Presentata a Matera la nuova stagione de “La Storia Bandita” nel Parco della Grancia: report e programma eventi

27 giugno, 2017 13:37 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Presentata nella sala giunta del Comune di Matera “La Storia Bandita”, il cinespettacolo più importante che esista sulla storia del brigantaggio nel mezzogiorno, in programma tutti i fine settimana dall’8 luglio a settembre 2017 nel Parco della Grancia, a Brindisi di Montagna.

All’incontro con i giornalisti hanno partecipato Mariano Izzo, presidente del Consorzio ETI (Eccellenze Turistiche Italiane), il direttore del Parco della Grancia, Nicola Manfredelli, il sindaco e il vice sindaco di Brindisi di Montagna, Nicola Allegretti e Gerardo La Rocca, la presidente dell’associazione dei volontari “Amici della Grancia”, Gina Fusco, la coreografa e direttore artistico del cinespettacolo Carmelina Iannielli, il presidente dell’UNPLI Basilicata Rocco Franciosa, la dirigente dell’ufficio sistemi culturali della Regione Basilicata, Patrizia Minardi.
Lo scenario è quello suggestivo del Parco della Grancia, la storia quella del Brigantaggio nel Mezzogiorno, storia affascinante e crudele come poche. “La Storia Bandita” è un racconto che tornerà, dall’8 luglio sino a settembre nel più grande Parco Storico Rurale e Ambientale d’Italia. Tutti i fine settimana i visitatori potranno assistere al più importante Cinespettacolo che sia mai stato realizzato sulla storia del Brigantaggio. Numerose le attrazioni per tutta la famiglia: il teatro falconeria, la fattoria degli animali, i Laboratori del Gusto, la cucina storica del 1800 e la cucina del 500 presso il borgo dei sapori, gli antichi giochi della ruralità, le mongolfiere e il Rural Fitness. Un viaggio animato da 300 figuranti su un’area di oltre 25mila metri quadri, con 500 effetti pirotecnici e proiezioni di grandi immagini sulla roccia e su schermo d’acqua, oltre a numerosi altri effetti speciali in scena.
Il Parco della Grancia sarà aperto per la diciottesima stagione estiva dall’8 luglio al 30 settembre, con gli spettacoli previsti tutti i sabato di luglio, il sabato e la domenica e la settimana di Ferragosto nel mese di agosto e tutti i sabato di settembre.
Mariano Izzo ha ricordato alcuni numeri significativi che ha registrato nei primi 17 anni il cinespettacolo all’interno del Parco della Grancia, l’unico parco storico, rurale e ambientale della Basilicata. 500 mila visitatori di cui 400 mila a pagamento con una media di 1240 persone paganti e 1600 non paganti al giorno. Entrano gratis i bambini fino a 1 metro e 40 centimetri di altezza, i disabili e i volontari.
Il costo del biglietto è di 28 euro e consente di seguire tutti gli spettacoli programmati all’interno del Parco, che apre alle ore 10 e chiude alle ore 23. Chi acquista il biglietto on line sul sito www.parcograncia.it ottiene il ticket per un nuovo ingresso al costo di 1 euro.

La grande attrazione è rappresentata dal cinespettacolo “La storia bandita” in programma dalle ore 21 ma già dalle ore 15 il pubblico può scegliere tra le numerose attrazioni offerte ai visitatori: la fattoria degli animali, la scuola di falconeria e da quest’anno anche la possibilità di riscoprire i giochi rurali. Per tutti anche una degustazione di prodotti tipici locali dalle 20 alle 21.
Nel Parco della Grancia – ha ricordato Izzo – viene raccontata ai più piccoli anche la storia del Monacello lucano e viene rappresentata la favola di Cappuccetto Rocco con il trio potentino La Ricotta.
Il Parco della Grancia è partito nel 1996 e fino al 2012 ha gestito le attività con una sinergia pubblico-privato che ha coinvolto sei comuni, Brindisi di Montagna e altri cinque del circondario, le Comunità Montane e un imprenditore. Con la nascita del Consorzio ETI il Parco della Grancia è riuscito a ripartire e oggi grazie ai flussi turistici che scelgono Matera si prepara a vivere un’altra stagione estiva da protagonista. Izzo ha ricordato infatti che il 70% del pubblico che arriva alla Grancia ha già visitato la città di Matera e per un centro che non è collegato attraverso adeguate infrastrutturre viarie o ferroviarie è sicuramente un grande risultato.
All’interno del Parco della Grancia, dopo il grande successo ottenuto nel 2010, sarà nuovamente installata la Vetrina della Basilicata, grazie alla collaborazione con i volontari delle Pro Loco lucane coordinate dall’UNPLI. Si tratta di 250 metri quadri in cui si accoglieranno i turisti per far conoscere tutto il patrimonio materiale e immateriale della Basilicata.

