M5S, cittadini come noi che fanno politica come servizio temporaneo e senza finanziamenti pubblici (enormi sono gli obiettivi già raggiunti in Sicilia). Il prof Caserta continua a parlare di belle categorie e di massimi sistemi con gli omuncoli del pd menoelle, ma omette di citare la devastazione ambientale della Valbasento, del caso Fenice, delle trivellazioni selvagge in Valdagri e a ridosso di altre aree protette, presso sorgenti e falde acquifere (l’inquinamento del Pertusillo da metalli pesanti ed indrocarburi è stato confermato anche dal Ministero dell’Ambiente). Quello che il pd menoelle, spalleggiato dagli altri partiti, è avvenuto è INGNOBILE e chi lo vota si rende responsabile di tutte queste nefandezze, della morte di una terra prima incontaminata. Continuate a bere l’acqua del rubinetto (il bario e gli idrocarburi ci sono eccome, come da analisi pubblicate on line da acquedotto pugliese)??? viva i cittadini a 5 stelle che lottano sul territorio contro la mafia lucana