Lunedì 12 luglio, ore 18: segui ll consiglio comunale su SassiLive

8 Luglio, 2010 11:16 |
Facebooktwitterlinkedinmail

 

Convocazione in sessione straordinaria del Consiglio Comunale in 1^ cnvocazione alle ore 18,00 di lunedì 12 luglio p.v. e in 2^ convocazione alle ore 18,00 di mercoledì 14 luglio 2010.                           
                                                                       
           Si comunica che il Consiglio Comunale è convocato in sessione straordinaria in 1^ convocazione alle ore 18,00 di lunedì 12 luglio p.v. e in 2^ convocazione alle ore 18,00 di mercoledì 14 luglio p.v. nella Sala Consiliare dell’Amministrazione Provinciale posta in via Ridola n. 60, per la trattazione del seguente ordine del giorno:

1.    Elezione del Presidente del Consiglio Comunale e dei Vice Presidenti.
2.    Elezione della Commissione Elettorale Comunale.
3.    Indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni.
4.    Nomina delle commissioni consiliari permanenti.

Il consigliere anziano Annunziata Antezza

Oggi Consiglio Comunale di Matera in diretta web

E’ convocato per oggi pomeriggio alle ore 18 il Consiglio Comunale di Matera nella Sala Consiliare della Provincia posta in via Ridola n. 60, per la trattazione del seguente ordine del giorno:

1. Elezione del Presidente del Consiglio Comunale e dei Vice Presidenti.
2. Elezione della Commissione Elettorale Comunale.
3. Indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni.
4. Nomina delle commissioni consiliari permanenti.

Il Consiglio sarà trasmesso, a cura della società Videouno srl di Matera, nuovamente in diretta streaming su internet sul portale di informazione “Ilmiotg.it” e anche su questo portale.

A MATERA TUTTO TACE MA IL COMUNE NON PUO’ CHIUDERE PER FERIE

Nonostante il caldo torrido dell’estate non si sia ancora fatto sentire del tutto, Matera sembra già chiusa per ferie da tempo. La città, purtroppo, sembra vivere in un silenzio rassegnato il suo de-profundis. Se, da un lato, oggi è arrivato l’annuncio, tardivo, della convocazione del Consiglio Comunale per lunedì 12 luglio, a distanza di oltre due mesi e mezzo dall’ultima seduta, occorre ricordare alla Maggioranza che il tessuto cittadino, a partire da quello imprenditoriale per finire a quello dei lavoratori, soffre fortemente per una situazione economica ormai disastrosa. Tutti i comparti produttivi sono fermi, il Palazzo di Città è diventato meta quotidiana di pellegrinaggi da parte di operatori e disoccupati sull’orlo della disperazione che chiedono di intervenire in modo deciso e concreto con iniziative mirate per contrastare quello che, senza esagerare, ora si può veramente definire un tracollo senza precedenti e che, a praticamente cento giorni dall’insediamento del governo cittadino, si è aggravato a causa di un immobilismo istituzionale generato da conflitti politici interni al centrosinistra di cui la popolazione non ha affatto colpa. E’ tempo, insomma, di dare delle risposte, di rispondere con celerità alle diverse sottolineature che, a vario titolo, l’opposizione ha fatto all’operato di questa amministrazione. Questo grave clima di indecisione politica che regna nella Maggioranza, di fatto, ha letteralmente congelato ogni possibilità di ripresa che, in diversi modi, il Comune avrebbe potuto alimentare, se pure nella consapevolezza delle limitate possibilità esistenti. Qui però, è il caso di ribadirlo, non si chiedono finanziamenti o il ricorso, deleterio, a quei regimi assistenzialistici che hanno generato uno sviluppo perverso del territorio, bensì di mettere in moto quei meccanismi che potrebbero produrre occupazione e, di conseguenza, rimettere in moto l’economia. Gli imprenditori sono stanchi, allo stremo delle proprie forze, e la popolazione tutta non è da meno, perché forte è la consapevolezza che con l’avvento del prossimo mese d’agosto oltre un migliaio di ex-lavoratori passerà dalla cassa integrazione alla mobilità. Soltanto perché qualcuno ambisce ancora ad occupare le ultime poltrone rimaste libere altri, ovvero i cittadini, rischiano di finire sotto quei pochi ponti che Matera è in grado di offrire. Basta scorrere l’elenco delle delibere pubblicate negli ultimi tempi sul sito del Comune per rendersi conto che gli unici atti prodotti abbiano riguardato esclusivamente patrocini, collaborazioni istituzionali e riconoscimenti di vario tipo. Ammesso che l’ostacolo della nomina del Presidente del Consiglio venga superato lunedì prossimo, quindi, occorrerà, dal giorno stesso, mostrarsi alla città con l’attivismo necessario ed impellente per tentare di far dare uno scatto di reni all’economia locale, onde evitare di lasciar intendere che la distruzione del Carro trionfale della Bruna, avvenuta qualche giorno fa con tanto di codazzo istituzionale al seguito, non si sia portata via con sé anche gli ultimi brandelli di credibilità di una città intera dal passato glorioso qual’è Matera.

