Parco intergenerazionale a Matera, ex sindaco Francesco Di Caro: “E’ sparita piazza della Visitazione”

5 Dicembre, 2019 07:19 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L’ex sindaco di Matera Francesco Di Caro ha partecipato ad una riunione convocata dal sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri per ascoltare cosa ne pensano i primi cittadini che lo hanno preceduto sul cambio di destinazione di piazza della Visitazione a Matera. Di seguito la nota integrale inviata alla nostra redazione.

Ho molto motivatamente espresso il mio dissenso sul cambio di destinazione di Piazza della Visitazione in “Parco intergenerazionale”.
Condenso al massimo le mie osservazioni.
Ho chiesto subito che significa “intergenerazionale”. Mi è stato risposto che il parco è destinato in particolare e soprattutto ai bambini e agli anziani.
È stato illustrato il piano del parco redatto su una grande planimetria con al centro la nuova stazione Appulo-Lucana e i grandi spazi laterali destinati alla piantumazione di alberi. Non ho discusso il progetto dell’arch. Boeri: il professionista ha avuto l’incarico dall’Appulo-Lucana di progettare la stazione e l’ha fatto; ha avuto l’incarico dal Comune di progettare il “parco” e l’ha fatto. Il problema vero e primario è il perché della trasformazione di quell’ampio e cruciale spazio – da oltre mezzo secolo “vacato” e destinato a una seconda e grande piazza della città in zona propedeutica alla “Matera nuova” poscia denominata Piazza della Visitazione – in un ennesimo parco, quando di parchi la città è ben dotata e circondata proprio in quel contesto territoriale, ossia sulle collinette di via Lanera (ex ospedale), del Castello, di “Macamarda” (dietro il palazzo di giustizia), di via IV Novembre (vecchio cimitero), quasi tutti ben progettati e attrezzati e frequentatissimi (specie l’ultimo).
Non ho avuto risposta, e allora ho chiesto e proposto: poiché la “pensilina” occupa circa un decimo dell’intero spazio (così mi è stato detto dal tecnico comunalepresente), perché non si cerca di salvare il salvabile utilizzando come piazza gli amplissimi rimanenti spazi attraverso un concorso internazionale (Matera Capitale della Cultura!) di progettazione che possa inglobare in sé la pensilina?
Non mi è stato risposto. Anzi, più esattamente, mi è stato detto che la destinazione a parco è stata già decisa e deve essere solo approvato il progetto Boeri. Ho replicato: e allora togliete la denominazione di “Piazza della Visitazione” e togliete pure il quadro della Madonna della Bruna ivi posizionato.

Francesco Di Caro

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

  1. 8 mesi  

    punkmatera

    Una stazione. Deve essere una stazione, con terminal bus extraurbano, e tutti i servizi annessi. Nonno Raffaello a te ci vuole la casa di riposo, non il parco intergenerazionale… Siamo alle comicje, all’assurdo!

  2. 8 mesi  

    mafaldo

    Trovo veramente assurdo che un ex primo cittadino trovi sufficienti le aree verdi nella nostra città. Forse non ha considerato che alla città manca un vero e proprio “parco cittadino” a meno che scambi per parco o villa l’aiuola che sta in via XX settembre. Certo il vero parco lo abbiamo perso con la cementificazione della collina Macamarda ma c’è la possibilità di un minimo di recupero collegando l’area in discussione con il l’area “campo scuola” e quella verde di Serra Venerdì. Quindi evviva la soluzione prospettata perché l’alternativa sembra somigliare tanto ad un’altra area da cementificare …………..