Coppa Scirea: riscatto-Bari, urlo-Kossovo

2 Giugno, 2008 23:22 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

pasqualino_canta_allo_stadio.jpg

Coppa Scirea, 2^ turno Girone B

Stadio XXI Settembre-Franco Salerno, ore 18,30

Bari – Toronto 2-1 (p.t. 0-0)

Bari: Perina, Dispoto, Cassano, Materazzi, Amoruso, Monopoli (1' st Siciliani), Falco (36' st Cancellieri), Scardigno (1' st De Vito), Grandolfo (8' st Ferri), Caprioli (1' st Panzarino), Maurelli (8' st De Tullio. All. De Trizio. In panchina: Lorusso.

Toronto: Gomes, Tavolieri, Karwowski (10' st Rea), Damiano, Vecchio, Dias, Mariani, Amato (17' st Rogato), Calabretta, Vaz, Molella (29' st Bygrave, 23' st Clemente). All. De Donato. In panchina: Rosso, Volpentesta.

Arbitro: Burgi di Matera. Assistenti: Russo e Chiechi di Matera. Quarto ufficiale: Guarino.

Reti: pt 9' Amoruso, 21' Panzarino, 37' Rea.

Ammoniti: Vecchio per il Toronto.

Premio Boy of the match: Falco.

Spettatori: 2000 circa.

Note: nell'intervallo tra il primo e il secondo tempo direttamente dalla trasmissione "Amici" di Canale 5 si è esibito il cantante Pasqualino, uno dei finalisti della settima edizione del talent-show condotto da Maria De Filippi. Grande entusiasmo da parte delle ragazzine presenti in gradinata e tribuna, tutte a caccia di autografi di Pasqualino, Antonino, Francesco e Cristina.

Matera – Il Toronto ci mette il cuore ma il Bari non deve faticare più di tanto per riscattare la sconfitta patita contro lo Sparta Praga e i galletti ora sono in corsa per le semifinali. Gli americani si affidano al portiere Gomes per sventare tutte le occasioni costruite nel primo tempo. Ci prova in avvio Caprioli con un calcio di punizione lungo che sbatte sul palo esterno alla destra del portiere canadese e finisce sul fondo. Poi sale in cattedra Falco e il Bari cresce: il funambolico esterno destro sfiora il palo con il primo tentativo e poi si fa respingere la conclusione bassa da Gomes. Sotto gli occhi del papà in tribuna vip Materazzi junior calcia da fuori area e impegna nuovamente il portiere americano. Il Bari è velenoso anche nelle ripartenze e Grandolfo si ritrova con la porta spalancata grazie ad un lancio lungo che taglia la difesa canadese: Tovalieri si sostituisce a Gomes e salva in corner. Al 40' l'ultima chance del primo tempo, con Maurelli che calcia alto il pallone servito da Caprioli. Nella ripresa il Bari sblocca la partita con il sesto calcio d'angolo a suo favore: Amoruso decolla sul cross di Falco e i galletti sbloccano il risultato. Mister De Trizio inserisce una nuova linea offensiva e proprio uno dei nuovi entrati regala al Bari il pareggio. Panzarino scatta in avanti e fulmina Gomes. Al 25' i biancorossi pugliesi non sfruttano una ripartenza solitaria con De Vito, frenato al momento opportuno dalla difesa del Toronto. Ferri stacca bene sul taglio dalla destra di Panzarino ma il pallone schizza sulla traversa. Il Toronto non si arrende e l'impegno degli americani è premiato dal gol di Rea, che insacca sul secondo palo la punizione calciata da Damiano. Il Bari sorride per la prima vittoria, il Toronto è praticamente fuori dai giochi ma continuerà ad onorare la Coppa anche nella terza partita contro lo Sparta Praga.

Michele Capolupo

 

Coppa Scirea, 2^ turno, Girone B

Stadio XXI Settembre-Franco Salerno, ore  20,30

Empoli – Sparta Praga 0-0

Empoli: Gaffino, Videtta, Turchetti, Masini, Di Stefano, Mazzanti, Calamai, Bianchi, Castellani (1' st Sani), Turchi, Pinna. All. Galasso. In panchina: Cevenini, Scarpa, Cicali, Miracolo, Costa, Fiorentini.

Sparta Praga: Vavruska, Brabec, Kucalas, Zelenka, Krch, Tomasek P. (1' st Jerabek), Kraus (1' st Mac Hong Quan), Skalak, Krejci, Kaderabek, Frydek. All. Janousek. In panchina: Machac, Tomasek J., Golovko, Cajic, Jungr. 

Ammonito: Skalak.

Premio Boy of the match: Skalak.

Spettatori: 3000 circa.

Note: dopo la gara tra Empoli e Sparta Praga sono saliti sul palco Antonino, Francesco e Cristina, gli altri tre artisti di "Amici", il talent-show condotto da Maria De Filippi su Canale 5. Lo spazio offerto non era sicuramente adeguato alle loro performance ma i ragazzi con grande professionalità hanno regalato un'ora di divertimento ballando su pezzi pop e scherzando con le numerose fans presenti sugli spalti.