Michele Capolupo

Il report integrale della conferenza stampa

“All’inizio il progetto sembrava un sogno, e lo sembra ancora per le 170 persone che ogni replica, in scena, riescono ad emozionare ed emozionarsi”. Così Carmelina Iannielli, coreografa regista ideatrice de “La storia Bandita” ha definito il più grande cinespettacolo d’Italia, quello che si svolge nel Parco della Grancia e che raccontala storia del Brigantaggio nel Mezzogiorno, quella di Carmine Crocco, storia affascinante e crudele come poche. “La Storia Bandita” è un racconto che tornerà, dall’8 luglio sino a settembre nel più grande Parco Storico Rurale e Ambientale d’Italia. La scommessa è di superare i 1240 spettatori a sera che in tutti questi anni hanno affollato le repliche dello spettacolo.
La presentazione de “La Storia Bandita” si è tenuta oggi a Matera, nella Sala Mandela del Comune, con la partecipazione di Nicola Allegretti sindaco di Brindisi di Montagna, Gerardo Larocca vicesindaco e assessore alla cultura di Brindisi di Montagna, Patrizia Minardi dirigente regionale del settore cultura, la già citataCarmelina Iannielli, Gina Fusco presidente dell’associazione Amici Parco della Grancia, Nicola Manfredelli direttore del Parco della Grancia, Mariano Izzo direttore del Consorzio ETI (Eccellenze Turistiche Italiane), e Rocco Franciosa presidente UNPLI Basilicata.
Numerose le attrazioni per tutta la famiglia: il teatro falconeria, la fattoria degli animali, i Laboratori del Gusto, la cucina storica del 1800 e la cucina del 500 presso il borgo dei sapori, gli antichi giochi della Ruralità, le mongolfiere e il Rural Fitness. Un affascinante e suggestivo viaggio nella natura e nella storia attraverso il più grande evento artistico italiano nel campo dell’animazione storico-culturale e dell’identità territoriale.
La scelta della città di Matera per la presentazione non è casuale. “I flussi internazionali turistici passano da Matera – ha sostenuto la dirigente regionale Patrizia Minardi – La Regione deve avere la possibilità di promuovere questo tipo di eventi, eventi che raccontano del nostro patrimonio immateriale, ricchi di iniziative chiavi in mano fatte per un pubblico che è già pronto”.
“In questi anni il 70% dei visitatori del Parco della Grancia è passato da Matera – ha affermato il sindaco di Brindisi di Montagna Nicola Allegretti – Ricominciamo a luglio con “La Storia Bandita” dopo parecchi anni e quest’anno il cartellone è molto più ricco. E’ un punto di svolta perché entroquest’anno il Comune pubblicherà un bando di gestione a 20 anni anche per colmare una delle mancanze principali e cioè la ricettività, la possibilità di far dormire chi ci raggiunge. Il Parco è in pratica una Ferrari che in questi anni non è stata lanciata bene”.
Il Cinespettacolo“La Storia Bandita”, sinergico connubio tra musical, cinema e teatro, costituisce la prima grande opera di teatro popolare realizzata nel Mezzogiorno, che negli ultimi anni ha portato quasi 500mila visitatori nel Parco Nazionale della Grancia, parco che si estende su una superficie di 50 ettari alle spalle di Brindisi Montagna, borgo storico della Basilicata. “Per noi volontari è frutto di tanti sacrifici – ha detto Gina Fusco, presidente dell’Associazione Amici Parco della Grancia – ma questo modo di promuovere il nostro territorio ci fa sentire gratificati. Molti di noi lo fanno sin dall’inizio. In scena ci sono stati anche piccoli di 4 mesi e siamo arrivati alla terza generazione di figuranti”.
Concepito per rappresentare in chiave moderna la dimensione sociale, culturale e storica della civiltà rurale, il Cinespettacolo“La Storia Bandita” con la collaborazione del maestro Carlo Rambaldi, vincitore di tre premi oscar, e la regia di Viktor Rambaldi, è prodotto dal Consorzio Eccellenze Turistiche Italiane (ETI) con il contributo della Regione Basilicata, del Comune di Brindisi Montagna e dell’Associazione di Volontari “Amici della Grancia” e vede la partecipazione dell’UNPLI Basilicata.
La storia è narrata dalle voci di Michele Placido, Orso Maria Guerrini, Lina Sastri e Paolo Ferrari. Le musiche invece sono composte ed eseguite da Lucio Dalla, Antonello Venditti, Eddy Napoli e dal maestro Di Giandomenico.
Una narrazione spettacolare della durata di 2 ore, animata da 300 figuranti che a turno interagiscono su un’area di scena di oltre 25mila metri quadri, con 500 effetti pirotecnici, 400 fari teatrali e cinematografici, un impianto sonoro immersivomultitraccia con 12 sorgenti, proiezioni di grandi immagini sulla roccia e su schermo d’acqua, oltre a numerosi altri effetti speciali in scena.
“La Grancia è un contenitore per la formazione di nuove attività – ha detto Mariano Izzo, direttore del Consorzio ETI – Il Cinespettacolo è una scuola. Si inizia l’8 luglio per 20 date: tutti i sabati di luglio, i venerdì ed i sabati di agosto oltre alla settimana di Ferragosto, tutti i sabati di settembre. L’ingresso costa 28 euro a persona. I bambini al di sotto del metro e 40 non pagano e l’acquisto dei biglietti on line dà diritto ad un secondo accesso gratuito nel periodo delle repliche. Nel prezzo non è compresa la cena storica che va prenotata e pagata a parte”.
“Abbiamo deciso di ripartire dai briganti per offrire attrazioni diversificate – ha dichiarato Nicola Manfredelli, direttore del Parco della Grancia – Quest’anno avremo animali in via d’estinzione, il recupero di alcuni giochi di origine rurale, il grande spettacolo della scuola di falconeria, l’osservatorio dello spazio. Insomma un mix perfetto di tradizione e cultura”.
“Lo scenario suggestivo del Parco ed il contributo delle pro loco – ha sostenuto Rocco Franciosa presidente dell’UNPLI Basilicata – dà al turista la possibilità di conoscere in piccolo quello che i borghi regionali offrono. Non c’è propaganda migliore di quella fatta dalle suggestioni e dalle emozioni. La nostra è un’animazione fondamentale sia dal punto di vista sociale sia da quello culturale”.
“E poi c’è la Basilicata in vetrina – ha ricordato Gerardo Larocca, vicesindaco di Brindisi di Montagna e ideatore di Basilicata in vetrina – un luogo fisico di 250 metri quadrati che offre la possibilità di partecipare ad una mostra permanente. Tutti in pratica avranno la possibilità di mettersi in vetrina”.
Il Parco Storico Rurale e Ambientale della Grancia, oltre ad ospitare l’unico Cinespettacolo in Italia, offre un ricco programma di eventi e di attività di carattere culturale, ludico e gastronomico. Tra le attività di sensibilizzazione all’Ambiente, sono da annoverare l’allestimento del Laboratorio dell’Ecologia e la presenza permanente di una mongolfiera che si alzerà in volo per regalare ai visitatori una panoramica mozzafiato sulle Dolomiti lucane. Sarà poi possibile visitare la ricostruzione di un Accampamento Militare Borbonico, curata dai Rievocatori milites; il Villaggio Medievale a cura dei Rievocatori HISTORIA; la ricostruzione storica di un laboratorio di ceramica e di armi; l’imperdibile appuntamento con la Falconeria a cura della Bitmoviessrl , la vera anima del parco che da quest’anno darà la possibilità di partecipare alla prima scuola pratica di falconeria (dalle ore 10:00 alle ore 15:00).
Grande originalità e piacevole impatto assicurano inoltre la Sfida del Risiko, la vera storia dell’Unità d’Italia, e i Laboratori con gli artisti di strada (giocoleria, danza aerea, cartomanzia, poesia), la riproposizione del rito ancestrale del maggio, che rappresenta il matrimonio tra gli alberi.
La proposta di piatti rievocativi a cura dell’associazione Amab costituisce l’inizio della prima vera filiera agricola dei prodotti del territorio e della cultura lucana. La ristorazione storica del parco apre alle ore 12:00 e sarà possibile degustare anche dopo il Cinespettacolo La Storia Bandita. Gradita la prenotazione.
Il Parco della Grancia sarà aperto ai visitatori (dalle ore 10,00) tutti i sabati di Luglio e Settembre e tutti i venerdì e sabati di agosto compresa la settimana di ferragosto.
Consigliata la prenotazione chiamando tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00 i numeri 393.2029114 – 388.6276400 e scrivendo a [email protected]

