Giunta Comunale di Matera approva progetto preliminare per riqualificazione teatro Duni

25 Novembre, 2020 13:29 |
Facebooktwitterlinkedinmail

La giunta comunale di Matera ha approvato il progetto preliminare per la riqualificazione del teatro Duni di Matera. Di seguito il documento integrale della deliberazione di giunta comunale numero 312 del 2020.

OGGETTO:

Decreto Legislativo n.50/2016 e ss.mm.ii. “I.T.I. – PO-FESR 2014-2020 – Recupero Teatro Duni”. Approvazione progetto preliminare

Il giorno 20/11/2020  alle ore 12,30  si è riunita  in Matera e nella sede comunale, sotto la presidenza del Sindaco Domenico Bennardi, la Giunta Comunale, nelle persone dei Signori:

Partecipa alla riunione il Segretario Generale  Delia Maria Tommaselli Il Sig. Presidente, riconosciuto legale il numero degli intervenuti, dichiara aperta la seduta e invita la Giunta a trattare l’argomento in oggetto.

La giunta

– Visti gli allegati pareri espressi ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 267/2000

Relazione del Dirigente del Settore Opere Pubbliche Arch. Francesco Paolo Gravina:

Il Teatro “Duni” ha sempre rappresentato l’edificio simbolo dell’architettura moderna per l’intera cittadinanza.

Con la nomina a Capitale Europea della Cultura (ottobre 2014) l’Amministrazione comunale ha avvertito la necessità di far rivivere il Teatro Duni tenuto conto che, negli ultimi anni, la proprietà fortemente frazionata, ha incontrato difficoltà economiche e gestionali che hanno di fatto mortificato l’edificio portandolo ad uno stato di forte degrado.

In tale ottica, l’Amministrazione Comunale ha partecipato all’asta pubblica che si è tenuta nell’anno 2018 per acquisire la piena proprietà del Teatro, cosa che si è concretizzata, formalmente, nello scorso mese di ottobre.

Nel contempo, la Giunta Regionale con D.G.R.  n. 208 del 15/03/2019 ha:

approvato il Documento strategico dell’I.T.I. Sviluppo Urbano della città di Matera;
ammesso a finanziamento, a valere sul PO-FESR 2014-2020, una serie di interventi rientranti nella tipologia “Opere Pubbliche”, tra cui il seguente: “Recupero Teatro Duni” dell’importo di € 4.490.000,00;

In data 19/03/2020 è stato sottoscritto il relativo Accordo di Programma repertoriato al n.180 del 19/03/2019.

Atteso che, come già detto, sono ormai giunte a definizione le procedure di acquisto del bene e che, quindi, occorre procedere all’attuazione dell’intervento anche ai fini del rispetto dei termini stabiliti dal finanziamento;  che ai sensi dell’art.21 comma 3 del D.Lgs. n.50/2016 e ss.mm.ii. l’attività di realizzazione dei lavori pubblici di singolo importo pari o superiore a €. 100.000,00, si svolge sulla base di un programma triennale e di suoi aggiornamenti annuali che le Amministrazioni aggiudicatrici adottano ed approvano nel rispetto dei documenti programmatori ed in coerenza con il bilancio;    che il medesimo articolo stabilisce altresì che per i lavori di importo pari o superiore a 1.000.000 euro, ai fini dell’inserimento nell’elenco annuale, le amministrazioni aggiudicatrici approvano preventivamente il progetto di fattibilità tecnica ed economica….”;

Il Settore Opere Pubbliche, al fine di definire le opere da eseguire e la relativa spesa, ha redatto il progetto preliminare relativo all’intervento denominato “I.T.I. PO-FESR 20142020 – Recupero Teatro Duni” dell’importo di € 4.490.000,00 che prevede gli interventi necessari a riportare il Teatro “Duni” al suo splendore originario redatto dall’Arch. E. Stella, così come meglio definiti negli elaborati tecnici allegati.

Il suddetto progetto preliminare si compone dei seguenti elaborati del quadro economico che di seguito si riporta:

ELABORATI

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA – STIMA DEI COSTI E QUADRO ECONOMICO – PRIME INDICAZIONI SUI PIANI DI SICUREZZA
DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA – DICHIARAZIONE DI INTERESSE

CULTURALE

TAV. 1) INQUADRAMENTO TERRITORIALE SU QUADRO VINCOLISTICO

TAV. 2) STRALCI PLANIMETRICI

TAV. 3) PIANTE TEATRO

TAV. 4) PIANTA COPERTURA – SEZIONE – PROSPETTI

 

