“Sassi di Matera anno 1981 – fotografie di Peter Strebel” negli spazi di Gallery Saxart a Matera

6 Aprile, 2019 07:48 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Sabato 6 aprile 2019 alle ore 18 nella Gallery Saxart in via Fiorentini 233 a Matera è in programma l’inaugurazione della mostra “Sassi di Matera anno 1981 – fotografie di Peter Strebel”. La mostra resterà aperta dal 7 al 30 aprile 2019 dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 21.

Di seguito le recensioni della mostra di Peter Strebel a cura di Robert Adams e Roberto Mutti

Gioco di luce.  In che modo si abitava qui? Perché e dove sono sparite tutte le persone? Quali tradizioni si sono lasciate alle spalle?
C‘è qualcuno che continua le antiche tradizioni? Queste e molte altre domande erano sempre presenti quando andavo in giro con la macchina fotografica. Le rovine sono rimaste in silenzio senza dare alcuna risposta.
Il tema luce e ombra mi ha seguito fin dall‘inizio della mia carriera di fotografo. La luce ha dato una nuova vita alle
rovine dei Sassi. Il suo bagliore riflesso dalla finestra sul pavimento in una casa senza soffitto è come una luce nella
luce. Questi riflessi conducono lo spettatore da una stanza all‘altra come in un percorso. La luce trasforma la colonna
di pietra in una scultura e le pareti in composizioni artistiche. E quando la vedi strisciare lungo le pareti e i pavimenti è
come assistere ad uno spettacolo della natura.

Robert Adams

„Se siamo partiti da così lontano per parlare delle fotografie di Peter Strebel è perché il suo lavoro si inserisce a pieno
titolo in un filone che ha nobili ascendenti capaci anche di teorizzarne con lucidità la poetica, tanto è vero che le parole
di Nègre sopra citate potrebbero ancora oggi fungere da guida per chi si avventura in questi percorsi“
„Il fotografo finlandese individua subito nella forza della luce il filo conduttore che per un verso caratterizzerà tutte le sue
fotografie e dall’altra lo guiderà in un viaggio solitario che inizia con una grande ripresa d’assieme….“
„Il fotografo si avvicina in leggera salita poi, rapidamente, ci pone di fro te alla sua scelta ed entra all’interno degli spazi
abitativi. Accanto alla luce, l’altro elemento che utilizza come polo dialet co è il vuoto. Perché la luce lo riempie e perché
il vuoto la accoglie“

Roberto Mutti

Perter Strebel “Fare fotografie è una questione personale; quando non lo è, i risultati non sono convincenti.“.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.