I biglietti, utilizzabili anche per un secondo ingresso, sono disponibili online sul sito: www.parcograncia.it .
Il Cinespettacolo sarà in scena nelle seguenti date:

mese di luglio: 8 – 15 – 22 – 29

mese di agosto: 4 – 5 – 11 – 12 – 13 – 15 – 18 – 19 – 25 – 26

mese di settembre: 1 – 2 – 9 – 16 – 23 – 30

 

La scheda dello spettacolo “La Storia Bandita” e il programma 2017 degli eventi nel Parco della Grancia

Al Parco Nazionale della Grancia va in scena “La Storia Bandita”, il più grande spettacolo di teatro popolare d’Italia.

Da Luglio a Settembre, in Basilicata, il più grande Parco Storico Rurale e Ambientale d’Italia aprirà tutti i weekend per offrire ai suoi numerosi visitatori il più importante Cinespettacolo che sia stato mai realizzato sulla storia del Brigantaggio nel Mezzogiorno. Con numerose attrazioni per tutta la famiglia: il teatro falconeria, la fattoria degli animali, i Laboratori del Gusto, la cucina storica del 1800 e la cucina del 500 presso il borgo dei sapori, gli antichi giochi della RURALITÀ, le mongolfiere e il Rural Fitness. Un affascinante e suggestivo viaggio nella natura e nella storia attraverso il più grande evento artistico italiano nel campo dell’animazione storico-culturale e dell’identità territoriale.

