Attacco a Vincenzo Viti, nota di Vespe

12 Luglio, 2012 17:37 |
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Franco Vespe in merito alla polemica che ha travolto l’assessore regionale Vincenzo Viti per il compenso di 2500 euro ricevuto l’attività svolta al servizio del senatore a vita Emilio Colombo.

Le polemiche suscitate  dalle  prestazioni extra-professionali (oramai abbiamo il fondato sospetto che  abbia fatto della politica il suo mestiere!) dell’On.le Viti per le quali riceve un compenso dal Presidente Colombo di 2500 Euro, hanno veramente dell’incredibile! Polemiche che hanno raggiunto punte così parossistiche tanto da far sfociare la vicenda  in commedia grottesca quando i novelli Girolamo Savonarola –per intenderci i  consiglieri regionali Rosa e Venezia- gridando allo scandalo, hanno chiesto a gran voce le sue dimissioni. Conosco molto bene Vincenzo. Per lungo tempo ho seguito i suoi passi come quelli del Presidente Colombo. Sono stati per me, anche se forse loro mi hanno seguito distrattamente al limite del fastidio, dei maestri dai quali ho avidamente afferrato scampoli preziosi  di Politica, di Storia e di Cultura del nostro paese e della nostra città.  E’ certamente uomo che ha dedicato la sua vita alla politica e, a causa della sua pervicace volontà di continuare a giocare da “titolare”, ha bruciato parecchie carriere di giovani virgulti ormai invecchiati -“loro” lui no!-  nell’attendere invano suoi assists. Però  è anche e soprattutto persona di grande talento e di profondi studi e letture che sono stati sempre messi a disposizione del Presidente Colombo e delle tante battaglie che i due hanno affrontato insieme. Conosco la loro reciproca stima ed il loro strettissimo sodalizio  politico che li lega anche affettivamente ed umanamente. Un sodalizio politico che ha portato anche grossi vantaggi e benefici per la nostra città e per la nostra regione. Un rapporto che certamente per la sua delicatezza e rispettosa devozione,  non meritava  di  essere così brutalizzato  con quella entrata a gamba tesa fatta dai mass-media e dal mondo politico. In fin dei conti non si può individuare nella faccenda niente di illegale   o di indecente. Certamente se Viti scrive e studia per il Presidente Colombo è giusto e  legittimo che detto impegno possa essere anche  ricompensato. Se invece esso viene accordato per motivi extra-professionali, la faccenda diventa parte della loro sfera personale che nessuno deve e può violare! Certo però non mi sarebbe dispiaciuto che il presidente Colombo avesse lanciato un bando per affidare il compito di suo “ghost writer”. Io mi sarei certamente candidato! Come Viti anche io ho un mutuo  da onorare che non ha eguali sia in ammontare che in durata. Avrei  proprio bisogno di quel mensile! Certo la mia prosa non è spumeggiante, pirotecnica, leziosa al limite del rococò di Vincenzo. La mia è invece molto rudimentale, più vicina a quella del “De Bello Gallico”. La sua proietta icone suggestive esteticamente straordinarie; mentre la mia è più concettuale, a volte filosoficamente sistematica (e noiosa!)  come un enciclica. La sua è superiore ortograficamente, la mia indulge  molto, a volte esagerando, sulla vis ironica al limite dell’irrisione (però ad oggi ancora non ho subito agguati vendicatori). Unici punti chiaramente a mio appannaggio sono la conoscenza e la capacità di scrivere in inglese e la facoltà  prodigiosa di risolvere le equazioni di II grado a mente. Però non so se al Presidente interessano queste mie qualità! Intanto si sappia  che le mie cdoti letterarie le metto a disposizione sul mercato  Presidente compreso.

Francesco Vespe

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 commenti

    • 7 anni  

      wasps

      Oggi non ho più bisogno di maestri…sono io un maestro! inascoltato ma maestro!

  1. 7 anni  

    Mary

    Bene maestro inascoltato…qui il problema è che traspare questo “avvinghiamento” continuo tra vecchi politicanti che si scambiano favori poltrone affari …. ahimè per questa regione sono sempre gli stessi che tirano i fili e distribuiscono poltrone…andassero a offrire i loro servigi extra professionali altrove!!!
    Curiosità, maestro inascoltato, cosa hanno fatto di buono per la nostra comunità? ci illumini lei che li ha seguiti
    con attenzione

  2. 7 anni  

    giusy

    La giunta regionale ha un rappresentante materano che fa la differenza.
    Martorano?… un figlio di papà che pensa ai calzini bianchi
    Mazzocco…. tanto corta quanto cattiva …
    Mastrosimone….
    Pittella… buono
    Mancusi…
    Viti se limette in un calzino tutti… senza ombra di dubbio
    Noi Materani siamo bravi a uccidere i nostri rappresentanti migliori… non finiamo mai di fare karakiri… ci meritiamo quello che abbiamo

  3. 7 anni  

    giusy

    Perchè secondo voi Viti è sul palcoscenico da trent’anni? E’ un raccomandato? No!!! E’ solo uno che vale e ha fatto delle sue capacità relazionali, di cultura, di capacità di mediazione e di lavoro continuo la sua forza…
    Tutti coloro che parlano solo per denigrare si rimboccassero le maniche e cercassero di fare solo almeno l’uno per cento di quello che viti ha fatto nella sua vita.

  4. 6 anni  

    e

    poveri uomini si uccidono tra di loro fan gara a mangiare la torta che noi gli diamo. siam dei pecoroni se è vero che hanno abusato be che siano denudati sino alla 10° generazione