Matera, 8 luglio 2010

Giovanni Angelino,
capogruppo “Lista Tosto Sindaco”

Facebooktwitterlinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

7 commenti

  1. 11 anni  

    gielle

    Ho assistito un pò di tempo fa ad un consiglio comunale e Adduce affermava che la nomina del presidente del consiglio era indipendente dal lavoro che lui e gli assessori dovevano svolgere, il presidente del consiglio comunale non ha incarichi operativi, il Sindaco e gli Assessori sono indipendenti dal presidente nominato, anche perchè affermava Adduce i problemi della città sono più importanti della nomina del presidente.
    Io condivido appieno tutto ciò, magari non nominassimo mai il presidente (magari una indennità in meno da pagare), mi aspettavo che gli Angelino, Toto, in considerazione degli anni persi quando erano maggioranza, per il bene della città e dei Materani approvassero in pieno questa linea invece che fecero ANDARONO VIA, dimostrando l’ effettivo interesse per il bene di Matera (praticamente zero).
    A sentir loro la cosa più importante è la nomina del Presidente, bahh a che serve poi?

  2. 11 anni  

    tony h

    Se potessi decidere le sorti della civiltà umana di questo pianeta, saprei da dove cominciare!!!!…….per chi ha letto o..per chi ha visto in tv il romanzo tratto dal “IL CONTE DI MONTECRISO”…be cari lettori di sassilive fatevi un idea di come in quella storia sono andate le cose…..La politica purtroppo dopo il cancro è il secondo MALE INCURABILE!!! che esiste sulla terra….Non si agisce più per logica e per passione mattutto tramite POLITICA, AFFARI, SOLDI, CORRUZIONE…..Anche la chiesa stessa è diventata la casa del DEMONE!!!!…..Dunque solo il TEMPO distruggerà questo male e noi tutti….perchè se l’uomo non cambia il suo modo di fare….il TEMPO lo sconfiggerà!!!!….non siamo eterni…e tutto finirà……

  3. 11 anni  

    brcrocco

    da wikipedia :”Presidente del Consiglio Comunale, ha autonomi poteri di direzione dei lavori e delle attività del Consiglio, nonché di convocazione del medesimo. È eletto alla prima seduta del Consiglio.” adduce aggira il problema. perche sa benissimo che non sono capaci di eleggere il presidente xk ci sono bagarre interne, di potere, che possono o gia ledono la maggioranza. e aggira il problema all opinione pubblica dicendo che non serve un presidente.quando invece ha le sue funzioni e mi pare ovvio…

  4. 11 anni  

    bellod

    Con questa amministrazione di sinistra non si fa altro che parlare di cariche elezioni e spartizione di potere,vedete un po’ in che mani siamo finiti.
    Era una situazione anninciata e molti materani non lo hanno voluto capire,ora paga tutta la città
    VERGOGNATEVI!!!!!!!!

  5. 11 anni  

    emagaudi

    Siamo in mano ad una maggioranza arrogante, litigiosa, incapace, frutto del clientelismo radicato nella ns. città/regione grazie ai vari consiglieri, senatori di centro sinistra.
    Adduce che sembri un pò diverso dimettiti, farai un figurone piuttosto che essere sempre ricattato.

  6. 11 anni  

    Cancelliere

    purtroppo la maggioranza 26+1 ha dimostrato di non assumersi la piena responsabilità della situazione, al contrario apprezzo il discorso del sindaco che ha dato l’ultimatum alla maggioranza facendo capire che si potrebbe andare a casa la settimana prossima..