Brindisi Montagna (PZ) – Uno spettacolo per far rivivere il fenomeno del Brigantaggio attraverso le ragioni e le storie dei vinti, rileggere gli avvenimenti di una delle pagine più oscure e affascinanti della storia dell’Italia post-unitaria, mai del tutto compresa, con la scoperta del mondo rurale lucano e delle sue inconfondibili radici.
Il Cinespettacolo “La Storia Bandita”, sinergico connubio tra musical, cinema e teatro, costituisce la prima grande opera di teatro popolare realizzata nel Mezzogiorno, che negli ultimi anni ha portato quasi 500mila visitatori nel Parco Nazionale della Grancia, il più grande Parco Storico Rurale e Ambientale d’Italia che si estende su una superficie di 50 ettari alle spalle di Brindisi Montagna, borgo storico della Basilicata, ad un’ora di auto da Matera ed altre città del Sud Italia.
Concepito per rappresentare in chiave moderna la dimensione sociale, culturale e storica della civiltà rurale, il Cinespettacolo “La Storia Bandita” con la collaborazione del maestro Carlo Rambaldi, vincitore di tre premi oscar, e la regia di Viktor Rambaldi, è prodotto dal Consorzio Eccellenze Turistiche Italiane (ETI) con il contributo della Regione Basilicata, del Comune di Brindisi Montagna e dell’Associazione di Volontari “Amici della Grancia”.
La storia è narrata dalle voci di Michele Placido, Orso Maria Guerrini, Lina Sastri e Paolo Ferrari. Le musiche invece sono composte ed eseguite da Lucio Dalla, Antonello Venditti, Eddy Napoli e dal maestro Di Giandomenico.
Una narrazione spettacolare della durata di 2 ore, animata da 300 figuranti che interagiscono su un’area di scena di oltre 25mila metri quadri, con 500 effetti pirotecnici, 400 fari teatrali e cinematografici, un impianto sonoro immersivo multitraccia con 12 sorgenti, proiezioni di grandi immagini sulla roccia e su schermo d’acqua, oltre a numerosi altri effetti speciali in scena.
Il Parco Storico Rurale e Ambientale della Grancia, oltre ad ospitare l’unico Cinespettacolo in Italia, offre un ricco programma di eventi e di attività di carattere culturale, ludico e gastronomico. Tra le attività di sensibilizzazione all’Ambiente, sono da annoverare l’allestimento del Laboratorio dell’Ecologia e la presenza permanente di una mongolfiera che si alzerà in volo per regalare ai visitatori una panoramica mozzafiato sulle Dolomiti lucane.
Sul versante degli allestimenti e delle rappresentazioni a carattere storico-spettacolare, sarà possibile visitare la ricostruzione di un Accampamento Militare Borbonico, una veritiera riproduzione storica sulla vita della milizia borbonica curata dai Rievocatori milites luci che permetteranno al visitatore di entrare nel contesto storico culturale che ha caratterizzato il fenomeno del brigantaggio; il Villaggio Medievale a cura dei Rievocatori HISTORIA coinvolgerà il pubblico nella ricostruzione delle arti e dei mestieri, degli scontri e degli eventi che hanno contraddistinto la storia della nostra terra tra il IX e X secolo; la ricostruzione storica di un laboratorio di ceramica e di armi; l’imperdibile appuntamento con la Falconeria a cura della Bitmovies srl , la vera anima del parco che da quest’anno darà la possibilità di partecipare alla prima scuola pratica di falconeria (dalle ore 10:00 alle ore 15:00). Noto, ormai, l’emozionante spettacolo di teatro falconeria con aquile, gufi, falchi, poiane, allocchi, barbagianni, corvi e cicogne che saranno i protagonisti di una brillante commedia sul tema della falconeria arricchito dalla presenza di 2 cerimonieri e 4 abili falconieri.
Grande originalità e piacevole impatto assicurano inoltre la Sfida del Risiko, la vera storia dell’Unità d’Italia, e i Laboratori con gli artisti di strada (giocoleria, danza aerea, cartomanzia, poesia), la riproposizione del rito ancestrale del maggio, che rappresenta il matrimonio tra gli alberi.
Il Parco della Grancia riserva un notevole interesse al mondo della Ruralità. I più piccoli si imbatteranno nella Fattoria degli animali e saranno protagonisti di attività di play pet con cavalli, asini e buoi. Inoltre per tutta la famiglia saranno attivi i laboratori didattici sui giochi della ruralità, la foresta in scena con spettacoli teatrali d’interesse storico culturali sul tema del brigantaggio e i personaggi che animano l’immaginario del bosco, i Laboratori del Gusto, dove si imparerà a produrre manualmente e riconoscere gli alimenti fondamentali della tradizione lucana come miele, latte, pane, olio e vino.
Il Parco Storico Rurale e Ambientale è anche riproposizione di eccellenze culinarie legate alla tradizione e alla storicità di piatti preparati secondo le antiche ricette e gli antichi strumenti della cucina ottocentesca presso la taverna di posta e cinquecentesca propria dei frati certosini, antichi abitanti della foresta Grancia, presso il Borgo dei Sapori. La proposta di piatti rievocativi a cura dell’associazione Amab costituisce l’inizio della prima vera filiera agricola dei prodotti del territorio e della cultura lucana. La ristorazione storica del parco apre alle ore 12:00 e sarà possibile degustare anche dopo il Cinespettacolo La Storia Bandita. Gradita la prenotazione.
Lo spettacolo La Storia Bandita nel Parco della Grancia si afferma, nel panorama delle più fortunate rievocazioni storiche, come uno degli attrattori turistici più importanti del Territorio insieme ad Amalfi Musical, lo spettacolo cult sulle vicende legate alla nascita della Prima Repubblica Amalfitana, di cui è partner.

Nell’ambito del percorso verso Matera 2019, si collocano infine anche le attrazioni del Parco della Grancia con i suoi tesori paesaggistici e i suoi luoghi incontaminati che rievocano le gesta di eroici briganti o aprono ad una spiritualità senza tempo (i luoghi della grancia benedettina).

