Nubifragio a Matera, sindaco De Ruggieri ringrazia il sindaco di Firenze, Dario Nardella e il Sovrintendente del Maggio Musicale fiorentino

18 Novembre, 2019 16:20 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

“Ringrazio a nome della comunità materana il Sindaco di Firenze, Dario Nardella, ed il Sovrintendente del Maggio Musicale fiorentino, per la decisione di destinare alla città di Matera gli incassi del concerto del 30 novembre prossimo con l’Orchestra nazionale dei conservatori italiani. La solidarietà e la vicinanza della città di Firenze e le testimonianze di affetto che ci giungono da ogni parte d’Italia ci rendono orgogliosi di appartenere ad un grande Paese che riesce ad esprimere il senso di unità ed il sentimento della comune condivisione nell’affrontare momenti di difficoltà”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 commenti

  1. 3 settimane  

    pedrito_93

    situazione davvero al limite della sceneggiata napoletana, ci manca solo una trasmissione sulla Rai che chiede di devolvere 2 euro per la popolazione materana flagellata dal maltempo; il sindaco oltretutto aveva minimizzato alla telefonata di Conte, vedendo quello che stava succedendo a Venezia; io avrei rifiutato l’offerta di Firenze, che rimane pur sempre un gesto nobile, e avrei dirottato l’aiuto dei fiorentini a Venezia. Ma i “chiagnoni” materani vedendo ormai approssimarsi la fine dell’anno da capitale europea della cultura, hanno pensato bene ad arraffare quello che ancora si puo’, ottenere ancora un po di visibilità sugli organi di informazione nazionale, visto che anche il Capodanno Rai è sfumato e la pacchia sta per finire; anche il “Quotidiano del sud” di Matera ha fatto un articolo sull’ “apocalisse di Matera”, la “fantalluvione”, dove evidenzia appunto la grande abilità tutta materana di raccontare le apocalissi bibliche accadute in questa città una settimana fa.

  2. 3 settimane  

    BIANCAZZURRO

    Un bel gesto quello del sindaco di Firenze, ritengo giusto l’operato del Governo, questa giunta comunale (maggioranza e opposizione) ha avuto a disposizione circa 50 milioni di euro o giù di lì, quali sono stati i risultati raggiunti? Mostre e convegni inutili! Matera 2019 prevedeva infrastrutture che non sono state realizzate per non parlare dello sport “Palazzetto di viale delle nazioni unite” non disponibile, strutture calcistiche fatiscienti, Stadio XXI Settembre da adeguare a spese del Rende! Volevo chiedere a questi elementi della giunta come mai per dare 150 mila euro (modesta cifra) al calcio non era possibile, mentre è possibile acqustare all’asta giudiziaria il Teatro Duni al costo di 2 milioni e mezzo di euro? qualcosa non quadra……….

  3. 3 settimane  

    pedrito_93

    gesto nobilissimo quello del sindaco di Firenze che ringraziamo, Firenze città unica e raffinata da tutti i punti di vista, ma come ho detto in interventi precedenti, non c’e’ l’esercito a Matera, per fortuna direi, ad evacuare la popolazione, non c’è nulla di tutto questo solo qualche danno a qualche attività commerciale, la città non ha subito danni come nel terremoto del 1980, c’è la voglia, la frenesia di voler “apparire” a tutti i costi, nel voler far notizia, l’aver accettato il “dono” di Firenze, lo trovo di cattivo gusto, non stanno male i materani, anzi, hanno avuto la manna dal cielo, con quel titolo di capitale europea della cultura, attività commerciali e quant’altro si sono arricchiti come mai era successo nella storia di questa città, godendo di una visibilità internazionale davvero di prim’ordine. Oltretutto il sindaco stesso aveva minimizzato, l’emergenza vera è nella zona di Policoro e Metaponto dove tanti agricoltori hanno subito perdite incalcolabili, è a questi che bisognava devolvere l’aiuto di Firenze, i “chiagnoni” materani ne hanno presi a palate di soldi da milionate di turisti, ma non gli basta, bisogna dire a tutto il mondo che Matera è in ginocchio, è il tipico “chiagni e fotti” materano, la pacchia sta per finire, è l’ultimo colpo di coda dei “chiagnoni”.