Libri“Il Libro che non muore – La cultura della memoria, la memoria della cultura” a Montalbano il 30 e 31 ottobre: programma eventi

28 Ottobre, 2019 12:54 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Presentata questa mattina nella sala del Presidente della Provincia di Matera la prima edizione dell’evento “Il Libro che non muore – La cultura della memoria, la memoria della cultura”, promosso dal Comune di Montalbano Jonico ed in programma mercoledì 30 e e giovedì 31 ottobre a Montalbano Jonico.
All’incontro con i giornalisti hanno partecipato l’assessore comunale alla cultura del Comune di Montalbano Ines Nesi, il responsabile dell’area amministrativa e socio culturale del Comune di Montalbano, Vincenzo Pierro, il critico e linguista Massimo Arcangeli e la direttrice della Biblioteca Provinciale “Tommaso Stigliani” Antonella Nota.
Il libro è un simbolo della cultura materiale che resiste, attraverso la conservazione caparbia di una memoria che si tramanda da secoli ed è in grado di assicurare, ma è anche un’occasione preziosa per avviare letture e riflessioni fra narrativa e poesia, lavoro critico ed esperienza personale.

Ines Nesi, assessore comunale alla cultura del Comune di Montalbano: “Il libro che non muore”, che si svolge sotto la direzione artistica di Massimo Arcangeli, approfitta del ricco fondo posseduto dalla Biblioteca del Comune di Montalbano Jonico per inaugurare una mostra e accompagnarla con una serie di interventi di personaggi di spicco del panorama intellettuale italiano che parlino delle opere e dei testi conservati nel fondo per trarne più ampie considerazioni sulla necessità della conservazione di una memoria libraria simbolo di una cultura universale che continua ancora fortunatamente a parlare, in tanti luoghi disseminati per il mondo, a milioni e milioni di lettori.
Arricchisce il programma un’iniziativa premio centrata sul libro e strutturata in un progetto didattico rivolto alle scuole del territorio e delle aree circostanti: “Libri da salvare”.
Libri da salvare perché si possa far riflettere sull’importanza di alimentare continuamente una cultura con la lettura, la tutela e la conservazione degli strumenti necessari a mantenerla viva. Gli studenti coinvolti sceglieranno un libro del passato “da salvare”, ne testeranno la conoscenza intervistando amici o parenti, conoscenti o sconosciuti, e ne ricaveranno un minivideo. Si confronteranno anche fra di loro e con i loro insegnanti per individuare l’elenco dei magnifici 3 da presentare durante la manifestazione come risultato della selezione finale fra tutti quelli scelti dai singoli (o dai gruppi). I tre libri saranno raccontati, spiegati e commentati in un evento dedicato, che si svolgerà a Siena fra il 1 e il 5 aprile 2020 (all’interno del grande Festival della Lingua italiana “Parole in cammino”), perché si comprenda il motivo della scelta, ma saranno lì rappresentati anche i libri “sconfitti”: ogni studente avrà infatti provveduto, una volta scelto il suo libro, a riprodurne il titolo (o un’immagine a esso collegata, o altro ancora) su una t-shirt che avrà indossato nei “match” a scuola e durante le riprese video. Al gioco parteciperanno anche gli insegnanti, a loro volta impegnati a difendere il loro libro, il direttore artistico, con lo staff del festival, e chiunque altro avrà voluto aderire all’iniziativa. Nel corso della manifestazione senese si proclamerà il libro vincitore, e chi l’avrà a suo tempo scelto si aggiudicherà il primo premio della gara (un secondo e un terzo premio sarebbero assegnati al secondo e al terzo classificato).

Programma

Mercoledì 30 ottobre 2019, ore 16
Presentazione della mostra
Piero Marrese, Sindaco del Comune di Montalbano Jonico e Presidente della Provincia di Matera
Ines Nesi, Assessore alla Cultura Comune di Montalbano Jonico
Massimo Arcangeli, Introduzione ai lavori
Lucrezia Ercoli, il futuro del libro
Giulio Ferroni, il ritratto fra pittura e letteratura
Maria Domenica Santarcangelo, il futuro ha un cuore antico

Giovedì 31 ottobre 2019, ore 10
Introduzione ai lavori
Filippo La Porta, E’ del poeta il fin la meraviglia
Raffaello Palumbo Mosca, Antichi e Moderni. Perchè la cultura non muore
Gianni Di Giuseppe, leggere come pre-testo
presentazione dei progetti curati dagli studenti dell’ISIS Pitagora e premiazioni

La fotogallery della presentazione dell’evento “Il Libro che non muore – la cultura della memoria, la memoria della cultura” (foto www.SassiLive.it)

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.