Edilizia sociale, Consigliere comunale Lisurici: “Matera rischia di perdere 1,5 milioni di euro per alloggi rione Fortunato, Amministrazione Bennardi approvi prima possibile progetto Ater”

23 Settembre, 2021 08:11 |
Facebooktwitterlinkedinmail

Edilizia sociale, Consigliere comunale Lisurici: “Matera rischia di perdere 1,5 milioni di euro per alloggi rione Fortunato, Amministrazione Bennardi approvi prima possibile progetto Ater”. Di seguito la nota integrale.

Matera rischia di perdere finanziamenti importanti per l’edilizia sociale e, con essi, il diritto alla casa dei tanti cittadini che, purtroppo, ne hanno bisogno.

A lanciare l’allarme è il consigliere comunale Francesco Lisurici, facendo riferimento ad un progetto dell’Ater, l’Azienda territoriale per l’edilizia residenzale, di Matera per la costruzione di 6 alloggi sociali a canone moderato nel rione Giustino Fortunato che, per motivi che non è dato comprendere, stenta a partire.

“Mentre in città spuntano come funghi palazzine a più piani in zone residenziali che prevedono appartamenti bifamiliari – si attende ancora che in Consiglio comunale giunga all’approvazione definitiva questo progetto che è gode già di un finanziamento pubblico di circa 1,5 milioni di euro. È un progetto che va solo e soltanto nell’interesse della comunità – prosegue il consigliere di opposizione – ed è per questo che i ritardi sono ancora più inconcepibili e, soprattutto, imperdonabili. In questi casi – conclude Lisurici – non ci sono colori politici che tengano, soprattutto in questo periodo post-pandemia che ha visto, purtroppo, aumentare il disagio sociale tra i cittadini. Si faccia presto, pertanto, affinché i fondi non vengono restituiti alla Comunità Europea e questa amministrazione, spesso colposamente distratta, si dimostri dolosamente distante dalle esigenze delle fasce deboli della società”.

 

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento

  1. 1 mese  

    pabiusi

    le motivazioni ci sono ma NON C’E’ PIU’ TEMPO siamo ormai in ritardo giova rileggere gli articoli di stampa apparsi nei giorni scorsi e la dgr 698 del 3-9-21