 

Programma stagione 2017

Il Parco sarà fruibile gratuitamente tutti i giorni in cui andrà in scena il Cinespettacolo “La Storia Bandita”.
Con l’acquisto del ticket d’ingresso al Cinespettacolo, oltre a poter accedere a tutte le attività del parco, si potrà usufruire di un omaggio utilizzabile nella stagione 2017.

10:00 Apertura parco

10:00 Rural Fitness
Passeggiata nell’antico percorso dei frati certosini del convento Grancia. Il percorso di circa 1 ora collega il parco al borgo di Brindisi montagna. L’attività comprende la colazione del brigante a base di formaggi e salumi lucani e la presenza di una guida esperta. ATTIVITÀ SOLO SU PRENOTAZIONE – COSTO EURO 8,00.

10:00 SCUOLA PRATICA DI FALCONERIA
Lezione didattica sul tema dell’antica arte della falconeria. L’arte, che da oltre 4000 anni ha appassionato l’uomo, notevole elemento non solo di apprendimento didattico ma anche di educazione all’ambiente, potrà essere praticata con l’ausilio di due maestri falconieri. Il corso, dalla durata di 2 ore, dalle 10:00 alle 14:00, prevede l’utilizzo degli strumenti della falconeria per richiamare al guanto i rapaci messi in libertà. Sarà articolato in due fasi: la prima didattico-formativa, sul tema della falconeria, sulle sue origini storico-culturali e sulla sua importanza quale strumento di sensibilizzazione al rispetto della fauna e della flora; la seconda operativa, con l’allestimento di un piccolo zoo e l’uso di materiale multimediale e fotografico, alla scoperta degli animali e delle loro caratteristiche fondamentali. ATTIVITÀ SOLO SU PRENOTAZIONE – GRATUITA

10:00 – 23:00 UNO SGUARDO AL TERRITORIO
Un viaggio mozzafiato ad oltre 30 mt di altezza per poter osservare l’emozionante paesaggio delle Dolomiti lucane. COSTO EURO 6,00

12:00 – 23:00 LA CUCINA STORICA DEL PARCO
Riproposizione di eccellenze culinarie legate alla tradizione e alla storicità di piatti preparati secondo le antiche ricette e gli antichi strumenti della cucina ottocentesca, presso la Taverna di posta, e cinquecentesca, propria dei frati certosini, antichi abitanti della foresta Grancia, presso il borgo dei sapori – GRADITA LA PRENOTAZIONE

15:00 – 20:00 IL BENVENUTO DEL MONACELLO
A cura della compagnia teatrale HDUEteatrO

15:00 – 20:00 BASILICATA IN VETRINA
La Lucania, una terra inesplorata, amata, apprezzata, ricca di tradizioni, miti, riti e storia.
Il Parco della Grancia offre un luogo fisico denominato “ Basilicata in Vetrina “, una costruzione di In circa 250mq di spazio scenografato, artisti lucani, in collaborazione con il Liceo D’arte di Potenza, condurranno gli ospiti attraverso i borghi lucani, catturandone emozioni, manifestazioni, eventi, storia e cultura. Ospiti di “Basilicata in vetrina” le ProLoco di Basilicata, che suggestioneranno gli ospiti con materiale fotografico, grafico, artistico o con piccole performance.

15:00 – 20:00 AREA DELLA RURALITA
Fattoria e mercato degli animali, con ricostruzione storica della vita del contadino dell’800 con scene di aratura e mietitura con gli antichi strumenti della tradizione contadina.

15:00 – 20:00 BRIGANTESSA
A cura della compagnia teatrale HDUEteatrO. Monologo di Filomena Pennacchio, sulla vita e la storia che ha caratterizzato il mondo femminile durante il fenomeno del brigantaggio.

15:00 – 20:00 ACCAMPAMENTO MILITARE BORBONICO
Ricostruzione storica dell’accampamento militare “Battaglione Tiragliatori della Guardia Reale” (1856-1861), con laboratori didattici sulla vita militare, il cibo e le armi dei soldati, con approfondimento storico sul tema del brigantaggio, a cura dell’associazione di rievocazione storica “Milites Luci”, associazione storico culturale di Potenza impegnata nel riscoprire e valorizzare la storia militare dell’ esercito borbonico, attraverso approfondite analisi e accurate ricerche di documenti e regolamenti militari dell’epoca duosiciliana. Altre figure storiche rievocate sono i briganti e le brigantesse lucane della seconda metà dell’ottocento, che vanno a formare la Colonna Briganti della Terra di Lucania.