QUADRO ECONOMICO

  (I riferimenti al Codice si intendono al D.lgs n. 50/2016 e ss.mm.ii.)      
  A – LAVORI     
1) Lavori a misura € 3.398.000,00
Importo dei lavori a base di gara (1+2+3)  
4) Oneri della sicurezza, non soggetti a ribasso d’asta € 50.000,00
TOTALE LAVORI DA APPALTARE (1+2+3+4) € 3.448.000,00
  B – SOMME A DISPOSIZIONE DELLA STAZIONE APPALTANTE PER:     
1) Lavori in economia, previsti in progetto ed esclusi dall’appalto, ivi inclusi i rimborsi previa fattura  € 50.000,00
2) Allacciamenti ai pubblici servizi € 10.000,00
3) Imprevisti € 48.000,00
4) Acquisizione e/o espropriazione di aree o immobili e pertinenti indennizzi  € 0,00
5) Adeguamento di cui all’articolo 106, comma 1 lett. a del codice (revisione dei prezzi) € 0,00
6) Spese per pubblicità e, ove previsto, per opere artistiche, incluse quelle per la realizzazione e installazione di cartelloni e targhe relative al PO FESR 2014/2020  € 10.000,00
7) Spese di cui agli articoli 24, comma 4 del codice  € 3.000,00
8) Spese connesse all’attuazione e gestione dell’appalto, di cui:   
a) Rilievi, accertamenti e indagini, comprese le eventuali prove di laboratorio per materiali (spese per accertamenti di laboratorio), di cui all’articolo 16, comma 1, lettera b), punto 11 del DPR n. 207/2010 € 30.000,00
b) Spese tecniche relative alla direzione lavori e al coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, all’assistenza giornaliera e contabilità, liquidazione e assistenza ai collaudi € 350.000,00
c) Sorveglianza archeologica in fase di esecuzione dei lavori  
d) Importo relativo all’incentivo di cui all’articolo 113 del codice nella misura corrispondente alle prestazioni che dovranno essere svolte dal personale dipendente € 68.960,00
e) Spese per attività tecnico amministrative connesse alla progettazione, di supporto al responsabile del procedimento, e di verifica e validazione  
f) Eventuali spese per commissioni giudicatrici  
g) Spese per collaudi (collaudo tecnico amministrativo, collaudo statico ed altri eventuali collaudi specialistici) € 14.000,00
h) I.V.A. sulle spese connesse all’attuazione e gestione dell’appalto   € 86.680,00
Totale “Spese connesse all’attuazione e gestione dell’appalto” (a+b+c+d+e+ f+g+h) € 549.640,00
9) I.V.A. sui lavori    € 344.800,00
10) I.V.A. sulle altre voci delle somme a disposizione della stazione appalt ante € 26.620,00
11) Eventuali altre imposte e contributi dovuti per legge    € 0,00
Totale “Somme a disposizione” (somma da 1 a 11)   € 1.042.060,00
  C – FORNITURE E SERVIZI FUNZIONALI ALLA REALIZZAZIONE     
DELL’OPERAZIONE  
COSTO COMPLESSIVO PROGETTO (A + B )   € 4.490.060,00

 

LA GIUNTA

VISTA e CONDIVISA la relazione del Dirigente del Settore Opere Pubbliche;

VISTO il progetto preliminare redatto dal Settore Opere Pubbliche, relativo all’intervento  “I.T.I. PO-FESR 2014-2020 – Recupero Teatro Duni” dell’importo di € 4.490.000,00”  composto degli elaborati e del quadro economico riportati in premessa e, ritenuto doverlo approvare;

VISTO il D.Lgs. n° 267/2000;

VISTO il D.Lgs. n.50/2016;VISTO lo Statuto Comunale

RITENUTA in materia la propria competenza residuale;

A voti unanimi espressi nelle forme di legge;

Delibera

La premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente dispositivo;

Di approvare ai sensi dell’art.21 e 27 del Decreto legislativo n.50/2016 e ss.mm.i..il progetto preliminare redatto dal Settore Opere Pubbliche e relativo all’intervento: “T.I. PO-FESR – 2014-2020 Recupero Teatro Duni” dell’importo di €

4.490.000,00, che viene depositato agli atti dell’Ufficio del Responsabile del Programma Triennale;

Di dare atto che l’intervento in parola è finanziato con le risorse PO-FESR 20142020 di cui all’Accordo di ProgrammaT.I. Sviluppo Urbano della città di Matera;

Con separata votazione unanime favorevole, resa nei modi di legge, il presente atto viene  dichiarato immediatamente eseguibile, ai sensi e per gli effetti della disposizione di cui all’art. 134, comma 4, del Decreto Legislativo 18.08.2000, n° 267.

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.