Vertenza Ferrosud – sit-in davanti al Tribunale di Matera

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Mercoledì 20 novembre 2019 dalle ore 9 è in programma il sit-in davanti al Tribunale di Matera dei lavoratori della Ferrosud. Di seguito la nota integrale condivisa dai sindacati Fim, Fiom e Uilm.

Il tempo dei giochetti è finito!
L’attendismo del Ministero dello Sviluppo Economico nel riprendersi la gestione della Ferrosud SPA ha determinato il dramma che speriamo non si tramuti in tragedia.
Le istituzioni governative e regionali devono immediatamente assumere l’impegno concreto di far riconvocare le parti al tavolo di crisi del MISE, in Italia non esiste solo la vertenza ex ILVA. Anche le famiglie dei lavoratori della Ferrosud devono poter mangiare oggi, domani sarà troppo tardi.
La mancanza di decisioni da parte del Comitato di Sorveglianza dell’Amministrazione Straordinaria del Gruppo Mancini sta permettendo al Gruppo Malena di ripresentare un concordato preventivo in bianco al Tribunale di Matera e di non pagare il salario già da quasi tre mesi alle maestranze già esauste e disperate da anni di vessazioni e incertezze.
Non più tardi di qualche mese fa il concordato preventivo è stato chiuso per ineseguibilita’. Gli atti sono stati peraltro trasmessi alla Procura della Repubblica competente.
Mercoledì 20 novembre  i lavoratori saranno in sit in davanti al Tribunale di Matera per urlare a voce alta che nulla è cambiato negli ultimi mesi, anzi la situazione è peggiorata dal punto di vista industriale ed economico. Si è assistito e si assiste ad un teatrino dove gli attori che si alternano giocano sulla carne viva dei lavoratori disseminando bugie e documenti relativi a finti piani industriali con inesistenti commesse.
Mercoledì 20 novembre a partire dalle ore 9i lavoratori, accompagnati dai sindacati, manifesteranno davanti al Tribunale di Matera per affermare che:

1) Un nuovo concordato preventivo è solo un artificio per non pagare i debiti accumulati durante il precedente Concordato Preventivo, chiuso perché ineseguibile e quindi poter continuare ad accumulare ulteriori debiti. I lavoratori derubati di tanti soldi a questo giochetto non ci stanno;
2) I lavoratori si batteranno con tutte le loro forze per disinnescare ogni tentativo di parcellizzazione del sito Ferroviario Materano e impedire ogni eventuale fitto di azienda;
3) Il Gruppo Malena deve “scomparire” da Ferrosud. Troppi sono i danni provocati. Adesso basta!
3 I lavoratori rivendicano il diritto alla loro dignità e chiedono solidarietà. Da tutte le istituzioni e dai cittadini.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Night & day di