Frana strada comunale Aliano-Sauro, nota Florio (IDV). Latronico (Forza Italia) chiama il sindaco De Lorenzo. Ugl: fare chiarezza su crollo

23 gennaio, 2014 12:05 |
facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Se nel Lagonegrese in 48 ore si sono registrati tra i 175mm e i 260 mm di piogge (ora in parziale attenuazione) il Materano stavolta sembrava averla fatta franca. Invece ci troviamo ancora una volta a raccontare una storia paradossale.

Dopo 48 ore di piogge e beffardamente a un anno di distanza dall’inaugurazione, oltre 150 metri di strada comunale Aliano-Sauro hanno ceduto su entrambe le carreggiate sprofondando in una voragine di oltre 15 metri e di altri 20 verso il fosso Ciglioto. A risentirne i collegamenti tra il centro abitato e la Sp 2 Saurina. E così Aliano torna nell’incubo isolamento. Per l’arteria lunga 2 km erano stati spesi 1,3 mln di euro del Po Val d’Agri e altri 600mila euro per rafforzare la scarpata. Ora non resta che la vecchia provinciale Ponte Agri- Ponte Acinello. Il Comune, che di recente ha speso 180mila euro per lavori urgenti chiede alla Regione lo stato di calamità appelandosi alla nuova giunta. “Le piogge degli ultimi due giorni del 20 e 21 gennaio hanno provocato il cedimento completo, per oltre 150 metri di lunghezza di entrambe le carreggiate della strada comunale di collegamento Aliano – Sauro, creando – afferma il sindaco di Aliano Luigi De Lorenzo – una voragine di oltre 15 metri e la traslazione dei gabbioni di contenimento di altri 20 metri verso il fosso Ciglioto, creando non pochi problemi di collegamento tra il centro abitato e la strada provinciale n. 2 Saurina. Si tratta – spiega il sindaco – di un’arteria lunga due chilometri realizzata con i fondi del Piano operativo della Val d’Agri pari a 1 milione e 300 mila euro, realizzata dall’ amministrazione provinciale di Matera, dopo svariati interventi sulla sovrastruttura stradale, interamente ricostruita e poi consolidata. Già dapprima si era verificato un movimento franoso sul quale si era intervenuti rafforzando la scarpata con gabbioni di sostegno. Una ulteriore azione, costata circa 600 mila euro, – sottolinea De Lorenzo – che doveva restituire ad Aliano e Alianello il collegamento con la viabilità nazionale, liberando le due comunità dall’isolamento. Sulla nuova strada , erano concentrate le aspettative di un territorio e di una comunità. Oggi con il crollo della nuova arteria, abbiamo il rischio concreto di un isolamento, in quanto il collegamento è assicurato dalla vecchia strada provinciale Ponte Agri – Alianello- Aliano Ponte Acinello ormai divenuta obsoleta, in quanto in molti punti è minata da crolli e frane continue esponendo continuamente il Comune e l’ Amministrazione Provinciale di Matera a continui interventi di messa in sicurezza in somma urgenza per consentire la cittadinanza i turisti e i viaggiatori regionali ed extra regionali che raggiungono le nostre comunità per fruire dei luoghi di ispirazione letteraria del Cristo si è fermato ad Eboli di Carlo Levi e il paesaggio unico dei calanchi di aliano la nostra storia e la nostra cultura”. Mercoledì 22 gennaio  problemi anche sulla Sp 154 Bernalda-Marconia rimasta chiusa per alcune ore per l’innalzamento del livello del Basento sotto il ponte. di Torre Accio.

Florio (Centro Democratico) su cedimento della strada comunale di collegamento Aliano-Sauro e la chiusura sia pure parziale a Bernalda della strada “via Metaponto – svincolo Basentana: “Affrontare emergenza viabilità Materano con lo stesso impegno e stessa tempistica precedente assessore Agricoltura.

“Il cedimento della strada comunale di collegamento Aliano-Sauro e la chiusura sia pure parziale a Bernalda della strada “via Metaponto – svincolo Basentana”, che collega il centro abitato alla statale 407, rinnovano l’emergenza dissesto e rafforzano l’intuizione del precedente assessore regionale all’Agricoltura Nicola Benedetto che ha fortemente voluto il bando misura 125 ‘Infrastrutture connesse allo sviluppo ed all’adeguamento dell’agricoltura’ limitatamente all’azione 4 ‘Adeguamento, ristrutturazione e messa in sicurezza della rete viaria rurale’, di cui ieri il nuovo Assessore ha semplicemente dato notizia sull’esito dell’istruttoria degli uffici dipartimentali”.  E’ quanto sostiene la dirigente regionale di Centro Democratico Rossana Florio evidenziando che “l’iter del bando è stato veloce grazie alla tempistica definita in precedenza. Ovviamente con una posta finanziaria di 10 milioni di euro da concentrare nei territori comunali interessati dalle alluvioni del 6-7 ottobre (Matera, Montescaglioso, Bernalda, Pisticci, Scanzano Jonico, Montalbano Jonico, Policoro, Pomarico e Tursi) non si poteva fare di più. Intanto va sottolineata la scelta di dare priorità ad interventi di adeguamento della rete viaria consistenti in sistemazione, miglioramento e messa in sicurezza di strade interpoderali ad uso collettivo e di reti viarie a responsabilità comunale a beneficio di aziende agricole e forestali. Si tratta – continua – Florio di un segnale importante che la politica e la massima istituzione territoriale quando si ripiegano sui problemi con impegno possono alleviare i disagi delle nostre popolazioni e nel caso dei comuni colpiti da alluvioni e frane venire incontro ai problemi di mobilità di cittadini, agricoltori, operatori economici”.