15:00 – 20:00 DOR – IL DIVERTIMENTO DI ORIGINE RURALE
Salvaguardia del gioco antico legato ai riti e alle tradizioni dell’antica Lucania, composte da un patrimonio vivente di persone che, attraverso il gioco antico e sovente dimenticato, mantengono in vita la memoria storica, le peculiarità ambientali e la creatività sociale del loro territorio. È questo l’obiettivo di DOR, a cura della compagnia teatrale HDUEteatrO: ridare luce agli antichi giochi della ruralità, i giochi dimenticati, tramandati da secoli, legati alla realtà culturale locale; attività ludiche difese e custodite dai nonni lucani che vedranno il pubblico coinvolto in una sana competizione, impegnato in laboratorii sulla costruzione degli antichi giochi.

15:00 – 20:00 VILLAGGIO MEDIEVALE
Accampamento medievale con laboratorio partecipati di cucina, ceramica e antichi mestieri, a cura dell’associazione culturale “Historia”, socio fondatori dell’associazione del Centro Studi Normanno-Svevi dell’università di Bari.

15:00 –  20:00 TRADIZIONI, RITI E MITI
Laboratorio e performance di danza aerea su alberi, cartomanzia, poesie e ritrattisti.

15:00 – 20:00 LABORATORI DEL GUSTO
Laboratori didattici e pratici sui prodotti agroalimentari del territorio: miele, pasta, olio, salame, vino.

16:00 – 16:30 FORESTA IN SCENA
Spettacolo teatrale a cura di “Botteghe Invisibili”. Un viaggio nell’immaginario della cultura popolare, dove riti e miti fondano le radici nella tradizione popolare. Gli ospiti saranno traghettati ne “La vera storia del Monacello”, protagonista con il suo cappuccio rosso dei tanti racconti popolari, “un essere piccolissimo allegro, aereo”, il cui maggior diverntimento “è di fare ai cristiani ogni sorta di dispetti”.

16:30 – 17:00 RITO DEL MAGGIO: MATRIMONI TRA GLI ALBERI
Rievocazione del rito del maggio lucano, il matrimonio degli alberi come buono auspicio per la nuova raccolta, alla scoperta delle origini dei riti arborei della Basilicata, quando la religione era ancora legata a rituali a noi oggi ignoti che oggi rivivono in alcuni borghi della misteriosa Lucania.

17:00 – 17:30 FORESTA IN SCENA – CAPPUCCETTO ROCCO
Spettacolo teatrale a cura del trio “La Ricotta”.

18:30 – 19:30 TEATRO FALCONERIA
Spettacolo teatrale sul tema della falconeria a cura di Bitmovies srl: due cerimonieri e 4 falconieri animeranno i voli degli oltre 20 rapaci. Uno spettacolo unico nel suo genere, un vero e proprio spettacolo teatrale dal vivo con un eccezionale contributo tecnologico audio – visivo che ne è garante di unicità e originalità.

20:00 – 21:00 CENA
Riproposizione di eccellenze culinarie legate alla tradizione e alla storicità di piatti preparati secondo le antiche ricette e gli antichi strumenti della cucina ottocentesca, presso la Taverna di posta, e cinquecentesca, propria dei frati certosini, antichi abitanti della foresta Grancia, presso il borgo dei sapori – GRADITA LA PRENOTAZIONE
21:30 CINESPETTACOLO “LA STORIA BANDITA”
Il più grande spettacolo di teatro popolare d’Italia mai realizzato sulla storia del Brigantaggio nel Mezzogiorno. Una narrazione spettacolare della durata di 2 ore, animata da 300 figuranti che interagiscono su un’area di scena di oltre 25mila metri quadri, con 500 effetti pirotecnici, 400 fari teatrali e cinematografici, un impianto sonoro immersivo multitraccia con 12 sorgenti, proiezioni di grandi immagini sulla roccia e su schermo d’acqua, oltre a numerosi altri effetti speciali in scena.

La fotogallery della conferenza stampa (foto www.SassiLive.it)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento