Allagamenti tra Termoli e San Severo, RFI sospende fino alle 13 circolazione su linea Adriatica

6 Agosto, 2020 17:42 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

A causa del maltempo e dei danni provocati da un temporale è stata interrotta attorno l’una di notte la circolazione ferroviaria sulla dorsale Adriatica, linea ferroviaria Pescara – Foggia, nel tratto fra Termoli e San Severo. Problemi si sono verificati nella stessa zona anche sull’autostrada A14 dove il tratto compreso tra Termoli e Poggio Imperiale in direzione di Bari è stato chiuso dalle 2 alle 4.30 a causa di un allagamento. Attualmente il traffico diretto verso Bari circola su una sola corsia e non si registrano turbative al traffico.
Il forte temporale che ha interessato la zona e che ha fatto esondare un corso d’acqua ha provocato l’allagamento della linea ferroviaria, danni agli impianti di circolazione e l’asportazione di circa un chilometro di massicciata. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) sono intervenuti per verificare le condizioni dell’infrastruttura e sono al lavoro per ripristinare le condizioni di sicurezza per la riattivazione della circolazione. Il ripristino è avvenuto alle ore 13.

Circolazione ferroviaria ripresa sulla dorsale Adriatica, dopo l’interruzione della linea ferroviaria Pescara – Foggia, nel tratto fra Termoli e San Severo (Campobasso), per la danni provocati dal maltempo.Il traffico ferroviario, ripristinato alle 13.10, sta tornando progressivamente alla normalità. Il forte temporale che ha interessato questa notte la zona aveva provocato l’allagamento della linea, con danni agli impianti di circolazione e l’asportazione di circa un chilometro di massicciata. Circa 50 tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) e delle ditte esterne hanno lavorato ininterrottamente in queste ore per ripristinare le condizioni di sicurezza della circolazione. Durante la sospensione l’offerta commerciale è stata riprogrammata.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.