Crollo strada Aliano, Tancredi e Giordano (Ugl):”Chiarezza su crollo”.

“Inaugurata solo il 19 gennaio 2013, le precipitazioni del 20 e 21 gennaio hanno provocato il cedimento completo, per oltre 150 metri di lunghezza di entrambe le carreggiate della strada comunale di collegamento Aliano – Sauro, creando una voragine di oltre 15 metri e la traslazione dei gabbioni di contenimento di altri 20 metri verso il fosso Ciglioto, creando non pochi problemi di collegamento tra il centro abitato e la strada provinciale n. 2 Saurina”.

E’ quanto denunciano i segretari dell’Ugl Basilicata, Giovanni Tancredi e Giuseppe Giordano per i quali, “non esiste un paese lucano che non abbia un disagio stradale. Non è più possibile e tollerabile che si debbano sostenere queste incresciose situazioni, ci batteremo a viso aperto ,come da sempre facciamo, perché il perdurare stato di irregolarità stradale penalizza i lavoratori e tutti i cittadini che giornalmente percorrono le nostre strade. Ci rivolgiamo a tutta la classe politica dirigente regionale e nazionale Lucana – proseguono i segretari Ugl – affinché diano risposte operative ai fabbisogni dei cittadini. L’Ugl a volte è stata accusata di strumentalizzazioni, se non raccontasse il vero sarebbe disposta a chiedere scusa. Vorremmo ora che qualche ‘buon politico’ ci spieghi come mai già a distanza di pochi mesi dall’inaugurazione dell’opera stradale in questione, uscirono allo scoperto tutti i difetti. Per Aliano, si tratta di un’arteria lunga due chilometri realizzata con i fondi del Piano operativo della Val d’Agri pari a 1 milione e 300 mila euro. realizzata dall’ amministrazione provinciale di Matera ed una ulteriore azione, costata circa 600 mila euro, che doveva restituire ad Aliano e Alianello il collegamento con la viabilità nazionale, liberando le due comunità dall’isolamento. Sulla nuova strada, erano concentrate le aspettative di un territorio e di una comunità. Sullo sfondo, in sintesi, emerge scarsa attenzione e negligenza da parte degli enti pubblici preposti. Il cedimento di tale strada non fa scalpore, le coscienze si svegliano solo quando qualche malcapitato ci lascia la vita. Con buona pace di tanti fondi pubblici spesi senza criterio. Ma riflette in pieno i limiti nella gestione pubblica della viabilità dove nei casi specifici i soldi c’erano. Ed erano pure tanti. Come sono stati impiegati? Se una strada mostra vistosi difetti, a maggior ragione se dopo appena pochi mesi dall’apertura, qualcuno se ne dovrebbe assumere la responsabilità?  Chiediamo agli organi competenti di controllo di indagare su come sono stati spesi questi finanziamenti. Oltre al chiaro rischio per gli automobilisti – concludono Giordano e Tancredi -, per l’Ugl è utile rimarcarlo, c’è una questione erariale. Da affidare al controllo della Corte dei Conti. Si tratta di soldi che, oltre ad essere stati spesi male, gravano sulla tasca di tutti”.

Frana Aliano, nota Latronico (Forza Italia) chiama il sindaco De Lorenzo

“In una telefonata al sindaco di Aliano, Luigi De Lorenzo, ho manifestato la massima attenzione e disponibilità per sollecitare una soluzione al grave problema che si è determinato con il crollo della strada di accesso al centro abitato”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (FI). “Questa ulteriore frana, che danneggia una infrastruttura viaria costruita di recente, pone due problemi alla comunità regionale ed ai decisori pubblici: da un lato la necessità di mettere al primo piano delle politiche di programmazione quelle di difesa e tutela del territorio e l’altra di agire con rigore  e competenza quando si costruiscono nuove infrastrutture, tenendo conto delle condizioni geologiche dei terreni. Nelle prossime ore presenterò  una interrogazione ai ministri competenti (Lavori pubblici ed Ambiente) perché si intervenga per mettere in sicurezza l’area interessata dalla frana e si assicuri l’accesso al centro abitato di Aliano ”.

Foto lasiritide.it

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un Commento