Ecco le 16 squadre e i campi sui quali si giocherà la Coppa Scirea 2011. Al giornalista Nicola Lavacca il premio “la lealtà nel giornalismo”

11 Febbraio, 2011 13:48 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

 

 

Phoca Download Link

Ecco le sedici squadre e i campi sui quali si giocherà la Coppa Scirea 2011
Al giornalista Nicola Lavacca il premio “la lealtà nel giornalismo”

Il comitato organizzatore ha definito il lotto delle sedici formazioni che si affronteranno nella quindicesima edizione della Coppa Scirea, in programma sui campi di Basilicata e Puglia dal 10 al 18 giugno 2011. Al torneo intercontinentale di calcio under 16, che per la prima volta vedrà ai nastri di partenza sedici squadre suddivise in quattro gironi da quattro squadre, partecipano la Juventus (società invitata di diritto per onorare la memoria del compianto campione prematuramente scomparso), i campioni in carica dell´Inter, gli americani del Pateadores Fc Usa, i messicani del Deportivo Guadalajara, i russi dello Zenit San Pietroburgo, i cechi dello Sparta Praga, club che ritorna dopo aver perso due anni fa la finalissima contro la Juventus per 1-0, il Partizan Belgrado, già vittoriosa nell’edizione del 2004 e presente in quella successiva del 2005  in sostituzione del Colo Colo che ha rinunciato in seguito alla decisione del club cileno di annullare tutte le partecipazioni ai tornei giovanili per motivi disciplinari, gli ungheresi dell´Honved Budapest, già presenti nell’edizione del 2008, il Napoli, la Reggina, il Bari, la Juve Stabia e quattro squadre di puro settore giovanile: quella locale del Fc Matera, la rappresentativa di Basilicata selezionata dalla Figc, la Polisportiva Bellavista di Bitonto, Area Virtus Ludi di Noicattaro.
Definiti anche i campi in cui si giocherà la nuova edizione della Coppa Scirea: le gare  sono previste allo stadio XXI Settembre-Franco Salerno di Matera, dove sono in programma la gara inaugurale, alcune gare di qualificazione e la finalissima del torneo, Grassano, Miglionico e Salandra per il territorio materano. In territorio potentino la Coppa Scirea si giocherà a Picerno, Avigliano, Acerenza e Genzano mentre i campi pugliesi saranno quelli di Noicattaro, Altamura, Castellaneta e Corato.
Il comitato organizzatore ricorda che in occasione della prossima edizione della Coppa Scirea il premio “la lealtà nel giornalismo” sarà assegnato al giornalista Nicola Lavacca. Il giornalista bitontino ricopre l´incarico di capo-servizio nella redazione sportiva del quotidiano Barisera e collabora con La Gazzetta dello Sport e con il magazine di tematiche sociali Vita. Il premio “la lealtà nel giornalismo” è stato assegnato a Nicola Lavacca per la sua sensibilità e l’eccezionale senso di umanità mostrato nel raccontare e portare alla ribalta dei media nazionali, sulle colonne del quotidiano “Barisera” e del “Guerin Sportivo” (nel 2004) la drammatica storia dell’ex calciatore di Bari, Matera e Cosenza, Onofrio Chiricallo allora 44enne, colpito dal morbo di Parkinson. Lavacca ha raccontato inoltre su “La Gazzetta dello Sport” e sul settimanale “Vero”, il dramma di Franco Tafuni colpito dalla Sclerosi laterale amiotrofica, terribile malattia nota anche con l´acronimo SLA, dopo una vita legata al mondo del calcio prima come calciatore e poi come presidente alla guida di Altamura e Matera. Il premio a Nicola Lavacca sarà assegnato giovedì 24 marzo 2011 alle ore 16,30 nel corso della conferenza stampa di presentazione della quindicesima edizione della Coppa Gaetano Scirea “la lealtà nello sport” prevista nella sala consiliare “della Memoria” della Provincia di Matera.
Il comitato organizzatore informa anche che è stato inviato alla sede della Juventus  l’invito ufficiale per ospitare a Matera il capitano Alessandro Del Piero, che ha vinto il sondaggio lanciato su www.SassiLive.it, media partner ufficiale della Coppa Scirea e che sarà premiato a Matera con il trofeo “la lealtà nello sport” durante la finalissima del torneo prevista il 18 giugno 2011.

Michele Capolupo

 

Riportiamo di seguito il curriculum professionale di Nicola Lavacca (nella foto in basso)


Nicola Lavacca è nato a Bitonto l´8 febbraio 1957 ed è un giornalista professionista. Ha iniziato l´attività giornalistica nel 1975 lavorando nella redazione di alcune radio private. Dopo l´esperienza con Teleregione Color, ha iniziato a collaborare, nel 1982, con il quotidiano Puglia diretto da Mario
Gismondi, per poi passare in redazione dove si è occupato di sport, cronaca politica e amministrativa, giudiziaria e spettacoli.

Dal 1986 collabora assiduamente con la Gazzetta dello Sport. In particolare per molte stagioni ha seguito i ritiri pre-campionato del Foggia di Zeman, dell´Andria, del Barletta, del Taranto, della Sampdoria.

Da sottolineare, inoltre, le collaborazioni con: Bergamo Oggi, La Gazzetta di Ascoli, Il Centro, La Gazzetta del Sud, La Gazzetta del Mezzogiorno, Telebari, Antenna Sud e la rivista Bari Economica edita dalla Camera di Commercio di Bari.

Dal ’92 a fine ’93 è stato impegnato nella redazione dell´emittente “Telesveva”, occupandosi di avvenimenti sportivi, di cronaca e di politica-amministrativa (Regione, Provincia, Comune ecc.).

E´ arrivato secondo al Concorso Internazionale di giornalismo “A Bari nessuno è straniero” indetto in occasione dei Giochi del Mediterraneo ’97. Ho collaborato con l´agenzia Rotopress e ho curato l´Ufficio Stampa della Federazione Regionale di Pallavolo. Nella stagione calcistica 1998/1999 ha
realizzato servizi domenicali (commento e interviste) per TMC-Telemontecarlo, relativi alle partite di serie B, inseriti nel programma “GOLEADA-PIANETA B”.

Dal febbraio 2000 alla fine del 2002 è stato corrispondente di RADIO 24 (del SOLE 24 ORE), con servizi giornalieri di cronaca nera, bianca, sport ecc. Ha redatto articoli per il RADIOCORRIERE TV, per FAMIGLIA CRISTIANA, per IL MESSAGGERO e IL TEMPO, per i settimanali VERO e DI TUTTO, per “IL SOLE 24 ORE” – Edizione Sud e per il periodico “VISTO”; ha collaborato con il settimanale di sport “RIGORE” diretto da Gianfranco Teotino. Dal 2002 fino a dicembre 2009 ha
scritto articoli e interviste per il “GUERIN SPORTIVO”.

Dal novembre 2005 ha collaborato con il settimanale “CALCIO di C e D”. Saltuariamente invia corrispondenze (di calcio) al quotidiano svedese “GOTEBORG POSTEN”.

Ha realizzato servizi televisivi sulle partite di calcio per l´emittente TELENORBA ed elaborato articoli, inchieste per il periodico “AFFARI DI SPORT” allegato al settimanale “BLOOMBERG INVESTIMENTI”. In passato ha curato l´Ufficio Stampa della Uil regionale, della Fiera del Levante, della Federazione Provinciale di Pallavolo. Ha diretto per un paio di anni la rivista
di attualità “L´ECO” di Bari.

Attualmente ricopre il ruolo di caposervizio dello sport del quotidiano “BARISERA” e lavora periodicamente per l´Ufficio Stampa e Comunicazione della Fondazione SS. Medici di Bitonto. Collabora anche con la Gazzetta dello Sport (cura anche alcune rubriche). Inoltre scrive articoli e interviste per il mensile “IL CALCIO ILLUSTRATO” della Lega Dilettanti, per il settimanale “VIVO” e “VITA”.

A inizio dicembre 2004 ha ricevuto un importante riconoscimento in occasione dell´11^ edizione del Premio Giornalistico nazionale “Natale Ucsi” di Verona (sezione quotidiani) per l´articolo “Chiricallo, un calcio nel buio”, pubblicato su “BARISERA” in cui ha raccontato la storia dell´ex calciatore di Bari, Monopoli e Matera colpito da una rara forma del morbo di Parkinson. Per
lo stesso articolo ha ricevuto un altro riconoscimento, a fine febbraio 2005, l Premio “Michele Campione – Giornalista dell´anno”.

A dicembre 2005 ha vinto il premio Natale Ucsi 2005 di Verona “Giornalisti e società – la professione del giornalista al servizio dell´uomo; quando la parola si fa azione”, per l’impegno professionale e la solidarietà nei confronti dell’ex calciatore Chiricallo.

A marzo 2007 ha ricevuto una “Menzione speciale” alla settima edizione del Premio Internazionale “Guido Carletti” per la solidarietà, in relazione ad un approfondito servizio dal titolo: “Aids, dopo l´abisso la speranza”.

A fine febbraio 2008 ha ideato e lanciato il “PREMIO CICCIO e TORE” per ricordare i fratellini di Gravina morti tragicamente. L´idea è stata accolta dal Comitato Regionale Pugliese della Lega Calcio e intende dare ogni anno un riconoscimento alle società, alle squadre del settore giovanile che si distingueranno per lealtà e correttezza. Il premio, alla sua prima edizione, è
stato consegnato il 28 agosto 2008.

A fine dicembre 2008 ha ricevuto il Premio “USSI” (Unione Stampa Sportiva Italiana) alla carriera.

A marzo 2009 ha vinto il prestigioso Premio “Michele Campione” – Giornalista dell´anno, istituito dall´Ordine dei Giornalisti di Puglia per un articolo pubblicato su “LA GAZZETTA DELLO SPORT” in cui ha raccontato il dramma dell’ex calciatore presidente Franco Tafuni malato di Sla (Sclerosi laterale amiotrofica).

Il 27 gennaio 2011 il giornalista bitontino Nicola Lavacca ha ricevuto a Roma il prestigioso premio nazionale “Le Ali della Vittoria” , giunto alla V^ edizione, della Federazione Italiana Giuoco Calcio – Lega Nazionale Dilettanti. Un ambito riconoscimento con la seguente motivazione: “esperto conoscitore delle dinamiche della comunicazione, ha messo la sua professionalità e le sue qualità umane al servizio della solidarietà e del sostegno verso il prossimo con disinteressato entusiasmo”. Nicola Lavacca è stato premiato direttamente dal presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Carlo Tavecchio.

Un´altra grande soddisfazione a livello professionale per Nicola Lavacca, anche in virtù  del fatto che sul palcoscenico del Teatro Olimpico hanno ricevuto lo stesso premio Michel Platini presidente dell´Uefa, Massino Moratti presidente dell´Inter, Demetrio Albertini ex calciatore del Milan attualmente dirigente della Figc, Cesare Prandelli ct della Nazionale Italiana, Fabio Bazzani ex calciatore della Sampdoria, Donatella Scarnati giornalista Rai.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 commento

  1. 9 anni  

    DrBlock

    L’Honved Budapest non è una squadra rumena ma bensì ungherese.