Donatrice lucana Avis guida delegazione al 17° forum giovani Fiods

13 settembre, 2017 06:46 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Riunire giovani provenienti da tutto il mondo e che nelle rispettive realtà locali si occupano della raccolta di sangue non remunerata: è stato questo  l’obiettivo  del 17° forum giovani della Fiods, la Federazione Internazionale delle Organizzazioni di Donatori di Sangue, dal titolo ‘DonAction: From Local to Global!”, che si è svolto a Kaunas in Lituania nei giorni scorsi e che ha visto a capo della  delegazione italiana, composta da nove giovani, la avisina lucana Francesca Gorga. Venticinque anni di Vietri di Potenza è stata nominata  nuova referente per il nostro Paese nel Comitato Giovani Fiods. Per l’occasione presenti  a Kaunas 56 giovani in rappresentanza di 12 Paesi (Algeria, Azerbaijan, Corea del Sud, Danimarca, Finlandia, Lettonia, Libano, Nepal, Norvegia, Pakistan, Portogallo, Romania) oltre all’Italia e alla Lituania che ha ospitato l’evento. “Il titolo così breve e immediato ha centrato appieno il tema: per conoscere l’universo della donazione di sangue e le sue sfaccettature molteplici a livello globale – ha spiegato Francesca Gorga –  è indispensabile essere calati appieno nella realtà locale. Concretamente sono state presentate le varie realtà associative dei singoli paesi, facendo un affondo più dettagliato sulla Lituania, con annessa visita di un centro trasfusionale”. Tante le iniziative discusse e in cantiere per favorire anche durante l’anno una cooperazione sempre più proficua tra i partecipanti, come collaborazioni tra Paesi vicini e scambi culturali. “La volontà di espandersi e il sogno di un’autosufficienza a livello globale, inoltre, spinge ogni anno – ha continuato la giovane volontaria lucana –  a conoscere durante il forum altre realtà associative non dedicate alla raccolta di sangue, ma intenzionate ad impegnarsi. Quest’anno è stata la volta di Adapto, un’organizzazione rumena fondata da persone disabili con l’intenzione di lottare attivamente contro le barriere architettoniche. Da ultimo come innovativo metodo di coinvolgimento di donatori e volontari è stata presentata la ‘gamification’, ovvero l’utilizzo delle basi del gioco negli ambiti più disparati per ingaggiare persone al fine di raggiungere un obiettivo comune. Aspettando il prossimo forum in Portogallo, pur arricchiti di nuovi spunti rimane sempre vero che parlando di dono di sangue – ha concluso Gorga – è nella vicinanza che si genera empatia e solo l’empatia può davvero portare a donare parte di sé per qualcuno che non si conosce, senza avere nulla in cambio”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento