Concerto di John Rutter nella Cattedrale di Matera per il Mysterium Festival

20 marzo, 2017 12:57 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Sabato 25 marzo 2017 alle ore 20 nella Cattedrale della Madonna della Bruna e di Sant’Eustachio in piazza Duomo a Matera è in programma il concerto “John Rutter” del Mysterium Festival. Info Orchestra ICO Magna Grecia, in via De Viti De Marco n. 13 (tel. 0835.1973420 – [email protected]) a Matera. Ingresso libero e gratuito.

Da Taranto arriva a Matera il Mysterium Festival, manifestazione nata quattro anni addietro per creare, con un ricco cartellone di concerti ed eventi culturali, una cornice consona e opportuna ai Riti della Settimana Santa del capoluogo jonico.

Quest’anno, per la prima volta in assoluto, con alcune “date” il Mysterium Festival toccherà anche la Città dei Sassi, una iniziativa che rientra in un più ampio progetto dell’Istituzione Orchestrale Concertistica “Magna Grecia” che sin dal 2000 ha creato un ideale “ponte culturale” tra Taranto e Matera.

Nella Città dei Sassi il Mysterium Festival è organizzato da Istituzione Concertistico Orchestrale “Magna Grecia”, Basilicata Circuito Musicale, Matera in Musica e Coro della Polifonica Materana “Pierluigi da Palestrina”, e si avvale del patrocinio del MIBACT, del Comune di Matera e della  Regione Basilicata.

Il primo appuntamento rappresenta un grande evento in esclusiva nazionale: il famoso compositore e musicista inglese John Rutter sarà a Matera per dirigere un concerto con alcune delle sue più importanti composizioni sacre.

Il programma del concerto, infatti, prevede l’esecuzione dei brani “Gloria”, “Meditations”, “Look at the world” e, in prima esecuzione assoluta italiana, la recentissima “Visions” per orchestra, violino solista e coro giovanile che il compositore ha inciso l’anno scorso.

Dal podio John Rutter dirigerà l’Orchestra ICO “Magna Grecia”, il violinista Claudio Andriani e il Coro giovanile “L.A. Chorus” in collaborazione con il Coro Giovanile Pugliese; Maestro del coro è Luigi Leo.

Nato a Londra nel 1945, John Rutter è considerato uno dei principali compositori e musicisti di musica sacra viventi; la sua produzione, influenzata dalla tradizione corale contemporanea europea e statunitense, ma anche dalla musica leggera americana, è prevalentemente rivolta alla musica corale di genere mottettistico a cappella, ma comprende anche partiture più estese e strutturalmente più complesse.

John Rutter è ormai famoso a livello globale, soprattutto negli Stati Uniti, dove il programma “Today Show” della NBC lo ha definito “il più grande compositore e direttore di musica corale vivente”, ma anche in Gran Bretagna, tanto che nel 2002 una sua versione del “Salmo 150” è stato commissionato per il Giubileo d’oro della Regina Elisabetta ed eseguito per la Santa Messa del Giorno del Ringraziamento nella Cattedrale di St Paul a Londra.

Eppure, sebbene la sua attività di musicista sia prevalentemente orientata alla musica sacra, in una intervista al programma televisivo statunitense “60 Minutes” John Rutter ha spiegato di non essere una persona particolarmente praticante, ma di ricevere particolare ispirazione dalla spiritualità dei versi sacri e delle preghiere.

Il concerto “John Rutter” del Mysterium Festival si terrà, con ingresso libero e gratuito,  sabato 25 marzo 2017 alle ore 20.00 nella Cattedrale della Madonna della Bruna e di Sant’Eustachio a Matera è in programma il concerto “John Rutter” del Mysterium Festival. Info Orchestra ICO Magna Grecia, in via De Viti De Marco n. 13 (tel. 0835.1973420 – [email protected]) a Matera. Ingresso libero e gratuito.

Anche nel Mysterium Festival è confermata a Matera la partnership culturale e sociale di Ubi Banca Carime, che rinsalda il suo sostegno convinto per corroborare sul territorio la funzione di una economia integrata al fine di garantire responsabilmente un’alta qualità della vita; a Matera main sponsor del Mysterium Festival sono Grieco Collezioni Uomo Donna Matera, BAWER, EcoWash, Italcementi Group e Concessionaria Peugeot Lions Service a Matera.

rutter

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento