Il regista Salvo Cuccia e la produttrice Eleonora Cordaro al Bella Basilicata Film Festival

27 Ottobre, 2016 11:36 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La Sicilia degli anni ’90 vittima della mafia, i delitti della criminalità organizzata e del potere politico corrotto. Al Bella Basilicata Film Festival domani 28 ottobre un’altra giornata di riflessione sulle storie di potere occulto, talvolta esercitato impropriamente.

In mattinata, nell’ambito della Sezione Cinema e Scuole, presso il Cineteatro Periz prosegue l’omaggio all’indimenticato maestro Giuseppe Ferrara, con la proiezione di “Cento giorni a Palermo”. A seguire incontreranno i giovani studenti lucani la giornalista e assistente del Maestro Giuseppe Ferrara Mariangela Petruzzelli, il professore Mario Coviello e il giornalista Rocco Brancati.

In serata, invece, dalle ore 20.30 l’autrice Veronica Turiello incontra il regista Salvo Cuccia e la produttrice Eleonora Cordaro per esaminare con dovizia di particolari il film “Lo Scambio” (2015), inserito nella programmazione serale di quest’edizione. In “Lo Scambio” mondi privati e pubblici si mescolano in quella che è una drammaturgia fondata su un fatto di cronaca. Cuccia, nel suo primo lungometraggio di finzione, scava a fondo sia nella vita privata della vittima, sia nella vita privata del criminale, personaggi senza nomi che vivono la quotidianità con straordinaria regolarità in una Palermo cupa, la Palermo del boss di Cosa Nostra Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina, a cui il racconto trae liberamente ispirazione.

L’ingresso al Cineteatro Periz è libero e gratuito.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.