Matera – Per gli addetti ai lavori sarà la finalissima della Coppa Scirea. Ma nella gara valida per il secondo turno del girone B le superfavorite Empoli e Sparta Praga si sono annullate al termine di una partita avvincente ma chiusa senza emozioni forti. Le squadre si studiano per venti minuti, poi arriva il primo attacco dello Sparta. Skalak calcia una punizione dai venti mentri, Krejci ci mette un piede in area e Gaffino riesce a deviare in corner. I campioni in carica rispondono con la combinazione Turchi, Bianchi, Calamai: Fridek salva in calcio d'angolo. Nuovo sussulto al 39': Krch ci prova di testa sull'assist di Fridek, Gaffino è pronto a deviare in angolo. Mister Galasso catechizza a dovere i suoi ragazzi e nella ripresa si vede finalmente l'Empoli spumeggiante ammirato già lo scorso anno. Calamai è pronto a raccogliere il servizio di Turchetti, Vavruska blocca il diagonale ravvicinato. Lo Sparta Praga risponde con il capitano Kaderabek, la mira è imprecisa. Dopo una punizione fuori misura di  Krejci dalla grande distanza, lo Sparta torna in attacco con il colpo di testa di Kucalas dal sesto corner battuto da Skalak. L'Empoli reagisce con l'incursione di Pinna e l'inserimento del vivace Calamai: palla alta sulla traversa. Al 24' occasione clamorosa per Turchi, Fridek rimedia in calcio d'angolo. Al 32' Sparta pericoloso con Skalak: il migliore in campo della squadra ceca non trova la porta con un diagonale incrociato. La gara si accende nei quattro minuti finali: su Turchetti si oppone con un grande intervento il portiere dello Sparta mentre Gaffino respinge con i pugni la conclusione ravvicinata di Krejci dopo il tentativo di Kaderabek ribattuto dalla difesa toscana. Brivido finale nel primo dei tre minuti di recupero: Skalak sfugge a Di Stefano e si ritrova solo davanti al portiere dell'Empoli, bravo a respingere d'istinto il tiro ravvicinato in corsa. Finisce 0-0 una grande partita della Coppa Scirea 2008. Una sfida dove è mancato solamente il gol.

Michele Capolupo

 

 

Coppa Scirea, 2^ turno, Girone A

Laterza, campo Comunale, ore 18,30


Kosovo – Honved Budapest 2-1 (p.t. 1-0)


Kosovo : Zymeri, Pasoma, Meqikukiqi, Mustafa, Haziri, Morina, Caka (Maliqi), Dragusha, Maxhuni (Rama), Begolli(Berisha), Krenzy. All. Krasniqi.


Honved Budapest: Gabor, Kiss, Meszaros, Pinter, Thot (Orlik), Kulin
(Horvath), Kelemen, Miskovicz, Birò, Tokics (Vladar), Boda. All. Navy.


Arbitro: Amati di Matera

Reti: pt 37' Maxhuni (Ko), st 39' Dragusha (Ko), 44' Birò (Hb)


Note: nel secondo tempo sono stati espulsi al 30' Haziri (Ko), al 43' Meqikukiqi (Ko), al 44' Bibishi (Ko), al 44' Horvat(Hb). Spettatori: 800 circa
Laterza – Davanti ad un folto pubblico la gara tra le due compagini dell'est finisce 2-1 a favore dei kosovari al termine di un match molto combattuto e dai toni agonistici eccessivamente accesi.
Kosovo intraprendente sin dall'inizio quando sfiora il gol con Dragusha che si vede ribattere la sfera sulla linea a colpo sicuro.
Al 36' il vantaggio kosovaro con Maxhuni che appoggia a porta vuota dopo un'azione corale.
Il raddoppio giunge nella ripresa con Dragusha e da qui parte la reazione veemente degli ungheresi che dopo una serie di ammonizioni ed espulsioni comminate dal direttore di gara usufruiscono di un penalty sbagliato ma ribattuto in rete dallo stesso Birò.
Non c'è tempo per riprendere il gioco e il risultato finale determina l'eliminazione della Honved e la conferma del Kosovo come rivelazione del torneo e squadra in corsa anche per il successo finale.

Mimmo Selvaggi.

Coppa Scirea, 2^ turno, Girone A

Laterza, campo comunale, ore 20,30

Juventus – Matera 1-0 (p.t. 0-0)

Juventus -Matera 1-0
Juventus: Bonassi, Scrivano (Cora), Raimondo, Benedetto,
Di Dio, Caldarola, Marangone (Nicolini), Pramotton, Alba (Romaniello, Manolio), Mirimin (Padelli), Santarsiero. All Gentile.


Matera: Della Luna, Chieco (Quintano), Galante (Sabatiello),
Greco, Manieri, Pietracito, Pisciotta (Donnadio), Possidente,
(De Bellis), Rivezzi, Smaldone, Tataranni. All. Fontana.


Arbitro: Capolupo Eustachio di Matera


Rete: al 53' Romaniello.

 

Laterza:  Più di mille spettatori per questo incontro decisivo per la Juve che non ha fallito l'appuntamento con la prima vittoria nella manifestazione in corso centrando i tre punti e il probabile passaggio alle semifinali.
Perde ma non sfigura il Matera, che deve inchinarsi al gol partita del centravanti Alba, pronto a sfruttare un lancio delle retrovie per trovarsi a tu per tu contro il portiere avversario e a infilarlo di piatto.
Decisivo sarà l'incontro tra l'Invicta ed il Kosowo per decretare chi accederà alle semifinali.

Mimmo Selvaggi.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.