Primo viaggio della locomotiva FCL 421 a vapore da Bari a Matera con Locomotive Jazz Festival e Stefania Rocca: report e fotogallery

23 luglio, 2017 21:31 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Un capotreno d’eccezione, l’attrice Stefania Rocca con tanto di cappello e divisa, ha dato il fischio di partenza al primo viaggio della locomotiva a vapore FAL FCL 421 del 1931 che ha portato a Matera, a bordo del treno storico con carrozze del 1915, la carovana del Locomotive Jazz Festival.

Grande entusiasmo e grande festa alla partenza dalla stazione Fal di Bari centrale dove il Presidente, Matteo Colamussi, ha donato a Stefania Rocca un cappello da capostazione e, in attesa dell’arrivo del treno storico, il musicista Mirko Signorile ha intrattenuto i passeggeri suonando un pianoforte verticale che Fal ha ricevuto in dono e che sarà posizionato in sala d’attesa a disposizione dei passeggeri.

Musica e letture di Stefania Rocca anche durante il viaggio, con gli artisti che si sono avvicendati nelle 5 carrozze del treno storico (due di prima classe e tre di seconda) allietando i 170 passeggeri a bordo.

Grande interesse e curiosità dei passeggeri nella sosta tecnica a Grumo, dove la locomotiva ha fatto rifornimento di acqua, a Toritto dove ha caricato carbone mentre i passeggeri degustavano prodotti offerti dalla pro loco e ad Altamura dove c’è stata un’altra degustazione.

Quindi l’arrivo alle ore 22 nella stazione di Matera Villa Longo, con oltre un’ora di ritardo per compresibili problemi tecnici. La carovana è scesa dal treno ed è salita su autobus Fal per raggiungere il centro storico e assistere ad un concerto in casa Cava con Raffaele Casarano e Mirko Signorile.
Di seguito alcune curiosità sulla Locomotiva FAL FCL 42 e la fotogallery di SassiLive relativa all’arrivo a Matera.

Michele Capolupo
La Locomotiva FAL FCL 421, costruita tra il 1931 ed il 1932, è uno dei pochi esemplari in Italia di locomotiva a vapore. Essa è stata in servizio per il trasporto passeggeri fino al 1974, poi fu adibita a trasporto materiali, mentre dal 1997 è rimasta ricoverata in deposito Fal a Bari Scalo ed utilizzata per manifestazioni e film storici. Recentemente, dopo 18 anni di inattività, è stata sottoposta a lavori per il pieno recupero funzionale durati oltre un anno e terminati da poco. Domenica 23 luglio entrerà in esercizio per la prima volta, alla testa del treno storico delle Ferrovie Appulo Lucane. A partire dal prossimo autunno, il treno storico avrà una programmazione stabile mensile.

Dotato di 2 carrozze di prima classe e 3 di seconda originarie del 1915 e costantemente restaurate dall’Azienda, il treno dispone di circa 170 posti a sedere ed ha interni in radica e velluto, arredi d’epoca ed un fascino molto particolare che ha sedotto anche il regista Sergio Rubini (ne ha fatto il set del suo film ‘L’uomo nero’).

La fotogallery della partenza da Bari della Locomotiva FAL FCL 421 (foto ufficio stampa FAL)

La fotogallery dell’arrivo a Matera della Locomotiva FAL FCL 421 (foto www.SassiLive.it)

Biografia di Stefania Rocca

Stefania Rocca è un’attrice italiana nata a Torino il 24 aprile 1971.

Nel corso della sua carriera ha ricevuto 2 nomination al David di Donatello, 2 nomination al Nastro d’Argento 1 vittoria, 2 nomination al Globo d’Oro 1 vittoria, 2 nomination al Roma Fiction Fest 2 vittorie.

Nata a Torino, si trasferisce a Roma per frequentare i corsi di recitazione di Beatrice Bracco e successivamente il Centro sperimentale di cinematografia. In seguito va a New York, frequenta l’Actors Studio.

Gli anni Novanta

Nel 1994 debutta nel cinema con il cortometraggio Effetto, seguito nel 1995 da Palermo Milano – Solo andata. Il successo arriva con la parte di Naima, l’esperta di hardware di Nirvana (1997).

Nel 1998 è protagonista del film [email protected], nel quale interpreta una giovane donna che si appassiona al sesso virtuale on line, in piena era del boom di Internet: il film non viene accolto con critiche esaltanti, ma la performance di Stefania Rocca è molto apprezzata ed ottiene un buon riscontro di pubblico. Nello stesso anno partecipa al programma televisivo Totem di Alessandro Baricco e Gabriele Vacis, in onda per due puntate (21 e 28 dicembre) su Raidue.

Nel 1999 recita una parte nel film Il talento di Mr. Ripley.

Nel 2000 è protagonista, insieme ad Alessia Merz e Flavia Vento, degli spot per la campagna di privatizzazione dell’Enel ed è nel cast di Pene d’amor perdute. Nel 2002 recita nel film Heaven. Il film ottiene consensi di critica e pubblico. Nel 2002 è inoltre al fianco di Fabio Volo in Casomai. La pellicola è accolta con particolare entusiasmo da parte del pubblico. Nel 2004 recita ne Il cartaio di Dario Argento e ne L’amore è eterno finché dura. Nel 2005 è nel cast de La bestia nel cuore. Il film riceve diversi premi e nomination, tra cui una nomination al David di Donatello a Stefania Rocca come miglior attrice non protagonista. Nel 2006 torna infine a lavorare con Alessandro D’Alatri in Commediasexi. Nel 2007 è nel cast di Go Go Tales e tra il 2008 e il 2009 è protagonista insieme ad Emilio Solfrizzi della serie tv Tutti pazzi per amore, in cui interpreta il ruolo di Laura Del Fiore.

Nel 2011 è protagonista della fiction televisiva Rai Edda Ciano e il comunista, insieme ad Alessandro Preziosi e nel 2012 è uno dei personaggi principali di Una grande famiglia, serie televisiva di Rai 1, dove interpreta Chiara, a fianco di Stefania Sandrelli, Gianni Cabina e Alessandro Gassmann. Nel 2013 torna al cinema con la pellicola Il terzo tempo diretta da Enrico Maria Artale, e nello stesso torna in TV con la seconda stagione di Una grande famiglia e a fianco di Luca Zingaretti in Adriano Olivetti – La forza di un sogno.

Nel 2014 prende parte al film Scusate se esisto! con Raoul Bova e Paola Cortellesi, mentre l’anno dopo torna a interpretare Chiara nella terza serie di Una grande famiglia sempre su Rai 1.

Vita privata

Sorella di Silvia Rocca, dopo aver vissuto a Parigi, si trasferisce a Milano. Dal 2005 è compagna dell’imprenditore Carlo Capasa da cui ha avuto due figli: Leone Ariele, nato nel 2007 e Zeno nato nel 2010.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento