Il presepe vivente nel Parco Letterario Albino Pierro di Tursi

18 dicembre, 2017 15:25 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
La rappresentazione vivente della nascita di Gesù deriva dall’idea di far rivivere i personaggi del presepe in pietra di Altobello Persio da Montescaglioso del XVI sec. d.C., custodito nella cripta della Chiesa di Santa Maria Maggiore in Rabatana, rianimando, così quartiere che dagli anni ’70 ha subito un progressivo spopolamento. 
Organizzato dalla Pro Loco Tursi in collaborazione con il Comune di Tursi e della Parrocchia Cattedrale “Maria SS. Annunziata”, con il patrocinio dei Parchi Letterari Italiani e della Società Dante Alighieri, il presepe vivente è giunto alla diciassettesima edizione, con oltre 100 figuranti in costume negli angoli più suggestivi della Rabatana, l’antico quartiere arabo, perla preziosa della Comunità tursitana. 
Grazie alla collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Tursi, i visitatori potranno fruire del Servizio Navetta gratuito per raggiungere la Rabatana, con partenza dalle ore 16,30 dalla piazzetta Conte in Viale Sant’Anna.


Natèe a Tursë (di Albino Pierro)

Strùffuue e crespellë 
nd’u piatte cch’i rusette, 
dìcene n’ata vòte: « Iè Natèë »; 

e u tìvene ca frìjet 
ce pàrlete cc’u cée,
fè nascë tanta voce 
cchiù ducë assèi d’u mée. 

Nd’i strète c’è n’addorë 
come de rusmarine, 
e u fridde l’assecìrete
chist’aria de matine: 

chi fùjete, chi chiàmete,
chi sutte ’a màscue o mmène 
(i fèmmene sutte u scialle)
pòrtene tutte u ialle. 

Nd’i chèse se remìnene
, s’abbràzzene i uagnune,
e tuttë i cose frùscene 
ncantète come ’a lune;

po quanne s’è scurute 
te pàrete ca i stelle 
su’ i morte ca s’affòllene 
nturne a lu Bambenellë. 

E t’ècchete ca sònete
’a chièsie d’a Ravatène 
cc’a missa granne e cùrrenë
cuntente i crestijène; 

ma ié me stanche preste
de chille cante e scappe, 
zumpe da grutte a gruttë
nd’i fosse a chèpë sutte;

e allè ce trove ’a nive 
e më ne mange tante
ca se fè gghianche ’a notte 
e jjé arrevente sante. 

Natale a Tursi. Strùffoli e zeppole nel piatto con le rosette, dicono un’altra volta: «È Natale»; e la padella che frigge parla col cielo, fa nascere tante voci più dolci assai del miele. Nelle strade c’è un odore come di rosmarino e il freddo illimpidisce quest’aria di mattina; chi fugge, chi chiama, chi sotto l’ascella o in mano (le donne sotto lo scialle), portano tutti il gallo. Nelle case si rigirano, si abbracciano i ragazzi, e tutte le cose frusciano incantate come la luna; poi quando si fa scuro ti sembra che le stelle siano i morti che s’affollano intorno al Bambinello. Ed eccoti che suona la chiesa della Rabatana per la messa grande e corrono contenti i cristiani; ma io mi stanco presto di questi canti e scappo, salto da grotta a grotta nei fossi a testa sotto; e là trovo la neve, e poi ne mangio tanta che si fa bianca la notte ed io divento santo.  
Da Metaponte (Il Nuovo Cracas, Roma 1963; poi Garzanti, Milano 1982) 

I Parchi Letterari Albino Pierro, Tursi (Mt)  Quella di Tursi, il mio paese in provincia di Matera, era una delle tante parlate destinate a scomparire. Ho dovuto cercare il modo di fissare sulla carta i suoni della mia gente. Così Albino Pierro (1916 –1995) spiega la svolta dialettale della sua poesia per cui venne più volte candidato al Nobel per la Letteratura. In dialetto descrive Tursi, un incredibile esempio di architettura spontanea ricca di volte, vicoli, grotte e scale, tra cui le petrizze, una ripida strada realizzata nel ‘600 da Carlo Doria con lo stesso numero di gradini di quel Palazzo Doria che a Genova venne in seguito chiamato Palazzo Tursi. In alto domina il rione della Rabatana (dal saraceno Rabat), circondato dai burroni, le Jaramme cantate dal poeta. Sede del Parco è la casa di Albino Pierro (‘u paazze), da cui si gode di una suggestiva vista sui calanchi verso il Santuario di Anglona (VII XII sec), sorto sulle rovine della colonia greca di Pandosia.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento