BasilicataCinema Movie Award 2019 ad Atella, riconoscimento al giornalista Danilo Procaccianti

18 Ottobre, 2019 06:42 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Sabato 19 ottobre 2019 dalle 18,30 d Atella nella sala della ex biblioteca comunale è in programma una serata di grande cinema documentario.

Danilo Procaccianti, giornalista della trasmissione Rai “Presa Diretta”, parlerà al pubblico lucano del suo documentario “MatteoMessinaDenaro” al termine della proiezione dello stesso. I moderatori del dibattito saranno Angelo Petrino e Michele Centonze mentre la proiezione è inserita nella rassegna “BasilicataCinema Movie Awards” 2019 che ha già visto protagonista lo scorso 23 luglio a Potenza il giornalista di FanPage.it Sacha Biazzo che, per la sua inchiesta “Bloody Money”, è stato premiato per il miglior documentario investigativo 2019.

A Danilo Procaccianti andrà invece il “BasilicataCinema Movie Award” per il suo impegno pluriennale a favore del giornalismo d’inchiesta. Difatti il giornalista ha già vinto il “Premio Ilaria Alpi” nel 2011 per il miglior reportage italiano lungo, oltre ad essere vincitore del “Premio Rocco Chinnici” nel 2012 per le inchieste sulla criminalità organizzata. E “MatteoMessinaDenaro” è un racconto cinematografico sul boss di Castelvetrano, con testimonianze e documenti esclusivi. Un boss che si nasconde da 26 anni, nonostante gli diano la caccia la Procura di Palermo, la Polizia, i Carabinieri e i servizi segreti.

Appuntamento dunque Sabato ad Atella nell’ex biblioteca Comunale alle ore 18:30 per un incontro d’eccezione con uno dei giornalisti più impegnati del panorama documentaristico italiano. L’ingresso è gratuito.

Sinossi di Matteo Messina Denaro

Un’inchiesta sui 26 anni di latitanza dell’ultimo dei grandi boss della Mafia non ancora assicurato alla giustizia, Matteo Messina Denaro. Condannato all’ergastolo per le stragi del 1993, da allora è sparito nel nulla. La storia del suo coinvolgimento nella stagione stragista dei primi anni ’90, il ruolo nella trattativa Stato-Mafia e lo strettissimo legame con Totò Riina, la caccia alla sua immensa ricchezza che ha permesso il sequestro di beni per 4 miliardi di euro, i blitz delle forze dell’ordine che hanno gradualmente fatto terra bruciata intorno a lui, fino al clamoroso arresto della sorella Patrizia. Matteo Messina Denaro si nasconde da 26 anni, nonostante gli diano la caccia la Procura di Palermo, la Polizia i Carabinieri e i servizi segreti.

Credits:

Titolo: Matteo Messina Denaro;

Paese: Italia;

Regia e sceneggiatura: Danilo Procaccianti, Fabrizio Lazzaretti, Elisabetta Camilleri;

Musiche: Daniel Bacalov;

Genere: Documentario;

Fotografia: Fabrizio Lazzaretti;

Original Language: Italiano;

Editing: Samantha Roberts, Fabrizio Lazzaretti;

Tipo: Reportage;

Production: Produzione Rai, Programma Televisivo “presadiretta”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.